Messa per Rossini

Il 10, 12 e 15 novembre al Teatro alla Scala, Milano

0
121
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Venerdì 10 novembre 2017 ore 20 ~ turno A

Domenica 12 novembre 2017 ore 20 ~ turno B

Mercoledì 15 novembre 2017 ore 20 ~ turno C

——-

Coro e Orchestra del Teatro alla Scala

Direttore Riccardo Chailly

MESSA PER ROSSINI

per soli, coro e orchestra

Antonio Buzzolla Requiem e Kyrie

Antonio Bazzini Dies irae

Carlo Pedrotti Tuba mirum

Antonio Cagnoni Quid sum miser

Federico Ricci Recordare, Jesu pie

Alessandro Nini Ingemisco

Raimondo Boucheron Confutatis maledictis

Carlo Coccia Lacrimosa

Gaetano Gaspari Offertorio

Pietro Platania Sanctus

Lauro Rossi Agnus Dei

Teodulo Mabellini Lux aeterna

Giuseppe Verdi Libera me, Domine

——-

Maria José Siri, soprano

Veronica Simeoni, mezzosoprano

Giorgio Berrugi, tenore

Simone Piazzola, baritono

Riccardo Zanellato, basso

Maestro del Coro Bruno Casoni

——-

Prezzi: da 6,50 a 85 euro

Infotel. 02 72 00 37 44

——-

Riccardo Chailly porta alla Scala la Messa per Rossini

Il 10, 12 e 15 novembre il Direttore Musicale dirige l’opera collettiva voluta da Verdi per celebrare il primo anniversario della morte del Pesarese, mai eseguita al Piermarini. Solisti Maria José Siri, Veronica Simeoni, Giorgio Berrugi, Simone Piazzola e Riccardo Zanellato. Il Coro del Teatro alla Scala è diretto da Bruno Casoni.

L’esecuzione, che venerdì 10 sarà trasmessa in diretta da Rai Radio3, diventerà un CD Decca.

Venerdì 10 novembre (repliche il 12 e il 15) Riccardo Chailly anticipa il centocinquantesimo anniversario della scomparsa di Gioachino Rossini (1792-1868) portando per la prima volta alla Scala la Messa per Rossini con cui tredici compositori italiani omaggiarono il grande Pesarese a un anno dalla scomparsa. Solisti saranno Maria José Siri, Veronica Simeoni, Giorgio Berrugi, Simone Piazzola e Riccardo Zanellato. Il Coro del Teatro alla Scala è diretto da Bruno Casoni. I concerti saranno oggetto di registrazione da parte dell’etichetta Decca che pubblicherà il CD in occasione del centocinquantenario rossiniano.

Con l’esecuzione della Messa il Direttore Musicale prosegue un percorso di scoperta e approfondimento del repertorio italiano nella sua interezza teso a valorizzare la ricchezza musicale di tutto l’Ottocento, dal Belcanto al Verismo. Eseguire la Messa significa, oltre che omaggiare Gioachino Rossini – di cui nel 2016 il M° Chailly ha riportato alla Scala La gazza ladra a 200 anni dalla prima -, invitare al riascolto di compositori come Carlo Coccia, Lauro Rossi, Federico Ricci, che ebbero un ruolo importante nel panorama musicale italiano del XIX secolo.

Mercoledì 8 novembre alle ore 18.30 al Ridotto dei Palchi Riccardo Chailly presenterà la Messa per Rossini nel corso di un incontro pubblico con il critico musicale Angelo Foletto organizzato dalla Fondazione Milano per la Scala. Ingresso con prenotazione obbligatoria:

Milano per la Scala,  tel. 02 7202 1647 – segreteria@milanoperlascala.it

La Messa per Rossini porta alla Scala un cast in cui spiccano alcune delle migliori voci, in particolare italiane, dei nostri anni. Maria José Siri, trionfatrice nella Madama Butterfly che ha inaugurato la Stagione 2016~2017 sotto la guida di Riccardo Chailly, tornerà nel prossimo aprile come protagonista della nuova produzione di Francesca da Rimini diretta da Fabio Luisi. Veronica Simeoni, già ascoltata alla Scala come Giulietta ne Les Contes d’Hoffmann e Fenena in Nabucco, ha recentemente riscosso un successo personale ne La forza del destino diretta da Michele Mariotti ad Amsterdam. Giorgio Berrugi, tra i più apprezzati tenori italiani, alla Scala è stato Duca nel Rigoletto con Dudamel e Adorno nel Simon Boccanegra con Chung ed è stato diretto da Zubin Mehta nella Messa da Requiem. Simone Piazzola, uno dei baritoni più musicali ed eleganti di oggi, è noto al pubblico scaligero per aver cantato Luna ne Il trovatore diretto da Rustioni, Silvio nei Pagliacci diretti da Carlo Rizzi e Posa nel Don Carlo diretto da Myung-Whun Chung. Riccardo Zanellato ha debuttato alla Scala come Sparafucile nel Rigoletto diretto da Chailly nel 2006 ed è tornato poi in Aida con Wellber; tra i suoi impegni recenti Filippo II a Genova e a Lipsia.

———

La Messa per Rossini

Fu Giuseppe Verdi a proporre, in una lettera all’editore Tito Ricordi datata 17 novembre 1868, quattro giorni dopo la morte di Rossini, di coinvolgere un gruppo di musicisti nella creazione di questo Requiem per commemorare il Pesarese nel primo anniversario della morte. Si pensò in un primo tempo a una collaborazione fra tre Maestri: Verdi stesso, Carlo Coccia e Saverio Mercadante, che fu costretto a ritirarsi dall’impresa per motivi di salute. Fu quindi costituita presso il Conservatorio di Milano una commissione, di cui fu segretario Giulio Ricordi, per selezionare i partecipanti. Non mancarono le polemiche: l’impresario bolognese Scalaberni per esempio lamentò l’esclusione di giovani compositori come Boito, il cui Mefistofele aveva però incontrato lo sfavore del pubblico, o Marchetti, il cui Ruy Blas aveva avuto migliore ma non eccellente fortuna. I compositori prescelti erano tuttavia tra i più apprezzati del tempo e avevano esperienza in campo operistico (tranne Gaspari) e sacro, oltre a rappresentare diverse aree geografiche, significando un omaggio a Rossini di tutto il Paese. La prima esecuzione assoluta era prevista per il 13 novembre a Bologna: le prime difficoltà emersero quando il direttore designato, Angelo Mariani, accettò di partecipare anche alle celebrazioni di Pesaro suscitando l’ira di Verdi e del Comitato. Fu però Luigi Scalaberni, impresario del Comunale, a creare l’impedimento più grave negando i cantanti a un evento che giudicava in concorrenza con l’attività del teatro. Il Comitato suggerì allora di spostare la prima a Milano ma non riuscì a concretizzarla; Verdi riutilizzò il suo contributo – il Libera me – per la successiva Messa da Requiem in memoria di Alessandro Manzoni (1874). La partitura della Messa per Rossini, a lungo perduta, fu ritrovata dal musicologo David Rosen nel 1986 ed eseguita per la prima volta dalla Gächinger Kantorei diretta da Helmut Rilling nel 1988.

———

I compositori

La Messa si apre con il Requiem e Kyrie di Antonio Buzzolla, musicista napoletano autore di un apprezzato Amleto (1848) e dal 1851 Maestro della Cappella Marciana di Venezia, città in cui fonderà una Scuola Musicale destinata a trasformarsi nel Conservatorio ‘Benedetto Marcello’.

Il Dies irae è firmato da Antonio Bazzini, allora presidente della Società dei Concerti di Brescia. Celebre violinista, aveva vissuto a Parigi prima di tornare in Italia a promuovere in particolare la musica strumentale. Insegnante di Composizione e quindi direttore del Conservatorio di Milano, ebbe tra i suoi allievi Catalani e Puccini.

A Carlo Pedrotti è affidata la composizione del Tuba mirum. Pedrotti, veronese, scrisse una ventina di opere ma fu celebre soprattutto come direttore d’orchestra e organizzatore musicale. Direttore del Regio di Torino dal 1868, fonderà i “Concerti Popolari” che daranno impulso alla diffusione della musica sinfonica.

Antonio Cagnoni, autore del Quid sum miser e insieme a Platania il più giovane dei compositori della Messa, fu prolifico autore di opere buffe, tra le quali Don Bucefalo (1847) ma anche Maestro di Cappella in diverse città italiane.

———

Il Recordare è opera di Federico Ricci, che aveva avuto una felice carriera nel genere buffo in coppia con il fratello Luigi, culminata con il successo di Crispino e la Comare, del 1850, che compare ancora oggi nei cartelloni. Dopo aver diretto la Scuola Imperiale di Canto di San Pietroburgo, nel 1868 Ricci era in procinto di trasferirsi a Parigi.

Al compositore di musica sacra Alessandro Nini, Maestro di Cappella di Santa Maria Maggiore a Bergamo, fu destinato l’Ingemisco. Nini fu anche autore di diverse opere, tra cui La marescialla d’Ancre del 1839 e di una Messa da Requiem.

Il Confutatis e Oro Supplex escono dalla penna di Raimondo Boucheron, Maestro di Cappella del Duomo e collaboratore della Gazzetta Musicale di Milano. Boucheron fu un teorico di solida preparazione, come dimostra la sua Filosofia della Musica (Ricordi 1842).

Carlo Coccia, che insieme a Verdi e Mercadante era stato individuato dall’inizio come autore dell’omaggio a Rossini, è l’unico compositore della Messa più anziano – di ben 10 anni – del Maestro scomparso. Dopo il successo come autore di farse negli anni ’10 / ‘20, aveva trionfato alla Scala nel 1838 con La solitaria delle Asturie; ritiratosi dall’attività teatrale, era succeduto a Mercadante come Maestro di Cappella di San Gaudenzio a Novara dedicandosi alla musica sacra. Suo è il Lacrimosa.

L’Offertorio fu composto da Gaetano Gaspari, Maestro di Cappella di San Petronio a Bologna; oltre che come autore di musica sacra, Gaspari è ricordato come storico della musica e bibliografo: a lui si deve la schedatura dell’archivio di Padre Martini a Bologna.

Per il Sanctus la commissione scelse un compositore assai più giovane dei suoi colleghi: Pietro Platania fu autore di opere (la sua Matilde Bentivoglio trionfò a Palermo nel 1852) e quindi direttore dei Conservatori di Palermo e Napoli, oltre che autore di trattati di armonia e contrappunto.

L’Agnus Dei, inizialmente offerto a Enrico Petrella, fu poi affidato a Lauro Rossi, direttore del Conservatorio di Milano e collaboratore della Gazzetta. Si era dapprima imposto in Europa e in Sudamerica come continuatore della tradizione buffa napoletana, ma seppe poi rinnovare il suo stile guadagnandosi notevole considerazione.

Il Lux aeterna è il contributo di Teodulo Mabellini, prolifico autore per la scena e per l’altare, insegnante di composizione all’Istituto Musicale Fiorentino e Direttore del Teatro della Pergola e dei Concerti Popolari che si tenevano nel Salone dei Cinquecento.

Giuseppe Verdi, promotore dell’iniziativa, si riserva la conclusione con il Libera me destinato a confluire nella Messa da Requiem del 1874. Verdi era allora all’apice della fama, a pochi mesi dalla prima del Don Carlos a Parigi (1867) e alla vigilia di Aida (1871) al Cairo. Verdi ebbe per Rossini un rispetto profondo e una passione antica: tra i suoi primi cimenti, ancora quindicenne, si ricorda una Sinfonia alternativa per Il barbiere di Siviglia, mentre è evidente il debito del Nabucco verso il Mosè in Egitto. Verdi diresse proprio la preghiera del Mosè alla Scala nel 1892 in occasione del concerto per il centenario della nascita di Rossini: sarebbe stata la sua ultima apparizione al Piermarini in veste di direttore d’orchestra.

LEAVE A REPLY