Quel che resta di niente. Vittime e carnefici della narcoguerra messicana

Dal 24 al 29 ottobre al Teatro della Cooperativa, Milano

0
78
Condividi TeatriOnline sui Social Network

da un progetto di Nando dalla Chiesa e Marco Rampoldi

testo Paola Ornati

con Pasquale Di Filippo e Sergio Leone

regia Marco Rampoldi

spazio scenico Marco Rossi

su elaborati e ricerche di Thomas Aureliani, Arianna Bianchi, Valeria Biasco, Gianmarco Crescentini, Mattia Maestri, Martina Mazzeo, Roberto Nicolini, Arianna Zottarel

In collaborazione con CROSS-Osservatorio sulla Criminalità Organizzata

Si ringraziano Università Statale di Milano, Piccolo Teatro di Milano, Libera internazionale Stampo antimafioso,  Unilibera, Wikimafia 

——

Due uomini in scena. Un tavolo. La carta geografica di una Nazione così lontana dall’Italia, così diversa…

Carte. Foto di vittime. Carte bollate. Leggi inefficaci. Dossier inascoltati.

Carte che contengono storie.

Lettere di madri, di padri, di figli. Cronache di vittime. Proclami dei carnefici. Carte che trasformano tutto in carta.

Diventano carta i ricordi, le ricerche di desapareçidos.

Carte che sono sotto agli occhi di tutti, ma in Messico: “vede, ode e tace chi vuol vivere in pace”.

Ma solo in Messico la Storia di uno Stato, la vita di milioni di persone è: carta e parole?

Solo in Messico carta e parole sono specchietti per le allodole che nascondono il “niente” che rimane di intere esistenze?

Solo in Messico di leggi, ideali e cittadini, oggi, resta “niente”?

Il testo nasce dal gruppo di lavoro, proveniente dal corso di Sociologia della Criminalità Organizzata dell’Università degli Studi di Milano, che ha dato vita agli spettacoli, andati in scena al Piccolo Teatro di Milano, E io dico no – Ogni notte ha un’alba e 5 cm d’aria – Storia di Cristina Mazzotti e dei figli rapiti, replicato al Teatro della Cooperativa nella Stagione 2016-’17. È il prodotto di un Osservatorio sulla Legalità che vuole continuare a raccontare attraverso il teatro, le dinamiche che stanno alle spalle del dilagare delle organizzazioni criminali, vicinissime a noi, o da noi molto lontane, ma non per questo meno pericolose.

Riaffermando con forza il valore sociale e civile del palcoscenico.

——

Note allo spettacolo

50.000 morti ammazzati in un anno.

78 sequestri al giorno.

32.318 persone scomparse nel nulla dal 2006 al luglio 2017”

Questo il bollettino di guerra proveniente da un Paese che in guerra non è.

Il Messico oggi è uno Stato controllato per gran parte della sua vita pubblica dalla criminalità organizzata, dai Narcos. È un Paese che non ha più voce internazionale: la stampa è nel mirino del crimine, chi non muore è costretto al silenzio. Un popolo che sembra non avere più diritti a cui appellarsi, sembra non avere più parole per le quali manifestare e lottare. Oggi, la soluzione a cui più tende la 14ma economia del mondo, sembra non poter essere altro che la proclamazione del Narcostato.

——

Orari martedì, mercoledì, venerdì e sabato > 20.30
giovedì > 19.30 – BIGLIETTO UNICO €10
domenica > 17.00

lunedì riposo

——

PREZZI: intero 18 euro – ridotti  15/9 euro
www.teatrodellacooperativa.it  – Via Hermada 8, Milano – tel. 02.6420761

LEAVE A REPLY