The ocean is closed

Il 25 e 26 novembre al Teatro Vascello, Roma

0
57
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Quali sono gli aspetti di un live musicale totalmente rimossi al pubblico? E fino a che punto un musicista è pronto a difendere la dignità della propria musica? Il collettivo di performer She She Pop tenta di minare le dignità, le sicurezze, le abitudini del pluripremiato ensemble tedesco zeitktratzer in The ocean is closed, nuovo spettacolo presentato in Prima nazionale al Romaeuropa festival sabato  25 e domenica 26 novembre al Teatro Vascello.

Da un lato un gruppo di musicisti capace non solo di attraversare tutti i generi musicali del Novecento ma anche di cooperare in diversi ambiti disciplinari tra coreografia, moda, video e performance; dallaltro il collettivo prevalentemente femminile finalista al premio Ubu nel 2015 distintosi per il proprio teatro fortemente sperimentale, in cui le autobiografie dei singoli membri del gruppo concorrono alla trasformazione dello spazio scenico, in un luogo pubblico in cui affrontare tabù, testare linguaggi, gesti e rituali sociali. A essere messi ironicamente alla prova inThe ocean is closed sono proprio la routine dei musicisti, i rituali sottesi a unesibizione musicale, le aspettative del pubblico durante il rito cerimoniale del concerto.

The Ocean si Closed (Loceano è chiuso) è prima di tutto un paradosso – raccontano le She She Pop – chiudere un oceano è impossibile. Questo paradosso rappresenta, per noi, il tentativo di controllare ciò che va al di là di ogni possibilità di controllo. Chi conosce i nostri spettacoli sa che amiamo stabilire sempre delle regole rigorose, attraverso le quali agiamo coerentemente anche in situazioni complesse e con le quali comunichiamo molto razionalmente al nostro pubblico”. E quanto alla genesi dello spettacolo spiegano: “ci siamo lasciati ispirare dalle teorie dello storico olandese Johan Huizinga, secondo il quale tutti gli elementi che compongono la nostra cultura si basano e si sviluppino sullazione del giocare e al meccanismo dellillusione a essa connesso. Questa dimensione caratterizza anche i concerti musicali della tradizione occidentale e i riti sacri. In questi eventi tutti partecipano in quanto giocatori di un gioco che può svolgersi solo se tutti rispettano le regole condivise. In prova abbiamo iniziato a sfidare queste regole, ad esempio cercando di parlare con i musicisti mentre suonavano, chiedendo loro cosa stessero esattamente facendo, distogliendo la loro attenzione, ma allo stesso tempo, cercando di rispettare la fragilità del loro compito e di non rompere lincantesimo nato dalla loro esibizione. In questo modo abbiamo iniziato a inventare nuovi giochi allinterno del gioco-concerto. Volevamo tener viva la bellezza dei loro rituali e dargli maggiore visibilità costruendole una sorta di cornice. La forza del nostro lavoro sta nel riuscire a offrire una nuova inquadratura a queste regole, inquadrarle da un nuovo punto di vista che possa mettere in discussione il nostro stesso lavoro e quello dei musicisti”.

——

Crediti

Performance She She Pop: Sebastian Bark, Lisa Lucassen, Ilia Papatheodorou zeitkratzer: Violino Biliana Voutchkova Violoncello Nora Krahl Corno Elena Kakaliagou Trombone Hilary Jeffery Pianoforte Reinhold FriedlPercussioni Maurice de Martin Direzione artistica Sebastian Bark, Reinhold Friedl, Lisa Lucassen Scene, Costumi Lena Mody Suono Robert Nacken Luci Andreas Harder Drammaturgia Arved Schultze Direzione di produzione Michal Libera 

www.romaeuropa.net

Evento FB: /www.facebook.com/events/131111070938143/

——

Info

25 e 26 novembre

Teatro Vascello

SABATO 25 H 21

DOMENICA 26 H 17

Biglietti da 15 a 20 euro: 

Link acquisto biglietti: https://toptix1.mioticket.it/romaeuropa/it-CH/shows/zeitkratzer%20-%20she%20she%20pop%20play!/events

LEAVE A REPLY