Venerdì 1 dicembre, h. 21.30 fino al 5 dicembre in esclusiva “Riccardo va all’inferno”

0
45
Condividi TeatriOnline sui Social Network

In esclusiva allo Spaio Alfieri il film Riccardo va all’Inferno, venerdì 1 dicembre h. 21.30, lo presentano la regista Roberta della Torre, Gianluca Gori, nel cast, noto al pubblico per il suo personaggio Drusilla Foer, coordina il critico Claudio Carabba.

Una messa in scena per la mai troppo celebre tragedia, violenta e folle, del sovrano zoppo, disposto a tutto pur di indossare la corona di re interpretato da un inatteso Massimo Ranieri, con un cast d’eccezione fra cui Sonia Bergamasco e Silvia Gallerano.


In un fantastico regno alle porte di Roma, vive in un decadente castello la nobile casata dei Mancini, che gestisce un florido traffico di droga e malaffare. Riccardo Mancini è da sempre in lotta con i fratelli per la supremazia e il comando in famiglia, dominata dagli uomini ma retta nell’ombra dalla potente Regina Madre, grande tessitrice di equilibri perversi. Un tragico e oscuro incidente l’ha reso zoppo e storpio fin dalla tenera età, minando fortemente la sua salute mentale e obbligandolo a trascorrere anni in un ospedale psichiatrico. Tornato a casa, apparentemente guarito, Riccardo inizia a tramare per assicurarsi attivamente il possesso della corona, assassinando chiunque ostacoli la sua scalata al potere. Ma quando diventa re…

La regista di quel Tano da morire di cui molti film (Ammore e malavita compreso) sono in varia misura debitori riesce, sin dalle prime sequenze, a rendere quasi tangibile, fisica la decomposizione di un mondo che sintetizza, avvalendosi anche della cifra del grottesco, il lato oscuro della nostra società. Massimo Ranieri si cala nei panni e nel corpo di un Riccardo che vuole vendicare le violenze subite fin dall’infanzia con un’adesione che gli avevamo già visto mettere in atto nell’interpretazione di Pier Paolo Pasolini in La macchinazione. (My Movies)

Ingresso euro 7,00 soci UniCoop Firenze euro 6,00

INFO TEL. 055 5320840 www.spazioalfieri.it

LEAVE A REPLY