Castello di Lunghezza: citofonare Babbo Natale

Otto spettacoli più volte al giorno nella manifestazione alle porte di Roma, visibile fino al 26 dicembre

0
211
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Anche per Santa Claus la vita non è facile. A un certo punto viene addirittura rapito dal Grinch (che odia il Natale più di ogni altra cosa) e da un suo alter ego vestito di nero (e non di rosso) da capo a piedi. Ma i bambini di tutto il mondo non possono restare senza doni, ecco allora intervenire i supereroi Batman e Uomo Ragno, a bordo della rombante Batmobile. Ma non basteranno a liberare Babbo Natale: a farlo sarà Hulk, per l’occasione non più verde ma “rosso natalizio”, che dopo aver sfondato un muro a colpi di bicipite porterà in salvo il vecchio Papà Noel e catturerà i cattivi. È un intreccio di grande fantasia quello che va in scena più volte al giorno al “Fantastico Castello di Babbo Natale” (www.fantasticocastellodibabbonatale.it), nell’ampio parco del maniero medioevale di Lunghezza, alle porte di Roma (in via Tenuta del Cavaliere 230).

Babbo Natale salvato dai supereroi” è solo uno degli otto spettacoli della manifestazione, che si chiude martedì 26 dicembre, che vengono ripetuti a loop dalle ore 10 alle 18 (nei fine-settimana e nei festivi). Rappresentazioni che attingono al patrimonio delle fiabe, come il “Valzer di Natale con le principesse”, dove si mescolano assieme le storie delle celebri coppie di tre favole classiche (la Bella e la Bestia, Cenerentola e la Bella addormentata nel bosco), o come “Nel regno di Frozen”, dove si raccontano le notissime vicende di Anna ed Elsa. Oppure spettacoli che attingono a esperienze artistiche diverse, come il “Volo dell’Elfo”, dove un giovane performer compie acrobazie sospeso a dieci metri di altezza, oppure ancora “Il bosco degli Elfi”, con due attori che offrono un suggestivo spettacolo di bolle di sapone.

Il parco del castello è organizzato come un villaggio, con un palco centrale e tutte le altre aree dedicate agli spettacoli, cui si aggiungono l’Ufficio postale di Babbo Natale (dove i bambini possono scrivere la “letterina” e consegnarla a giovani elfi che ne rilasceranno regolare ricevuta di spedizione), il Giardino d’Inverno (per farsi un selfie con Santa Claus e la slitta trainata da due pony), l’area del Fantatrucco, la Casa del cioccolato, i punti vendita e i servizi (come bar e ristorante). Infine c’è il bellissimo castello, dove è possibile visitare le “stanze private” di Babbo Natale (ad esempio la grandiosa sala del Trono, dove Santa Claus sta seduto ad aspettare i bambini). È possibile, insomma, trascorrere un’intera giornata senza annoiarsi mai, passando da una suggestione all’altra o impegnandosi nelle più varie attività. Un’esperienza sicuramente da fare, che sta riscuotendo un “fantastico” successo di pubblico (si consiglia vivamente di acquistare il biglietto online, proprio per evitare file che possono essere davvero lunghe).

LEAVE A REPLY