Natale al cinema con la grande Arte

Dall'11 al 29 dicembre presso il Cinema Spazio Oberdan di Milano e Area Metropolis 2.0 di Paderno Dugnano (MI)

0
59
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Dall’11 al 29 dicembre 2017 presso il Cinema Spazio Oberdan di Milano e Area Metropolis 2.0 di Paderno Dugnano (MI) Fondazione Cineteca Italiana presenta NATALE AL CINEMA CON LA GRANDE ARTE di Egon Schiele, Henri de Toulouse-Lautrec, Vincent Van Gogh, Julian Schnabel e del CERN, il più prestigioso e grande laboratorio al mondo di fisica delle particelle, dove arte e scienza sono strettamente legate.
Un programma cinematografico ricco di stimoli visivi per un Natale all’insegna della bellezza.

Dopo lo strepitoso successo delle proiezioni di novembre, torna in sala Egon Schiele (2017) di Dieter Berner, il film su uno degli artisti più trasgressivi di sempre, pupillo di Gustav Klimt, l’esponente di punta del primo espressionismo viennese. Un fascino conturbante avvolge la sua breve vita. Caratterizzato da un talento precoce, morto all’età di 28 anni, ha lasciato una produzione impressionante tra dipinti a olio, acquerelli e disegni. Giovane, seduttore, provocatorio e affascinante, agli inizi del XX secolo, Schiele, interpretato sul grande schermo dal talentuoso Noah Saavedra, è tra gli artisti più controversi di Vienna. La sua arte è ispirata da figure femminili affascinanti e disinibite, in un’epoca che sta volgendo al termine con l’avvento della Grande Guerra.

In occasione della mostra Toulouse-Lautrec. Il mondo fuggevole a Palazzo Reale, in programma anche Lautrec (1998) di Roger Planchon, un’opera epica mai distribuita in Italia, affascinante ritratto del pittore parigino Henri de Toulouse-Lautrec.
Alla proiezione di
lunedì 18 dicembre interverrà Claudia Zevi, curatrice insieme a Danièle Devynck della mostra in corso a Palazzo Reale.
Speciale promozione: presentandosi al cinema Spazio Oberdan con il biglietto della mostra di Palazzo Reale si avrà diritto ad assistere alla proiezione del film a prezzo ridotto (€ 6 anziché € 7,50); analogamente i possessori della Cinetessera 2017 e 2018 avranno diritto allo sconto sul biglietto d’ingresso della mostra a Palazzo Reale (€ 10 anziché € 12).

Dopo il successo straordinario delle proiezioni di ottobre, torna in sala anche Loving Vincent (2017), un suggestivo viaggio nella vita e nell’arte di uno dei più grandi artisti di sempre. Vincitore del Premio del Pubblico al Festival d’Annecy 2017, il film racconta dell’amatissimo artista espressionista Vincent Van Gogh, usando la sua stessa tecnica pittorica per la realizzazione di un film d’animazione su tela senza precedenti.
Il film, lavorato in 6 anni, è il primo lungometraggio interamente dipinto: una squadra di centoventicinque artisti ha riprodotto su tela ognuna delle 65mila inquadrature, dipingendo nello stile di Van Gogh.

La Grande Arte al Cinema di Nexo Digital prosegue con L’Arte viva di Julian Schnabel (2017), firmato dal regista Pappi Corsicato, presentato come evento speciale al Tribeca Film Festival e dedicato alla Superstar del panorama artistico newyorkese Julian Schnabel. Con a disposizione una miscela multicolore di materiale tratto dagli archivi personali di Schnabel, riprese nuove dell’artista al lavoro e nel tempo libero e le testimonianze di amici, familiari, attori ed artisti, tra i quali Al Pacino, Mary Boone, Jeff Koons, Bono e Laurie Anderson, Corsicato crea un ritratto affascinante e rivelatore di uno dei pittori più anticonformisti e irrequieti del panorama contemporaneo.

Chiude il programma Il senso della bellezza – Arte e scienza al CERN (2017) diretto da Valerio Jalongo, che mette a confronto le sfide della scienza con quelle dell’arte. Il film è ambientato al CERN di Ginevra, il più prestigioso e grande laboratorio al mondo di fisica delle particelle, e indaga i misteri dell’universo attraverso uno straordinario viaggio all’indietro nel tempo fino al momento della creazione della materia. L’infinitamente piccolo e la vastità dell’universo schiudono le porte di un territorio invisibile, dove gli scienziati sono guidati da qualcosa che li accomuna agli artisti. Tra scienziati che hanno perso l’immagine della Natura, e artisti che hanno smarrito la tradizionale idea di bellezza, attraverso macchinari che assomigliano a opere d’arte e istallazioni artistiche che assomigliano ad esperimenti, emerge un ritratto di attività scientifiche e artistiche come indagine, come immaginazione, come autentico esercizio di libertà. 

——–

SCHEDE FILM

EGON SCHIELE

R.: Dieter Berner. Sc.: D. Berner, Hilde Berger. Int.: Noah Saavedra, Maresi Riegner, Valerie Pachner. Austria/Lussemburgo, 2017, 110’.
Agli inizi del XX secolo, Egon Schiele è tra gli artisti più provocatori e controversi di Vienna. La sua arte è ispirata da donne bellissime e da un’epoca che sta volgendo al termine. Due donne in particolare condizioneranno davvero la sua vita e la sua espressione artistica: sua sorella e sua prima musa, Gerti e la diciassettenne Wally, probabilmente l’unico vero amore di Schiele, immortalata nel suo famoso dipinto “La donna e la morte”. Mentre i dipinti di Schiele creano scandalo nella società di Vienna, collezionisti lungimiranti e artisti già acclamati come Gustav Klimt iniziano a riconoscere l’eccezionale valore della provocatoria e tormentata arte del giovane. Schiele sceglierà di tuffarsi nel dolore del suo disagio esistenziale, facendone la sua cifra stilistica, scegliendo di sacrificare alla sua arte l’amore e la vita.


LOVING VINCENT
R.: Dorota Kobiela, Hugh Welchman. Sc.: D. Kobiela, H. Welchman, Jacek Dehnel. UK/Polonia, 2017, 95’.
Il primo lungometraggio interamente dipinto su tela. Realizzato elaborando le tele dipinte da un team di 125 artisti, il film è composto da migliaia di immagini, create nello stile di Vincent van Gogh (1853-1890), da pittori che hanno lavorato anni per arrivare a un risultato originale e di enorme impatto. Opera dello studio Breakthru productions – vincitore dell’Oscar per il cortometraggio animato Pierino e il lupo – il film racconta, attraverso 120 quadri e 800 documenti epistolari, la vita dell’artista olandese fino alla morte misteriosa, avvenuta a soli 37 anni e archiviata come caso di suicidio. Ma le cose andarono davvero in questo modo? Un team d’eccezione ha dato vita a un lungometraggio poetico e seducente che mescola arte, tecnologia e pittura.


LAUTREC
R.: Roger Planchon, Int.: Régis Royer, Elsa Zylberstein. Francia, 1998, 125’, v.o.sott.it.
Dopo un’infanzia difficile nella casa di famiglia in provincia, Henry Lautrec, ultimo erede diretto dei Conti di Toulouse, si trasferisce a Parigi, nel quartiere di Montmartre, per dare seguito alla propria passione per la pittura. Qui incontra la modella- pittrice Suzanne Valadon, si fa conoscere per l’originale tratto pittorico, e riesce a lavorare molto. Quando Suzanne gli preferisce Renoir, i due litigano subito furiosamente. Piu’ tardi Lautrec incontra e frequenta Van Gogh, quindi si dedica a preparare il manifesto pubblicitario del Moulin Rouge, il locale parigino all’avanguardia nel campo del varietà e ormai diventato luogo d’incontro di artisti di tutta Europa. In uno dei numerosi bordelli di Montmartre, un giorno Lautrec incontra il padre, che ormai non vedeva da tempo. Più avanti, di fronte al ripetersi di continui malesseri, Lautrec apprende di aver contratto nel bordello una grave malattia infettiva. Il suo uso quotidiano di alcolici, gia’ forte, allora aumenta, e lo fa allontanare dalla madre. Lautrec prova a continuare a lavorare, ma la malattia ormai lo domina, e la madre firma per farlo internare in ospedale. Dimesso in un periodo di relativa tranquillita’, Lautrec fa ritorno a casa e qui muore tra le braccia della madre.
Alla proiezione di
lunedì 18 dicembre interverrà Claudia Zevi, curatrice insieme a Daniele Devynck della mostra in corso a Palazzo Reale.


L’ARTE VIVA DI JULIAN SCHNABEL
R. e Sc.: Pappi Corsicato. Int.: Julian Schnabel, Al Pacino, Willem Dafoe, Bono, Emmanuelle Seigner, Vito Schnabel. Italia, 2017, 84’.
Un viaggio nella vita e  nelle opere di un uomo che, grazie a un talento straordinario, diventa uno dei più grandi artisti e registi della sua generazione, firmando capolavori cinematografici come Prima che sia notte (Leone d’argento al Festival di Venezia) e Lo scafandro e la farfalla (miglior regia al Festival di Cannes, due Golden Globe e la nomination come miglior regista agli Oscar). In un mix di video privati, aneddoti familiari e testimonianze degli amici (Jeff Koons, Al Pacino, Bono, Willem Dafoe…), il regista Pappi Corsicato traccia un profilo intimo e originale di Schnabel regalando allo spettatore un accesso esclusivo alla vita privata e artistica di una delle figure più complesse e affascinanti del nostro tempo. 

——–

IL SENSO DELLA BELLEZZA – ARTE E SCIENZA AL CERN
R.: Valerio Jalongo. Svizzera/Italia, 2017, 75’.
Documentando le osservazioni, le ricerche e le scoperte compiute dal CERN di Ginevra dalla sua fondazione nel 1954 ad oggi, il film compie un incredibile viaggio indietro nel tempo dalle origini della materia ai giorni nostri. Gli scienziati del CERN, come artisti, compiono un’accurata indagine alla ricerca della bellezza, dell’armonia dell’universo e delle simmetrie della natura. Il parallelismo tra scienza e arte anima l’intero film, promuovendo una comune idea di libertà e bellezza.

——–

CALENDARIO PROIEZIONI

CINEMA SPAZIO OBERDAN Piazza Oberdan MILANO

11.12 ore 19.15 Loving Vincent
(biglietto intero € 10, ridotto con Cinetessera € 8)
11.12 ore 21.15 Egon Schiele
Biglietto intero € 7,50, ridotto con Cinetessera € 6
12.12 ore 16.30 Egon Schiele
Biglietto intero € 7,50, ridotto con Cinetessera € 6
13.12 ore 21.15 Egon Schiele
Biglietto intero € 7,50, ridotto con Cinetessera € 6
14.12 ore 17.00 Loving Vincent
(biglietto intero € 10, ridotto con Cinetessera € 8)
16.12 ore 21.15 Egon Schiele
Biglietto intero € 7,50, ridotto con Cinetessera € 6
17.12 ore 17.45 Loving Vincent
(biglietto intero € 10, ridotto con Cinetessera € 8)
18.12 ore 21.00 Lautrec
Biglietto intero € 7,50, ridotto con Cinetessera € 6
Intervento in sala di
Claudia Zevi, curatrice della mostra in corso a Palazzo Reale.
20.12 ore 17.00 Lautrec
Biglietto intero € 7,50, ridotto con Cinetessera € 6
22.12 ore 21.15 Lautrec
Biglietto intero € 7,50, ridotto con Cinetessera € 6
26.12 ore 16.15 Lautrec
Biglietto intero € 7,50, ridotto con Cinetessera € 6
28.12 ore 17.00 Lautrec
Biglietto intero € 7,50, ridotto con Cinetessera € 6
29.12 ore 18.45 Lautrec
Biglietto intero € 7,50, ridotto con Cinetessera € 6

——–
AREA METROPOLIS 2.0 Via Oslavia 8 – Paderno Dugnano (MI)

12.12 ore 21.00 Julian Schnabel: a Private Portrait
Biglietto intero € 10, ridotto con Cinetessera € 8
18.12 ore 21.00 Egon Schiele
Biglietto intero € 8,50, ridotto con Cinetessera € 6,50
18.12 ore 21.15 Loving Vincent
Biglietto intero € 10, ridotto con Cinetessera € 8
19.12 ore 21.00 Egon Schiele
Biglietto intero € 8,50, ridotto con Cinetessera € 6,50
20.12 ore 21.00 Il senso della bellezza – Arte e scienza al CERN
Biglietto intero € 8,50, ridotto con Cinetessera € 6,50

LEAVE A REPLY