Il Carnevale degli Animali della Corelli: uno spettacolo per tutta la famiglia

L’Orchestra Ravennate apre il cartellone invernale intitolato “Ceci n’est pas LaCorelli” al Teatro Comunale di Cervia il 10 febbraio 2018

1441

Il repertorio classico offre numerose pagine musicali ispirate al carnevale, alcune di queste sono inaspettatamente drammatiche o malinconiche, come la raccolta Carnaval di Schumann o il balletto Petrushka di Stravinskij, i lavori maggiormente rappresentativi di questo evento rimangono tuttavia quelli più goliardici e colorati come Il Carnevale di Venezia di Paganini (poi rimaneggiato da numerosissimi musicisti) o l’operetta Il Carnevale a Roma di Johann Strauss. Tra questi ultimi si inserisce il Carnevale degli Animali (Le Carnaval des Animaux, è il titolo originale) del compositore francese Camille Saint-Saëns, questo Carnevale è oggi forse il pezzo più conosciuto di Camille che ironicamente ne proibì l’esecuzione mentre era ancora in vita probabilmente per evitare ripercussioni sulla sua carriera e immagine pubblica. Questa Grande Fantasia Zoologica è composta da 13 pezzi brevi, ognuno di essi è ispirato ad un esemplare del regno animale come il Leone e le Tartarughe, oppure a quello antropomorfo come nei due pezzi dedicati ai critici che, senza mezzi termini, sono trasformati in Fossili e Asini raglianti; o ancora nella parodia del pianista principiante dedito a interminabili scale e passaggi mal eseguiti o eccessivamente veloci.

In questa occasione l’esecuzione musicale è stata affidata all’Ensemble Tempo Primo, composto dalle prime parti dell’Orchestra Corelli, che coinvolge il pubblico con un arrangiamento leggero ma fedele alla partitura originale e adatto allo spazio contenuto e informale del Teatro Comunale di Cervia. La vera star della serata è però il ‘mutaforma’ Simone Marzocchi: attore, musicista, regista e pilone portante della Corelli che firma questa produzione sia come regista che come attore. Per la sua natura scherzosa e irriverente questa raccolta si adatta alla perfezione al periodo del carnevale ed in particolare a chi si approccia per la prima volta al repertorio classico, sotto questo punto di vista il lavoro di Simone Marzocchi è magistrale. L’eclettico attore mette in scena un singolare one-man-show trascinando il pubblico, ed in particolare i più piccini, in un turbinio di sketch, cambi di abito e massime sul regno animale: il risultato è uno spettacolo scoppiettante e sopra le righe ma mai irriverente. Il protagonista trascende la quarta parete instaurando un forte legame con il pubblico e riesce nell’opera, non scontata, di rendere divertente e comprensibile a tutti il materiale musicale. Protagonisti oltre a Simone Marzocchi e all’Ensemble Tempo Primo sono i bambini, infatti, dopo un iniziale titubanza il pubblico più giovane entra a gamba tesa nello show e con numerosi interventi scatena l’ilarità generale e disvela la natura didattica di questo spettacolo.

La collaborazione con il Teatro Comunale di Cervia è l’ennesima di un percorso che dura ormai diversi anni (altri 4 spettacoli gli sono dedicati nel cartellone di quest’anno) e si inserisce all’interno delle attività didattiche e divulgative che l’orchestra dedica ai più giovani e agli ascoltatori più avventurosi.

Questa produzione firmata LaCorelli, già portata in scena nelle scuole del territorio Ravennate e nell’Arena delle Balle di Paglia di Cotignola, apre la stagione invernale dell’orchestra dal titolo Ceci n’est pas LaCorelli. Il parallelismo con il celebre quadro di René Magritte è chiaro e forse invita il pubblico ad una riflessione sul materiale musicale, i metodi in cui è rappresentato e fruito.

La stagione relativa alla prima metà del 2018 è ricca di eventi, soprattutto per avvicinare un pubblico giovane, come un concerto dedicato a Star Wars o la rilettura in chiave moderna delle più celebri composizioni di Mozart (TRAZOM – Omaggio a Mozart) ma per i più tradizionalisti sono presenti anche opere (Il Barbiere di Siviglia, Cavalleria Rusticana) e pezzi sacri e di repertorio (Concerti di Pasqua); per ulteriori informazioni e per il calendario completo info su www.lacorelli.it.