Prigionia di Alekos

In scena fino al 18 febbraio 2018 al Teatro Niccolini, Firenze

0
233
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Fulvio Cauteruccio torna dopo due anni di assenza dai riflettori mettendo in scena un’opera entrata appena nel 2015 nel panorama del repertorio della drammaturgia contemporanea, Prigionia di Alekos, del musicista e scrittore di pièce teatrali Sergio Casesi che, con questo testo, vinse il Premio Pergola per la nuova drammaturgia.

Il pubblico viene accolto in un teatro “distrutto” e decomposto, il palco è invaso da macerie e detriti di un paese che ha perso la sua libertà. Siamo in Grecia, negli anni Settanta, durante la dittatura dei Colonnelli. Il nostro prigioniero è Alexandros Panagulis, noto anche con il diminutivo di Alekos, politico, rivoluzionario e poeta greco che si batté per la democrazia e la fine del regime. Il testo di Casesi però si distacca dalla specificità dell’evento; questo diventa solo il presupposto per parlare al pubblico di libertà, di lotta per il raggiungimento di quei diritti essenziali per l’umanità. In questo si è impegnato Alekos, per questo va ricordato. L’eroe combattè la sua prigionia attraverso non solo la resistenza dello spirito, ma anche attraverso la creatività e l’immaginazione. Così uno scarafaggio, battezzato dal prigioniero con il nome di Dalì, coabitante nella piccola cella, sarà il suo confidente e suo interlocutore. Inoltre manca una ricostruzione fedele e didascalica dello spazio e la cella lascia il posto a un luogo surreale che accompagna l’immaginazione verso uno spazio sovrastato da macerie.

Le torture e le privazioni che Alekos è costretto a subire vengono sopportate grazie all’ingresso in un mondo parallelo, popolato di personaggi fantasiosi. Non solo quindi Dalì, ma anche un mendicante cieco, un nuovo Tiresia, e un anziano Caronte sono i veicoli per la salvezza dell’eroe che non si arrende e non confessa.

Anche se a tratti la materia argomentativa rimane in superficie e non sempre riesce a toccare le corde emotive dello spettatore, lo spettacolo, anche grazie ad un’interessante proposta scenografica e alla musica suonata dal vivo, risulta coinvolgente ed interessante.

LEAVE A REPLY