Richard Alston Dance Company – Mid Century Modern

Andato in scena il 23 e 24 marzo 2018 al Sadler Wells di Londra

0
158
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Il coreografo Richard Alston celebra i suoi 50 anni di attività con Mid Century Modern, in prima assoluta al Sadler Wells di Londra il 23 e 24 marzo.

Due serate che marcano un traguardo importante con un programma che guarda al lavoro compiuto fino ad ora ma che si proietta ancora nel futuro.

Richard Alston ha dato un contributo importante alla danza contemporanea inglese, sia nelle collaborazioni con le altre compagnie sia con i suoi lavori: in Mid Century Modern, la storia della sua danza è presentata solo in chiusura, attraverso un best of di 5 brani che ripercorrono ogni decade e un nuovo a solo, creato per la danzatrice Vidya Plate sulle note di Debussy.

Ripercorriamo gli anni 70 con Rainbow Bandit, brano in silenzio dove a parlare sono movimenti veloci e precisi, che continuano negli anni 80 con Dutiful Duck. Dagli anni 90 Alston sceglie Signal of a shake, sulla gloriosa musica di Handel, mentre il nuovo millennio si presenta con Proverb, creato per il compleanno del compositore Steve Reich nel 2006: la musica dal tono medievale gioca sulla ripetizione della frase “How small a thought it takes to fill a whole life”, mentre la danza è lineare e pulita.

L’ultima decade vive con la guest artist Vidya Patel, che interpreta lo stile di Alston con particolare fluidità e movimenti di ampio respiro.

Questa interessante compilation divide il programma con due nuovi lavori: Cut and Run di Martin Lawrence – molto ritmato ma dai toni troppo underground e troppo poco vari – e Carnaval, dedicato alla vita del compositore Schumann attraverso uno stile che è un tributo a Frederick Ashton.

Fil rouge della serata, il senso del lirismo e il piacere della danza, tratti peculiari di uno stile che ci auguriamo la compagnia possa portare avanti per altri 50 anni.

Letizia Cantù

LEAVE A REPLY