Accademia di Santa Cecilia, Juraj Valčuha per Beethoven e Shostakovich

Tre capolavori all’insegna dell’energia con il Triplo concerto e la Sinfonia n.1 di Beethoven e la Sinfonia n.1 di Shostakovich a Roma, il 17, 18 e 19 maggi

0
355
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Per il folgorante esordio e i risultati del primo anno di direzione musicale al San Carlo di Napoli, dove ha restituito i tre diversi linguaggi di Elektra, Carmen e soprattutto Fanciulla del West con affascinante identità sonora, ampliando nel teatro quella profonda maestria di orchestratore, già apprezzata nella precedente costruttiva esperienza con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai”.

Questa la concreta motivazione per cui il maestro Juraj Valčuha è stato insignito poche settimane fa del prestigioso Premio della Critica Musicale “Franco Abbiati” 2018, come migliore direttore dell’anno: un riconoscimento importante per il giovane direttore nato a Bratislava, classe 1976, che torna sul podio dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma con un programma tutto dedicato a tre capolavori di Beethoven e Shostakovich, in programma stasera, alle 19.30 (e in replica venerdì 18 ore 20.30 a sabato 19 ore 18) in Sala Santa Cecilia.

Valčuha, già Direttore Principale dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai nonché Primo Direttore Ospite della Konzerthausorchester di Berlino, torna nella Capitale con un programma all’insegna della continuità con il San Carlo dove ha diretto con successo poche settimane fa Lady Macbeth del Distretto di Mtsensk di Šostakovic: a Santa Cecilia proporrà invece Sinfonia n. 1 scritta fra il 1923 e il 1925, a soli 19 anni dal russo procurandogli immediata fama vista l’originalità della composizione e la ritmica travolgente.

Ma è ancora l’energia il fil rouge della serata che unisce a Šostakovič la Sinfonia n. 1 di Beethoven, del 1799, già ricca delle intuizioni che si svilupperanno nei capolavori della maturità, ma anche il cuore del programma che è il Triplo Concerto di Beethoven (scritto fra il 1803 e il 1804, ma pubblicato nel 1807) forse dedicato all’arciduca Rodolfo d’Austria, allievo di Beethoven per il pianoforte. Brillante e vivace, il Triplo concerto impegnerà importanti solisti, Enrico Pace al pianoforte e le prime parti dell’orchestra ceciliana, entrambi dal 1999, Carlo Maria Parazzoli, Primo violino Solista dell’Orchestra dell’Accademia, affiancato da Gabriele Geminiani Primo violoncello dell’Orchestra.

Il concerto del 18 maggio sarà trasmesso in diretta alle 20.30 su Rai RadioTre, biglietti da 19 a 52 Euro, info www.santacecilia.it.

LEAVE A REPLY