Teatro Metastasio di Prato: ecco la nuova stagione 2018/2019

0
681
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Foto di Donato Aquaro

Quasi a conclusione del suo primo triennio da direttore, assistito fin dallo scorso gennaio dalla consulenza artistica del regista Massimiliano Civica, Franco D’Ippolito annuncia la Stagione 2018/2019 del Teatro Metastasio di Prato.

Con l’ambizione di riconquistare la centralità del teatro nella vita quotidiana attraverso il confronto fra artisti e cittadini, già da due anni una visione concreta del sistema teatro e un forte senso “di responsabilità pubblica di un teatro pubblico” hanno indirizzato le scelte del progetto culturale verso artisti e drammaturgie capaci di restituire una profonda riflessione sull’uomo e sulla realtà di oggi.

Pensando il teatro come la “punta avanzata dell’umanesimo” – dove ci si interroga su vita e morte, religione, senso e fragilità dell’esistenza, società e politica – per tentare di spostare in avanti il gusto e l’abitudine del pubblico, si è scelto di intrecciare la proposta tradizionale a alcune espressioni del nuovo teatro italiano e di investire su una generazione di artisti e repertori dalle dinamiche contemporanee, con un approccio non scontato al “fare teatro” (in senso creativo e produttivo).

Assumendo coscientemente il “rischio culturale” che questa scelta comporta in termini di consenso e di modalità produttive, così come tutto il prossimo triennio 2018-2020, anche la Stagione 2018/2019, è connotata da queste linee programmatiche di apertura al nuovo e di scommessa intellettuale. Rispetto a ciò, in più, con questo nuovo cartellone si affinano due diverse direzioni progettuali:

-una rinnovata e ampliata apertura internazionale che guarda il “fare teatro” in una società globale, con drammaturgie che consentono lo scambio di processi produttivi con grandi teatri e festival stranieri;

-la nascita di Davanti al pubblico, un nuovo progetto di avviamento al lavoro per giovani registi che si svilupperà nel triennio 2018-2020, cui collaborano le residenze artistiche di Castiglioncello e Sansepolcro (Armunia/festival Inequilibrio e CapoTrave/Kilowatt festival), e il circuito regionale Fondazione Toscana Spettacolo. L’opportunità per i tre registi esordienti è quella di accedere ai processi di produzione, con un allestimento all’anno di uno spettacolo che sarà costruito in tappe di residenza, avrà dei predebutti in importanti festival, repliche in stagione Met, e 10 date all’interno del circuito toscano.

Articolato in tutte le quattro sale della Fondazione, il programma mescola comprovati artisti di fama e nuovi “maestri”, vecchie e giovani leve italiane, testi classici e riletture, adattamenti di grandi testi letterari e nuove drammaturgie, con 31 spettacoli di cui 14 nuove produzioni/coproduzioni e 17 spettacoli ospiti:

9 titoli in abbonamento al Metastasio, 7 al Fabbricone, 5 al Fabbrichino, mentre il Magnolfi ospita 10 spettacoli, tra cui il progetto Piacevoli conversazioni (riconfermato dopo il grande consenso di quest’anno) con tre diversi focus d’artista, e il lavoro del regista vincitore del progetto Davanti al pubblico.

Le 14 nuove produzioni/coproduzioni presentate in sede e in tournée sono affidate a:

Letizia Renzini (Decameron.02 da Boccaccio)

Alessandro Averone (Il piacere dell’onestà di Luigi Pirandello)

Opera di Pechino/Marco Plini (Turandot)

Daria Deflorian e Antonio Tagliarini (Quasi niente)

Katie Mitchell (La maladie de la mort di Marguerite Duras)

Nina’s Drag Queen (Queen Lear da Re Lear di Shakespeare)

Anagoor (Orestea da Eschilo)

Federico Tiezzi (Faust Mefistofile di Goethe)

Christian Cerasoli (Happy Hour),

Clyde Chabot (Sicilia)

Riccardo Goretti (Stanno tutti male)

Jan Fabre (The night writer)

Carmelo Alù (Cani morti di Jon Fosse)

Massimiliano Civica (Scampoli).

L’immagine della stagione 2018/2019 è affidata all’artista Andrea De Santis, graphic designer e illustratore molto quotato oltreoceano. Per il Metastasio, come simbolo dello spettacolo, ha disegnato una nuotatrice che esce dal palco in tutta la sua meraviglia coinvolgendo lo spettatore.

CONTEMPORANEA FESTIVAL (dal 24 al 30 settembre 2018), MET RAGAZZI (da novembre 2018 a luglio 2019), METJAZZ (febbraio 2019) e una serie di eventi speciali, approfondimenti e attività di formazione di studenti e pubblico completano l’offerta delle attività della Stagione 2018/2019.

La campagna abbonamenti si aprirà l’11 giugno con le riconferme online degli abbonamenti a posto fisso e il 5 settembre al botteghino per gli abbonamenti a posto fisso e sostenitore. Dal 17 settembre si potranno acquistare online e al botteghino gli abbonamenti a posto fisso, sostenitore e a scelta.

———–

Info Teatro Metastasio – tel 0574 608501

LEAVE A REPLY