Siena Jazz – Seminari Internazionali Estivi (48° edizione)

Dal 24 luglio al 7 agosto a Siena

0
161
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Siena JazzCon 34 docenti internazionali tra i migliori musicisti del mondo e 115 allievi (il massimo di posti disponibili) provenienti da XX diverse nazioni, dal 24 luglio al 7 agosto a Siena si svolge la 48esima edizione dei seminari internazionali estivi di Siena Jazz.

Sono numeri da capogiro quelli dell’edizione 2018: in programma 64 laboratori musicali per oltre 100 ore complessive di attività didattiche, che portano alla formazione delle 64 classi di musica d’insieme che si alterneranno nelle 26 aule tecnologiche di Siena Jazz.

La città intera vivrà così una felicissima “invasione” musicale che culminerà in un cartellone di 16 spettacoli tutti ad ingresso libero che si svolgeranno in luoghi inediti e suggestivi e che vedranno esibirsi star internazionali e ben 104 gruppi musicali di allievi e docenti. Gli studenti sono provenienti da tutti e cinque i continenti e in particolare oltre all’Italia sono presenti le seguenti nazioni: Stati Uniti d’America, Australia, Canada, Belgio, Olanda, Slovenia, Spagna, Svizzera, Brasile, Grecia, Hong Kong, Israele, Gran Bretagna, Germania, Turchia, Tunisia, Corea,Taiwan.

È una vera festa della musica quella che ci apprestiamo a vivere – commenta il presidente Fabio Bizzarri-. Due settimane all’insegna del “suonare” condividendo esperienze, confrontando linguaggi musicali e armonizzando le culture di paesi diversi, il tutto all’interno di una organizzazione della didattica innovativa che conferma la prestigiosa istituzione senese come eccellenza europea nell’alta formazione musicale”.

——-

I CONCERTI

Sarà un’anteprima internazionale quella che lunedì 23 luglio darà il via alla lunga estate senese di grande musica. Alle ore 21.30 il suggestivo Cortile del Podestà, cuore pulsante di Piazza del Campo, ospita il Coro del Conservatorio di Tbilisi (Georgia) con i docenti di Siena Jazz per un concerto in due set che vede protagonisti nella prima parte Dato Shugliashvili, (voce), Natalia Zumbadze (voce) e Otar Kapanadze (voce), con Fulvio Sigurtà (tromba), Mirco Mariottini (clarinetto), Rezo Kiknadze (sax tenore), Alessandro Giachero (piano), Franco Fabbrini (basso) e Irakli Korkotashvili (batteria). Il secondo set sarà invece affidato a Nino Jvania (piano), Dato Shugliashvili (voce), Natalia Zumbadze (voce) e Otar Kapanadze (voce).

Martedì 24 luglio sarà invece Piazza Provenzano ad accogliere il concerto di apertura del seminari. Sul palco la “Siena Jazz University Orchestra” diretta da Roberto Spadoni, per una prima parte che vede la partecipazione straordinaria di Fulvio Sigurtà (tromba). Quindi sarà il “Claudio Fasoli Samadhi Quintet” a entusiasmare il pubblico con Claudio Fasoli, (saxofono soprano e tenore), Michael Gassmann (tromba e flicorno), Michelangelo Decorato (pianoforte), Andrea Lamacchia (contrabbasso) e Marco Zanoli (batteria).

——-

SIENA JAZZ MASTERS

Mercoledì 25 luglio sempre la magnifica Piazza Provenzano sarà palcoscenico per il primo appuntamento dei “Siena Jazz Masters”. Il primo set propone un inedito quartetto con Fulvio Sigurtà (tromba), Roberto Cecchetto (chitarra), Joe Martin (contrabbasso) e Ettore Fioravanti (batteria). La seconda parte sarà affidata alla voce di Diana Torto con Miguel Zenon (sax alto), Matt Mitchell (pianoforte), Matt Penman (contrabbasso) e Henry Cole (batteria).

Siena Jazz Masters” protagonisti anche giovedì 26 luglio all’interno del Cortile del Rettorato, grazie alla collaborazione con l’Università degli studi di Siena. Due le formazioni nate appositamente per questa serata che si scambieranno il palco: l’apertura è affidata Ralph Alessi (tromba), Achille Succi (clarinetti), Furio Di Castri (contrabbasso) e Henry Cole, (batteria). Nella seconda parte: Ralph Alessi (tromba) sarà con Theo Bleckmann (voce), Stefano Battaglia (pianoforte), Gilad Hekselman (chitarra) e Matt Penman (contrabbasso).

Mercoledì 1 agosto la musica torna in Piazza Provenzano dove il Conservatorio di Amsterdam con Ian Cleaver (tromba), Jasper Bloom (sax tenore), Tijs Klaassen (contrabbasso) e Wouter Kühne (batteria) aprono lo spettacolo di che sarà concluso da un set di “Siena Jazz Masters” che vede riuniti Susanne Abbuehl (voce), Maurizio Giammarco (sassofono), Phil Markowitz (pianoforte), Ben Street (contrabbasso) e Jeff Ballard (batteria).

Sempre Piazza Provenzano accoglie il concerto di giovedì 2 agosto: in apertura la formazione con Jen Shyu (voce), Shane Endsley (tromba), David Binney (sassofono), Nir Felder (chitarra), Chris Tordini (contrabbasso) e Fabrizio Sferra (batteria), cui seguirà il set che vede protagonisti Giovanni Falzone (tromba), Ben Wendel (sassofono), Kenny Werner, pianoforte; Lage Lund (chitarra), Paolino Dalla Porta (contrabbasso) e Jeff Ballard (batteria).

Venerdì 3 agosto nella Chiesa di Sant’Agostino CHIGIANA MEETS SIENA JAZZ: torna l’appuntamento che nasce dalla felice collaborazione tra Siena Jazz e l’Accademia Musicale Chigiana, che quest’anno si arricchisce dell’apporto dell’ISSM “Rinaldo Franci”.

Bernstein-Gershwin Sounding Times”, è il concerto che vede sul palco David Krakauer (clarinetto), Antonio Caggiano (percussioni), Pino Ettorre (contrabbasso), Giovanni Falzone (tromba), Achille Succi (clarinetto basso) con la Siena Jazz University Orchestra, la Chigiana Percussion Ensemble e l’Orchestra dei Conservatori della Toscana. Dirigono Tonino Battista e Roberto Spadoni.

——-

LE JAM SESSION IN CONTRADA

Dal 27 al 29 luglio e ancora dal 4 al 5 agosto via le Jam Session in Contrada che ogni sera porteranno a scoprire il cuore più intimo delle città, con la partecipazione estemporanea di docenti e studenti dei corsi che si esibiranno nei suggestivi giardini di alcune delle società delle storiche contrade senesi. Si svolgono sempre in Contrada il 30 e 31 luglio e ancora il 6 e 7 agosto, quattro serate strepitose che vedranno esibirsi tutti e 64 i gruppi di musica di insieme nati nel corso dei seminari 2018 e diretti ciascuno dal proprio docente che suonerà come leader della formazione, regalando una vera festa della musica.

LEAVE A REPLY