Una striscia di terra feconda – Festival franco-italiano di jazz e musiche improvvisate

Il 1° e 4 settembre a Tivoli (RM)

0
917

Una striscia di terra fecondaSabato 1 settembre 2018 ore 19,00

NOVEMBRE  Antonin-Tri Hoang  sassofono, Romain Clerc-Renaud  pianoforte, Elie Duris  batteria, Thibault Cellier  contrabbasso

Jazz migration – Prima nazionale

CRISTINA ZAVALLONI SPECIAL MOON”: Cristina Zavalloni voce, arrangiamenti, composizione, Cristiano Arcelli sax alto, Daniele Mencarelli basso fender, Alessandro Paternesi batteria

——- 

Martedi 4 settembre 2018 ore 19,00

VINCENT COURTOIS TRIO Vincent Courtois cello, Daniel Erdman saxophone, Robin Fincker saxophone

Prima nazionale

GIOVANNI GUIDI pianoforte / THEO CECCALDI violino

Produzione originale

Il festival Una striscia di terra feconda ha inventato ormai 21 anni fa e per la prima volta in Europa una forma di festivaldel tutto originale, invitando esclusivamente musicisti italiani e francesi, incentivando la creazione di formazioni con artisti dei due Paesi e valorizzando non soltanto i musicisti più conosciuti ma anche i migliori giovani talenti, grazie anche alla commissione di musica inedita e alle produzioni originali pensate per la rassegna.

——- 

L’1 e il 4 settembre a Tivoli, con il contributo del MiBAC, dellIstituto autonomo Villa Adriana e Villa dEste, nella splendida cornice di Villa DEste presso la Terrazza della Pallacorda, dalle ore 19.00 si potranno ascoltare prima nazionali e produzioni originali.

Sabato 1 settembre, in prima nazionale,il quartetto francese Novembre’, Antonin-Tri Hoang, sassofono, Romain Clerc-Renaud ,pianoforte, Elie Duris ,batteria e Thibault Cellier , contrabbasso,vincitore del concorso Jazzmigration, presenterà un programma che si interroga sul ruolo della memoria nella percezione del tempo. Zapping e collage sono strumenti che destrutturano le ampie partiture, rimontate ogni volta in modo sorprendente, tra giochi di specchi e frammenti di puro lirismo. A seguire la splendida voce di Cristina Zavalloni, una delle più significative cantanti europee, con il suo nuovo progetto Special Moon dedicato alla Luna: regolatrice delle maree, astro femminile per eccellenza, la luna è da sempre ispiratrice di liriche e canzoni. Il repertorio proposto spazia da brani più conosciuti come Fly me to the moon, Tintarella di luna, Au clair de la lune, Blue Moon a tesori nascosti come il brano griko salentino Orriotto fengo, l’evocativa Autumn Noctune, l’aria Belliniana Vaga Luna che inargenti,  e molto altro. Con lei sul palco:Cristiano Arcelli ,sax alto, Daniele Mencarelli ,basso fender, Alessandro Paternesi, batteria.

Martedi 4 settembre, Vincent Courtois, prodigioso virtuoso del violoncello di formazione classica, che attraversa  con sapienza diversi generi musicali. La sua curiosità ed eclettismo lo ha portato a suonare con musicisti molto diversi come Christian Escoudé, Michel Petrucciani, Michel Portal, la sua partecipazione alla formazione di Rabih Abou Khalil lo impone come solista di classe mondiale. A Tivoli, in trio con due eccellenti sassofonisti, Daniel Erdman e Robin Fincker, presenta in prima nazionale un delizioso programma tratto dalle colonne sonore di autori come Rota, Legrand, Williams. Chiuderà la serata Non mancheranno produzioni originali – la caratteristica principale del festival il Duo Giovanni Guidi/ Theo Ceccaldi. Giovanni Guidi dopo aver vinto il Top jazz 2007 come miglior nuovo talento, va considerato senza dubbio tra i migliori musicisti jazz in Italia, sia per quanto fatto come sideman con Rava che alla testa di gruppi diversi, come la Unknown Rebel Band, o in duo con Gianluca Petrella. Ha suonato nei più importanti festival del mondo, Incide per la ECM. Qui lo ascolteremo per la prima volta  con Theo Ceccaldi, violinista e compositore, certamente una delle grandi rivelazioni della scena jazz contemporanea francese, eletto nel 2017 miglior musicista jazz di Francia dallautorevole mensile Jazz Magazine. Un duo che immaginiamo sorprendente e ricco di pathos, humour e lirismo, da non perdere.

L’amicizia tra Paolo Damiani (musicista, Direttore del Dipartimento Jazz presso il conservatorio S. Cecilia, compositore) e Armand Meignan (Direttore dei festival jazz di Le Mans e Nantes nonché Presidente-creatore di AFIJMA -AJC, rete di festival francesi con oltre 70 aderenti) ha creato un nuovo festival, Una striscia di terra feconda: poetico nome rubato a Rilke per un evento fondato sull’incontro, l’amicizia, lo scambio creativo tra jazz francese e   italiano.

Il festival è reso possibile grazie anche allinedita sinergia non solo ideale ma anche di risorse economiche che si è venuta a creare tra partners pubblici del massimo prestigio che negli anni lo hanno sostenuto: il Ministero per  i Beni e le Attività Culturali, il MiBAC, lIstituto autonomo Villa Adriana e Villa dEste, il Ministero Francese della Cultura, la Regione Lazio, lAssessorato alle Politiche Culturali del Comune di Roma, il Comune di Tivoli-Assessorato alla Cultura, la SIAE, la Fondazione Musica per Roma, AJC (Association Jazzé Croiseé), l’INPS -Fondo PSMSAD ex Enap, lInstitut Français, la Fondazione Nuovi Mecenati, RAI-Radio 3, MIDJ (associazione musicisti italiani di jazz), la Yamaha, Puglia Sounds, la SACEM, la FCM (Le fond pour la création musicale), il CNV (Centre national de la chanson, des varietés et du jazz),  Adami, Spedidam, SPPPF, I-Jazz.

Una Striscia di terra feconda esiste per favorire la creazione di gruppi con musicisti dei due Paesi e per affermare la nostra fiducia nei valori culturali e sociali espressi dallEuropa, dichiarano i due Direttori Artistici,Paolo Damiani e Armand Meignan

——- 

INFO: 0774 311608

Ingresso 5 euro

www.associazioneteatrodellascolto.it

 

LEAVE A REPLY