Il Trovatore

Il 26 ottobre, ore 20.30, al Teatro Pergolesi, Jesi (AN)

0
188
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Trovatore Jesi 2018Venerdì 26 ottobre alle ore 20,30 “Il Trovatore” di Verdi inaugura la 51^ Stagione Lirica di Tradizione del Teatro Pergolesi di Jesi. Direzione è di Sebastiano Rolli, regia di Valentina Carrasco. Nuova la produzione collocata nell’epoca fascista con l’amore dei due giovani partigiani Leonora e Manrico contrastato dal potere costituito. Replica domenica 28 ottobre ore 16.

Si apre venerdì 26 ottobre alle ore 20,30 (replica domenica 28 ottobre ore 16) con “Il Trovatore” di Giuseppe Verdi, la 51^ Stagione Lirica di Tradizione del Teatro Pergolesi di Jesi, che festeggia quest’anno i 220 anni dell’inaugurazione del Teatro ed insieme il 50esimo del riconoscimento di Teatro di Tradizione. Il cartellone, curato dalla Fondazione Pergolesi Spontini con il sostegno del Ministero per i beni e le attività culturali, della Regione Marche e del Comune di Jesi, propone quest’anno tre titoli, con due opere liriche tra le più amate dal pubblico (oltre al “Trovatore” anche “Nozze di Figaro” di Mozart”) e “Gran Circo Rossini”, un nuovo CircOpera al debutto assoluto che fonde i linguaggi dell’Opera Lirica e del Circo. L’ascolto dell’opera “Il Trovatore”, dramma in quattro parti di Salvatore Cammarano dal dramma El Trovador di Antonio Garcìa-Gutiérrez, sarà introdotto al pubblico da Elena Cervigni, con il tradizionale appuntamento “Il libretto in 30 minuti” che di terrà venerdì 26 ottobre alle ore 19 e domenica 28 ottobre alle ore 15. Nuova la produzione, coprodotta da Fondazione Pergolesi Spontini, Fondazione Rete Lirica delle Marche e Teatro Marrucino di Chieti. La direzione è di Sebastiano Rolli sul podio della Form Orchestra Filarmonica Marchigiana, Il Coro è del Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno guidato da Giovanni Farina. Firma la regia dello spettacolo, insieme alle luci, Valentina Carrasco, artista argentina che ha debuttato in Italia con successo nel 2017 alle Terme di Caracalla nella Carmen. Le scene, di Giada Abiendi, sono state realizzate nel Laboratorio scenografico della Fondazione Pergolesi Spontini. I costumi sono firmati da Elena Ciccorella.
Il soprano marchigiano Marta Torbidoni canta Leonora, Ivan Defabiani è Manrico, Simone Alberghini è il Conte di Luna, nel ruolo di Azucena è Silvia Beltrami. Completano la compagnia di canto Roberto Lorenzi (24-26/10) e Carlo Malinverno (28/10) si alternano nel ruolo di Ferrando, Alexander Vorona (Ruiz/un messo), Susanna Wolff (Ines), Davide Filipponi (un vecchio zingaro). Nel nuovo allestimento, Valentina Carrasco colloca la vicenda durante l’epoca fascista, per rappresentare l’amore dei due giovani partigiani Manrico e Leonora contrastato dal potere costituito, identificato con il Conte di Luna nelle vesti del capo del “Ministero della propaganda” del regime. Così Valentina Carrasco spiega la scelta di attualizzare Il Trovatore negli anni del Fascismo: “Fu proprio Verdi – scrive la regista – a scegliere come argomento della sua opera il dramma spagnolo El trovador, lavoro di Antonio García Gutiérrez partecipe della tendenza liberale del Romanticismo, con uno sfondo storico sul quale spicca il conflitto tra una figura emblematica della nobiltà tradizionalista e un eroe marginale e umile. Nel volere avvicinare l’argomento a una realtà più vicina alla nostra, abbiamo concepito il personaggio di Manrico come un giornalista clandestino schierato coi partigiani mentre il Conte, suo acerrimo nemico, dirige il ministero della propaganda e vuole censurare la voce lirica e libertaria del figlio della zingara. È però una rivalità che oppone anche due fratelli, facendosi, a loro insaputa, devastante. Con questa premessa abbiamo pensato che per il pubblico italiano sarebbe stato significativo affrontare un periodo di violenta e fratricida crisi interna come il tramonto del ventennio fascista, quando il Paese si divise tra fascisti e partigiani. Tra i due c’è anche una donna: Leonora, personaggio che nella nostra versione sembra tratto da un film di De Sica, è un cuore coraggioso che, lavorando per il Conte al ministero, si sente attratta dallo spirito poetico e libertario dei partigiani e cerca di aiutarli, rappresentando così un motivo in più per loro rivalità, forse il più forte di tutti: l’amore”. La 51esima Stagione Lirica di Tradizione del Teatro G.B. Pergolesi, che proseguirà poi con “Nozze di Figaro” di Mozart e con il debutto assoluto del “Gran Circo Rossini”, è organizzata dalla Fondazione Pergolesi Spontini. La sostengono il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e della Regione Marche, i Soci Fondatori Comune di Jesi e Comune di Maiolati Spontini, Partecipanti Aderenti Comune di Monsano e Comune di San Marcello, partecipante sostenitore è la Camera di Commercio di Ancona, fondatori sostenitori il gruppo Art Venture con Gruppo Pieralisi, Leo Burnett e Starcom Italia, il patrocinio è del Consiglio regionale delle Marche. Sponsor Tecnici sono Santarelli & Partners e Istituto Marchigiano di Tutela Vini, Partner della stagione la Poliarte, l’Unione Stilisti Marche, Etjca. Sponsor Opera è Clabo spa. Si ringrazia Ubi Banca, Prometeo Spa e tutti i Mecenati 2018 per il contributo erogato tramite Art Bonus.

LEAVE A REPLY