Sul cammello e all’ombra del bastone

Il 5 novembre, ore 20.30, al Teatro Carcano, Milano

0
542
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Sul cammello e all’ombra del bastoneIn che modo Eratostene calcolò la circonferenza terrestre? Solo con l’aiuto di un bastone, di un cammello e dei suoi ragionamenti…* E come Ipparco intuì l’esistenza dell’America? La cultura greca ha una faccia nascosta, come la luna: è la faccia del razionalismo scientifico, senza il quale non sarebbe possibile la tecnologia che domina la vita di tutti noi, irrazionalisti compresi, e che costituisce la vera radice della nostra civiltà.

E come sulla faccia visibile della cultura greca svettano l’Iliade e l’Odissea di Omero e i Dialoghi di Platone, così su quella nascosta si ergono maestose le prime sistemazioni della matematica e della logica occidentali: gli Elementi di Euclide e l’Organon di Aristotele. Non soggettivi racconti di guerra o di viaggio, né personali opinioni etiche o morali, ma oggettive e impersonali descrizioni di precise scoperte, destinate a rimanere immutabili, e rimaste immutate, nei secoli.

*Eratostene calcolò la circonferenza della Terra con un’ottima approssimazione (40.500 km contro i reali 40.009 km) mettendo in relazione l’ombra proiettata per terra dal bastone in un giorno zenitale e la distanza che separa due città, calcolata usando come unità di misura i giorni di viaggio in cammello.

———–

Al Teatro Carcano di Milano

lunedì 5 novembre 2018 ore 20,30

Piergiorgio Odifreddi

SUL CAMMELLO E ALL’OMBRA DEL BASTONE

ovvero La matematica dei Greci da Pitagora ad Archimede

Un progetto di Sergio Maifredi e Piergiorgio Odifreddi

Produzione Teatro Pubblico Ligure in collaborazione con Corvino Produzioni

Prezzi: posto unico numerato € 18,00 – over 65 € 15,00 – studenti e under 26 € 13,50

Prenotazioni: 02 55181377 – 02 55181362

Prevendite online: www.ticketone.itwww.happyticket.itwww.vivaticket.it

———–

TEATRO CARCANO

Corso di Porta Romana, 63 –20122 Milano

info@teatrocarcano.com – www.teatrocarcano.com

LEAVE A REPLY