Teatro Eugenio Pazzini (Verucchio, RN): ecco la nuova stagione 2018/2019

0
177
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Teatro Eugenio PazziniTerzo step di un progetto culturale che mira a rilanciare Verucchio nella rete teatrale Valmarecchia. Dopo gli incentivanti numeri della stagione passata il Comune di Verucchio e la Compagnia Fratelli di Taglia, a cui è affidata la direzione artistica, grazie ad un lavoro sinergico, sempre più in alto, con lo sguardo oltre le mura del Teatro e oltre le mura del borgo.

Positivo il giudizio espresso dal Sindaco di Verucchio Stefania Sabba sulla prossima stagione teatrale che “si presenta più estesa nel tempo ma soprattutto ricca e diversificata nella proposta culturale. Appuntamenti capaci di intercettare un pubblico numeroso, sia appassionato di musica, di prosa, di commedia o teatro comico. E’ proprio questa ricchezza che cerchiamo per il teatro Pazzini, luogo dell’arte per eccellenza ma anche di socializzazione e arricchimento culturale per tutti coloro che lo frequentano. I complimenti dell’amministrazione ed i miei personali alla Compagnia Fratelli di Taglia per essere riusciti anche quest’anno, a coinvolgere nella programmazione tutte le esperienze laboratoriali e le compagnie locali attive sul territorio, nonché per aver voluto portare sul palcoscenico del teatro Eugenio Pazzini di Verucchio il loro omaggio rivolto alle donne nella serata del 8 marzo 2019“.

La Stagione 2018/2019 del Teatro Eugenio Pazzini è promossa e finanziata dal Comune di Verucchio, con il contributo della Regione Emilia – Romagna, con il contributo di Rete Teatrale Valmarecchia e ATER Associazione Teatrale Emilia Romagna – Circuito Regionale Multidisciplinare e il sostegno di Banca Malatestiana, Centro Commerciale I Malatesta e Perlaverde. Alterecho, Marcar, Oshad Pub, Piad@styl€, La Fratta e Tiee Cibo & Vino e Osteria La Barcaccia. Media partner è Radio Sabbia.

——–

PROSA E COMICO D’AUTORE

La nuova stagione del Pazzini inizia sabato 24 novembre (ore 21,15) con la finale del 2° Premio Nazionale Bianca Maria Pirazzoli. Ideato da Claudia Palombi questo concorso mira a tenere vivo e a valorizzare lo spirito di una donna che ha saputo rivoluzionare il linguaggio teatrale attraverso studi e lavori sia sullo spazio scenico che sul corpo dell’attore.

Finita la fase di scrematura e selezione è giunto il momento di premiare coloro che si sono distinte maggiormente. Il premio è stato diviso in 3 sezioni le cui vincitrici verranno premiate la sera stessa: Sezione A – attrici professioniste, in cui sono state selezionate 3 attrici che si esibiranno con un loro monologo; Sezione B – aspiranti attrici: la vincitrice avrà l’opportunità di esibirsi la sera stessa con specialità del suo repertorio.

Infine Sezione C – miglior monologo al femminile inedito

Domenica 13 gennaio (ore 21,15) Valentina Lodovini con Tutta casa letto e chiesa. da un testo di Dario Fo e Franca Rame: è uno spettacolo sulla condizione femminile, in particolare sulle servitù sessuali della donna. Si ride, e molto, ma alla fine resta addosso una grande amarezza. Il protagonista assoluto di questo spettacolo sulla donna è l’uomo, mostrato in tutta la sua prepotenza verso la “donna-oggetto” vista solo come sfogo sessuale. A riempire il palcoscenico saranno tre storie di donne tutte intrappolate nello stesso girone infernale.

Sabato 2 febbraio (ore21,15) Roberto Mercadini con Moby Dick (sebbene molti abbiano tentato) da Melville. Un tuffo nei meandri più scuri e inesplorati dell’oceano con il monologo dell’attore cesenate alla ricerca del cetaceo più famoso della letteratura. Moby Dick non racconta una storia. Non è un romanzo. Forse neppure un libro. È’ un mostro che sta fra gli altri volumi scritti come il leviatano bianco sta in mezzo alle altre creature marine.

Sabato 16 febbraio (ore 21,15) si ride con Max Paiella e il suo Paiella per tutti…offro io”. Lo spettacolo comico-musicale è il racconto di un cantautore un po’ ingenuo alle prese con i discografici. Max si presenta a diversi produttori musicali e propone le sue canzoni ma non vengono apprezzate. Un bel giorno però trova la sua strada e inizia a comporre canzoni sull’esempio dei grandi artisti italiani. Sentiremo canzoni baglionate, cocciantate, albanate, tizianoferrate, paolocontate, battiatate, tiromancinate, califanate. Ed anche dolcenerate, nanninate, vibrazionate, negramarate…

Sabato 2 marzo (ore 21,15) Enrico Lo Verso in “Uno, Nessuno, Centomila” dal romanzo di Luigi Pirandello, PREMIO FRANCO ENRIQUEZ 2017 – Alla regia e all’interpretazione

PREMIO DELIA CAJELLI per il Teatro 2018

L’omaggio a Luigi Pirandello, attraverso l’adattamento teatrale del più celebre dei suoi romanzi: la storia di un uomo che sceglie di mettere in discussione la propria vita a partire da un dettaglio minimo insignificante. Il pretesto è un’osservazione banale che viene dall’eterno. I dubbi di un’esistenza si dipanano intorno ad un particolare fisico. Le cento maschere della quotidianità lasciano il posto alla ricerca del SE’ autentico, vero, profondo. L’ironia della scrittura rende la situazione paradossale, grottesca, accentua gli equivoci. La vita si riapre come in un gioco di scatole cinesi, e nel fondo è l’essenza: abbandonare i centomila per cercare l’uno a volte può significare fare i conti con il nessuno.

Venerdì 8 marzo (ore 21,15) si celebrano le donne con la Compagnia Fratelli di Taglia e Donna, lirica…onirica: nella giornata della Festa della Donna, una serata interamente dedicata a LEI per ricordare che tanti passi sono già stati fatti ma le donne risultano ancora oggi discriminate e la strada da percorrere per una uguaglianza sociale è ancora lunga.

Spettacolo di narrazione con canto lirico, tessuto aereo e fusion dance, per parlare delle donne, per celebrare le donne che con il loro coraggio hanno saputo cambiare le loro sorti e quelle di un’intera società. Una festa, dove i racconti di Franca Rame, Stefano Benni, Amnesty International, poesie di Alda Merini, Jacques Prévert, narrati da Marina Signorini e Patrizia Signorini si alterneranno a momenti di puro virtuosismo artistico, il bel canto Lirico del mezzosoprano Daniela Bertozzi, le magiche atmosfere create da Irina Dainelli e Elias Moroncelli sul tessuto aereo e la sensuale Fusion Dance di Valentina Giglio.

Sabato 30 marzo (ore 21,15) si chiude la stagione con Chronos3 e Assocerò sempre la tua faccia alle cose che esplodono di Emanuele Aldrovandi – Premio nuova drammaturgia Pier Vittorio Tondelli Riccione 2013.

Un brechtiano spettacolo scandito in quadri che cerca di esplorare la realtà delle seconde generazioni di immigrati in Europa e apre a squarci di riflessione sulle dinamiche sociali del multiculturalismo nell’Europa contemporanea con un approccio talvolta empatico talvolta concettuale. L’obiettivo ultimo è quello di esplorare il mistero che circonda questi fatti contemporanei, approfondendone le dinamiche sociali ma soprattutto le strutture tragiche e archetipe con ironia e originalità.

——–

CONCERTI D’AUTORE

Sabato 1° dicembre (ore 21,15) serata di jazz con Fabrizio Bosso, eletto uno dei migliori trombettisti del nostro paese, e il suo omaggio “Chet to Chet” a Chat Baker in una serata esclusiva. Insieme a lui sul palco i JAZZinc: Alessandro Fariselli – Sax Tenore, Alessandro Altarocca – pianoforte, Stefano Senni – contrabbasso, Fabio Nobile – batteria. Chet Baker si può considerare il sommo poeta della musica Jazz, in grado di emozionare con sinfonie che provenivano direttamente dal suo cuore ed erano in grado di arrivare alla gente anche con un range ristretto dello strumento.

Venerdì 21 dicembre (ore 21,15) è tempo di gospel con Roderick Giles & Grace. Direttamente da Washington DC un gruppo di 6 talenti di questo genere musicale. Dopo aver cantato alla Casa Bianca e preso parte alla cinquantaduesima registrazione della grande cantante Gospel Dorothy Norwood, sono pronti a portare amore, pace e speranza anche a Verucchio.

Sabato 19 gennaio (ore 21,15) rock e psichedelia con i Floyd Machine e Pink Floyd live at Pompei & 1972”. Un magico tributo ai Pink Floyd, celebre rock band britannica, con un’accurata selezione di brani riproposti fedelmente: dall’utilizzo di strumenti vintage come tastiere, chitarre e bassi, batteria agli effetti luce che accompagneranno il pubblico nelle atmosfere dei primi concerti dei Pink Floyd.

Venerdì 15 marzo (ore 21,15) musica da Nobel con i Malafesta e Bob Dylan in hell. Bob Dylan è stato attraverso l’Inferno, negli stessi luoghi percorsi da Dante 718 anni fa. Anche lui ha visitato tutti i nove cerchi e si è trovato di fronte a tante anime dannate prima di poter uscire a “riveder le stelle”. BOB DYLAN IN HELL mostra questa inconsueta impresa confrontando i versi delle canzoni con i famosi endecasillabi e suggerisce che le stesse insidie, le stesse malvagie intenzioni abitano gli uomini di ogni luogo e tempo. Dante, così, diventa attuale come Dylan e Dylan si scopre profondo come Dante. 
Vinx Lamarmora ci accompagnerà per i sentieri bui e tortuosi, mentre la musica dal vivo è affidata a INIPI, gruppo riminese formato da Enrico Bob Gardini e Gianluca Jean Morelli.ù

——–

FAMIGLIE A TEATRO

Nuovi appuntamenti della rassegna “Il Borgo delle Favole” con gli spettacoli di teatro ragazzi e le iniziative per famiglie e scuole in collaborazione con Arcipelago Ragazzi.

Domenica 10 febbraio (ore 16,30) a caccia di brutti sogni con la Compagnia Fratelli di Taglia e Il folletto Mangiasogni. In un bosco tutto bianco vive il folletto Mangiasogni affamato di brutti sogni e aspetta che qualche bambino lo chiami.

Alcuni di questi sogni, i più strani e più paurosi, non li ha mangiati ma catturati, li conserva nel suo bosco fantastico e mentre aspetta che qualcuno lo chiami, si diverte a mostrarli a chiunque si trovasse a passare di là. Sono sogni che provengono da bimbi di tutto il mondo… c’è un fantasma che spaventa le notti di un bimbo argentino, c’è un drago che disturba i sonni di un bimbo cinese… uno squalo gigante si presenta nei sogni di un bimbo australiano, un serpente spaventa un bimbo africano… Un lupo tormenta le notti della Principessa Pisolina… ora non spaventano più, anzi il folletto si diverte a giocare con loro! Una fiaba moderna, piena di humour e allegria, che tratta uno dei problemi più sentiti dei bambini, affrontandolo con leggerezza e invitando i bambini a risolverlo con fantasia.

Domenica 10 marzo (ore 16,30) un pomeriggio di incantesimi con il Teatro Verde di Roma e il loro Scuola di Magia. Nella scuola di magia si impara a usare incantesimi, a costruire oggetti magici, a diventare invisibili e a creare filtri potentissimi. Ma attenti a non sbagliare, altrimenti si possono scatenare le forze della magia nera! Neanche a farlo apposta, è proprio ciò che accade ai nostri due protagonisti, due maghetti pasticcioni. Comincerà un’avventura incredibile, tra mostri buffissimi e grandi incantesimi, tra atmosfere magiche e canzoni divertenti.

——–

PRODUZIONI LOCALI

Tante le Associazioni locali che quotidianamente frequentano il Teatro Pazzini e che presenteranno al pubblico i loro lavori: 9 febbraio Compagnia La Fonte con “I fiul di gat i magna i zurz”, 23 e 24 marzoRacconti oltre la finestra (biografie)” di e con Marco Giulio Magnani, 6 e 7 aprile Compagnia Oltre il Sipario “Frankenstein Junior”, 4 Maggio la XXI Rassegna Cori Polifonici a cura del coro “Malatesta da Verucchio”.

11 e 12 maggio Korekanè “Il Kapodanno”.

Per tutti il sipario si alzerà alle ore 21,00!

——–

PREZZI, ABBONAMENTI, PREVENDITA ON LINE E TICKETPOINTS

Prezzi calmierati con ingresso ridotto per under 25, over 65, soci Arci, youngERcard.

Abbonamento a 7 spettacoli + ingresso omaggio a “Donna, lirica…onirica”: € 75

Prevendita on line su liveticket.it/teatropazziniverucchio – con possibilità di utilizzare anche i bonus 18app e Carta del Docente – e nei Liveticketpoints di Rimini e Santarcangelo di Romagna (liveticket.it/point).

Attive le prenotazioni telefoniche. Biglietti in vendita al botteghino del teatro nei giorni di spettacolo.

Teatro Eugenio Pazzini / Via San Francesco 12 Verucchio (RN) / 320 5769769 /

0541 670168 / teatropazziniverucchio@gmail.com/ teatropazziniverucchio.it / FB Teatro Eugenio Pazzini Verucchio

Valore aggiunto al biglietto del teatro grazie ai ristoratori del centro (Oshad Pub, Piad@styl€, La Fratta, Tiee Cibo & Vino e Osteria La Barcaccia che invitano il pubblico a trascorrere una piacevole serata in uno dei borghi più belli d’Italia con sconti e menù dedicati a chi si presenta con il biglietto del Pazzini.

LEAVE A REPLY