ViolaFest 2018: giovanissimi violisti e Solisti internazionali

Ecco il programma della 2° giornata del Festival, il 19 ottobre

0
139
Condividi TeatriOnline sui Social Network

ViolaFest 2018Venerdì 19 ottobre 2018, seconda giornata del ViolaFest Nazionale 2018, Cremona ospiterà una nuova kermesse di eventi dedicata al mondo della Viola. La Sala Maffei della Camera di Commercio della città sarà la sede dei diversi appuntamenti quotidiani.

Alle ore 9.00 avremo la tavola rotonda di violisti e liutai dal titolo ‘La Viola in evoluzione’, un incontro che analizzerà le avanguardie musicali e artigianali legate allo strumento, nella città che gode del riconoscimento Unesco, luogo deputato del Distretto culturale della Liuteria.

Alle ore 10.00 largo ai giovani e giovanissimi violisti!

Fulvia Corazza – docente di viola e violino presso la Fondazione Istituto Musicale ‘M. I. Viglino’ di Aosta – e Dimitri Muttu – docente della Scuola di Musica di Fiesole, orchestrale dell’ORT, fondatore del Trio d’archi di Cagliari e attuale docente di viola del Conservatorio ‘G. P. da Palestrina’ di Cagliari – terranno Masterclass per i giovani e giovanissimi allievi dei corsi pre-accademici, affrontando, la prima il repertorio Suzuki, e il secondo i famosi studi di Kreutzer. Nello stesso orario, Francesco Fiore terrà una master class sul repertorio violistico per giovani violisti già attivi professionalmente. Le Master saranno seguite, alle ore 11.00, dal Recital Giovani Violisti che vedrà protagonisti due studenti della Accademia Stauffer: Martina Santarone e Daniele Valabrega.

Chiude l’intensa mattinata musicale, alle ore 12.00, la Masterclass del solista internazionale Elias Goldstein su repertorio violistico.

Nel pomeriggio potremo seguire tre appuntamenti.

Alle ore 16,00 il maestro Goldstein terrà una lezione-concerto sui 24 Capricci di Niccolò Paganini, nella versione per viola solista. Ricordiamo, infatti, che Elias Goldstein è stato il primo violista ad eseguire le 24 composizioni del genovese Paganini nel 2016 al Concertgebouw di Amsterdam (Olanda), al George Enescu Festival (Romania) e al Music Center di Helsinki (Finlandia).

Alle ore 17.00, il Presidente della Associazione Italiana della Viola Dorotea Vismara, il Segretario della stessa Gianfranco Borelli e la professoressa Angela Romagnoli del Dipartimento di Musicologia della Università di Pavia presenteranno al pubblico il progetto Archiviola che prevede la raccolta e la catalogazione della musica italiana contemporanea per viola sola e per ensemble con viola. Il progetto è nato in seno all’Associazione Italiana della Viola con la preziosa collaborazione del Conservatorio statale di Musica ‘Ottorino Respighi’ di Latina.

A dimostrazione dell’efficacia ed efficienza di tale progetto segue il concerto delle ore 18.00, anch’esso in Sala Maffei, che vedrà protagonisti Luca Sanzò – docente di viola del Conservatorio ‘Santa Cecilia’ di Roma – nell’esecuzione di Ritrovari, brano di Ivan Fedele, composto nel 2011; Alessio Toro – docente di musica d’insieme per archi del Conservatorio ‘A. Corelli’ di Messina – interpreterà Gestures per viola sola, scritto nel 2016, da Pier Paolo Cascioli; Gianfranco Borelli portavoce del Progetto Archiviola, docente e direttore del Conservatorio ‘O. Respighi’ di Latina – insieme alla collega Maria Paola Manzi, proporrà la Sonata per viola e pianoforte di Carlo Boccadoro.

Chiude la seconda giornata del Festival, alle ore 21.15, il recital di Danilo Rossi, accompagnato al piano da Stefano Bezziccheri.

Danilo Rossi, prima viola solista dell’Orchestra del Teatro alla Scala e della Filarmonica della Scala è, ormai da 30 anni, una delle più significative personalità del mondo violistico, sia come solista, sia come orchestrale, sia come docente. Accademie, Festival, Istituti musicali e Conservatori della nostra penisola e del mondo intero – dagli USA alla Corea – hanno l’onore di poterlo ospitare e apprezzare le sue esecuzioni e le sue grandiose doti musicali.

Nel recital cremonese sarà accompagnato al piano da Stefano Bezziccheri, docente del Conservatorio ‘G. B. Martini’ di Bologna, protagonista di centinaia di masterclass e recital nazionali ed internazionali, collaboratore instancabile di noti attori e registi teatrali, da Alessandro Baricco ad Ascanio Celestini, Stefano Benni, Licia Maglietta.

Il programma prevede l’esecuzione della Sonata op. 120 n. 2 in Mi bemolle maggiore del compositore tedesco Johannes Brahms, uno dei massimo esponenti del Decadentismo di fine ‘800. Composizione dal carattere cantabile, sinuosamente melodico, spesso intimistico, seppur anticipatore di quei processi tecnici e creativi della posteriore seconda scuola viennese.

Segue il Valse triste op. 44 n. 1 del finlandese Jean Sibelius, dal quale trascendono la tristezza, la malinconia, il dolore sostenuti da quell’idea di valzer, quel ballo che, con passi lievi, riesce a sublimare la sofferenza nella morte, nella dissoluzione estrema dopo il delirio finale, quel delirio simbolo dell’anima nordica, struggente ma mai disperata.

Dalla Finlandia all’Austria con la romantica danza viennese di Fritz Kreisler, titolata Liebeslied, facente parte della più ampia raccolta Tre antiche danze viennesi, edita nel 1910.

Il viaggio prosegue in terra di Francia con l’esecuzione di una delle più note e intense pagine cameristiche di Maurice Ravel, la Pavane pour une enfant défunte, scritta e dedicata alla defunta Winnaretta Singer, nota come la Principessa de Polignac, mecenate statunitense, naturalizzata francese, amica intima di Ravel. Il brano è del 1899, fu eseguito a Parigi, nella Salle Pleyel, nel 1902. Si tratta di un brano per piano solo, poi diventato per orchestra per volontà di Ravel, nel 191, e poi adattato per varie combinazioni strumentali.

Chiude il programma del Recital un omaggio alla musica latino americana del compositore italo-argentino Astor Piazzolla col suo Gran tango, espressione di quello spirito ‘new tango’, perfetta combinazione del tango tradizionale con i ritmi jazz, pubblicato a Parigi nel 1982 e composto per il grande violoncellista Mstislav Rostropovich. Per l’esecuzione cremonese il brano è adattato per viola e piano.

Ricordiamo che tutti gli eventi in programma per la seconda giornata del ViolaFest si svolgeranno presso la Camera di Commercio della città.

L’ingresso è libero e gratuito.

Per info: associazioneitalianadellaviola@gmail.com, https://associazioneitalianadellaviola.wordpress.com/

LEAVE A REPLY