Orchestra dell’Opera di Perm diretta da Teodor Currentzis

Il 30 novembre, ore 20, al Teatro alla Scala, Milano

0
726
Teodor Currentzis
Foto di Anton Zavjyalov

MUSICAETERNA ORCHESTRA DELL’OPERA DI PERM

Direttore TEODOR CURRENTZIS

***

Gustav Mahler

Lieder aus Des Knaben Wunderhorn

Paula Murrihy, mezzosoprano

Florian Boesch, baritono

Sinfonia n. 4 in sol magg. “La vita celeste”

Jeanine De Bique, soprano

***

Prezzi: da 85,00 a 6,50 euro più prevendita

Infotel 02 72 00 37 44

www.teatroallascala.org

————–

È l’anno di Currentzis

Il direttore greco che sarà protagonista dei prossimi Festival di Salisburgo e Lucerna e ha recentemente incluso Mahler nel repertorio della sua orchestra musicAeterna incidendo la Sinfonia n° 6, porta alla Scala i Lieder aus Des Knaben Wnderhorn e la Sinfonia n° 4

Theodor Currentzis e l’orchestra musicAeterna, da lui fondata nel 2004 e oggi divenuta orchestra dell’Opera di Perm, saranno alla Scala venerdì 30 novembre con un programma interamente dedicato a Gustav Mahler. È la seconda volta che il direttore nato ad Atene ma cresciuto musicalmente a San Pietroburgo sotto la guida di Il’ya Musin e la sua orchestra russa visitano il Piermarini, dopo il concerto dell’anno scorso per la stagione della Filarmonica.

Istrionico, geniale e a tratti controverso, Currentzis sarà tra i protagonisti assoluti della scena musicale dei prossimi mesi: al Festival di Salisburgo proseguirà il suo impegno mozartiano con Peter Sellars con Idomeneo, dopo La clemenza di Tito presentata l’anno scorso, mentre a Lucerna presenterà l’intera trilogia Mozart/Da Ponte in forma di concerto con Cecilia Bartoli tra i protagonisti. Currentzis si è imposto all’attenzione internazionale con interpretazioni di Purcell e Mozart che affondavano le loro radici nelle prassi esecutive storicamente informate trasformandole creativamente, mentre le letture di Šostakoviċ e Prokof’ev si distinguevano per anticonformismo e energia. I dischi dedicati a Rameau, Stravinskij e Čajkovskij hanno suscitato entusiasmo e discussioni confermando un talento musicale indiscutibile e una radicalità senza compromessi.

Del 2018 è l’approdo discografico a Mahler con un’edizione della Sinfonia n° 6 in cui secondo il Guardian (Erica Jeal) “la ruvida urgenza di Roger Norrington si contrappone allo sfarzo rosso sangue di Leonard Bernstein”, opera di un direttore che “sembra in grado di sostenere il peso della tradizione esecutiva accumulata e poi, d’un tratto, di scrollarsela di dosso”. Del massimo interesse quindi l’incontro dal vivo con due capisaldi della produzione mahleriana come i Lieder aus Des Knaben Wunderhorn, solisti il mezzosoprano Paula Murrihy e il baritono Florian Boesch, e la Sinfonia n° 4 con il soprano Jeanine De Bique.

LEAVE A REPLY