“6 per l’arte” chiude al Barco Teatro con il Quintetto Orobie

0
473

Domenica 16 dicembre alle ore 18.00 si terrà l’ultimo appuntamento per 6 per l’arte. Sei concerti di musica da camera”, ciclo inserito all’interno della rassegna “Musica al Santo per il Santo” organizzata da Veneranda Arca di S. Antonio in collaborazione con l’Associazione Musicale MoMùs More-Music.

La rassegna, finalizzata alla raccolta fondi per il restauro del dipinto trecentesco “La vergine con Gesù Bambino tra Sant’Antonio e San Francesco”, custodito nella parete meridionale dell’andito della Sacrestia, si concluderà non più allo Studio Teologico della Basilica del Santo ma, eccezionalmente, nella vicina sede di Barco Teatro nella “Barchessa” della Villa Tron (via Orto Botanico 12).

il Quintetto Orobie

Protagonista della serata sarà il quintetto Orobie, ensemble di fiati nato nel 2006 per volontà di cinque musicisti bergamaschi con l’intento di raggiungere e proporre un’elevata qualità musicale. L’organico vede attualmente al flauto Valentina Noris, all’oboe Davide Bresciani, al clarinetto Santo Manenti, al corno Alessandro Valoti e al fagotto Oscar Locatelli. L’ensemble si è perfezionato sotto la guida dei Maestri Roberto Giaccaglia e Giampaolo Pretto, consolidandosi ben presto come un’importante realtà artistica in ambito nazionale ed internazionale.

Il quintetto farà conoscere al pubblico le due anime che percorrono l’opera donizettiana, l’anima tragica e l’anima buffa, che si mescolano e si alternano, proprio come nella vicenda di ogni uomo. «E siccome gufo presi il mio volo, portando a me stesso or tristo or felice presagio» scriveva Donizetti al suo Maestro Johann Mayr al culmine della sua carriera in una lettera del 1843. Scegliendo tra titoli immortali, quali “Anna Bolena”, “Lucia di Lammermmor” e il “Don Pasquale” e altri assai meno noti il percorso narrativo musicale offrirà una serie di lieti scorci, spigolature di quel “volo” che ha segnato la storia della musica.

La serata si concluderà con un brindisi per festeggiare la fine del ciclo e le prossime feste natalizie.

Biglietti a € 10 (interi) e € 5 (ridotti per studenti).

I sei concerti, patrocinati da Comune, Provincia di Padova e Regione Veneto, sono sostenuti dal contributo di Cecchinato Impianti srl, Edilrestauri s.r.l, Forniture s.r.l. e Impresa edile Danilo Fabris e condivisi da Padova Cultura e ReteEventi.

Per informazioni e prenotazioni:
momus.asso@gmail.com info@barcoteatro.it/ 347 6530983 (tel, sms, wathsapp);
pagina Facebook Momùs-More Music associazione musicale.

Previous articleRestaurAntonio 2018
Next articleDestini incrociati. Un teatro in movimento (5° edizione)
Giuseppe Bettiol
Laureato in filosofia all’Università degli Studi di Padova, collaboro con lo Studio Pierrepi dal 2009. Appassionato comunicazione digitale, ho concentrato la mia attività nelle Digital PR, nei rapporti con le testate e gli influencer digitali, seguendo corsi ad hoc. Dal 2010 sono consulente di media & public relation per la Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari di Padova, per il Circolo Tralaltro Arcigay Padova e la Società Dante Alighieri sezione di Padova. Dal 2011 sono responsabile dell’ufficio stampa della manifestazione “Padova Pride Village” alla Fiera di Padova. Attualmente sto inoltre collaborando con il Teatro de LiNUTILE di Padova e il Padova Pride.

LEAVE A REPLY