Teatro Olimpico, la comicità surreale di Lillo e Greg in “Gagman – I fantastici sketch”

Successo per il nuovo esilarante spettacolo - varietà di sketch vecchi e nuovi del duo comico romano. Fino al 6 gennaio a Roma

0
523
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Lillo e GregLillo e Greg sono in forma, in grande forma: l’inossidabile duo comico romano in scena al Teatro Olimpico di Roma per tutto il periodo della feste di Natale (fino al 6 gennaio) torna a teatro con Gagmen, I Fantastici Sketch, nuovo esilarante varietà all’insegna di sketch vecchi e nuovi, nudi e crudi senza impianto narrativo, la forma più congeniale che esalta la loro comicità diretta e surreale, ma di semplice approccio.

Vecchio e nuovo si mescola nella collaudata formula dello sketch che riesce a mettere in pochi minuti e in evidenza le meschinità umane ridendo di tutto e tutti: si ride e anche molto cominciando fin dall’equivoco iniziale (da non svelare) del musicista, il Maestro Attilio di Giovanni che offre tutta la sua versatilità mostrando anche inaspettate doti attoriali, che viene assunto in sede di provino.

Se lo spettacolo è un mix riuscitissimo di vecchio e nuovo, non manca neppure l’omaggio all’universo dei fumetti, con la maxi scenografia in giallo che richiama le origini del duo e la passione della musica con uno spassoso brano musicale d’apertura.

Il ritmo è sempre sostenuto, complice anche la rapidità con cui gli sketch si susseguono l’uno dopo l’altro in una serie di gag divertenti nella migliore tradizione di Lillo e Greg che si ispirano alla vecchia comicità dei grandi protagonisti degli Anni Sessanta, da Walter Chiari a Paolo Panelli a Bice Valori.

Non c’è uno specifico tessuto narrativo perché tutto si risolve volutamente in una sarcastica osservazione dell’essere umano in tutte le sue piccolezze e in tutte le sue meschinità.

Vengono presi di mira come sempre vizi e virtù degli italiani, dalla gelosia all’ossessione per il sesso, dai problematici rapporti uomo-donna alle relazioni, dall’ambizione alla mania dei protagonismo degli attori fin alla loro meschina volontà di primeggiare: tutto viene dissacrato con tocco sarcastico e comicità stralunata e surreale.

Vania Della Bidia e Marco Fiorini si confermano le ottime spalle di Lillo e Greg che giocano sui ruoli che li hanno resi celebri offrendo spesso a Greg un ruolo su superiorità (medico, regista etc.) e “relegando” Lillo in una maschera di piccolo borghese che scatena un inevitabile senso di appartenenza e di immedesimazione da parte del pubblico.

Non solo: in uno spettacolo che suona come una summa dei cavalli di battaglia non manca neppure la possibilità di ammirare i vecchi cavalli di battaglia da Normal Man a Ma che l’hai visto? senza dimenticare la serie dei nuovi divertenti sketch ispirati al mondo umano dei supereroi vittime della parodia.

Insomma si ride con una formula consolidata di un duo comico estremamente eclettico che dimostra di sapersi evolvere, ma anche tornare alle origini con tutta la loro comicità semplice e diretta perfetta anche per svagarsi in occasione del Natale regalandosi due ore di spensieratezza.

Prezzi da 46 a 24 euro, info teatroolimpico.it, e speciale Capodanno con lo spettacolo e con il concerto dei Latte e dei suoi derivati.

LEAVE A REPLY