Riciclare la parola

I Giardini di plastica dei Cantieri Teatrali Koreja parlano ai sensi

0
298
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Giardini di plasticaA conclusione dello spettacolo i giovani interpreti Maria Rosaria Ponzetta, Andjelka Vulic e Giovanni De Monte si presentano come la quarta generazione della compagnia leccese dei Cantieri Teatrali Koreja. Una precisazione utile, per un pubblico che ha assistito a una costruzione scenica incredibile (principalmente perchè realizzata con plastica di scarto), portandosi a casa un’esperienza difficilmente definibile a parole, il risultato di una decennale ricerca teatrale e figurativa.

In scena alla Casa del Teatro Ragazzi e Giovani di Torino, Giardini di plastica, che trasforma materiali da riciclo in performance, non è uno spettacolo privo di parole; il suo significato, tuttavia, non viene espresso verbalmente, perciò sfugge e muta continuamente dietro la spessa, sbalorditiva cortina dei giochi visivi.

L’impostazione narrativa della regia di Salvatore Tramacere, che pur non narra nulla dal punto di vista della canonica sequenza inizio-sviluppo-conclusione, distingue nettamente singoli episodi totalmente slegati tra loro (se non per il riutilizzo dei materiali di scena introdotti nell’episodio precedente: forse lo si potrebbe definire un “meta-riciclo”). Attoniti, gli spettatori non possono che accettare la meraviglia per quel che è, rinunciando a trovarvi un senso logico – mentre gli spettatori più giovani si ostinano a domandare ai genitori “cosa sta accadendo” sul palcoscenico.

E in effetti definirlo uno spettacolo “per bambini” non gli renderebbe giustizia, né sarebbe corretto nei confronti di genitori e adulti a cui lo spettacolo probabilmente si rivolge in maniera preponderante: quando la parola viene spogliata della sua attinenza ai fatti, una comunicazione che si avvale di luci e suoni, colore e buio arriva a trascendere perfino la poesia.

Il riferimento al sogno non è dunque casuale, né tanto meno un ruffiano rimando ai prodigi della mente umana: i tanti temi appena accennati, come proposte di riflessione o addirittura provocazioni, non hanno nulla di pedagogico, e in ogni caso non arrivano mai ad essere affrontati da argomentazioni effettive, sbiadendo sotto lo stupore.

———

Giardini di plastica

regia Salvatore Tramacere

con Giovanni De Monte, Maria Rosaria Ponzetta, Andjelka Vulic

luci Mario Daniele

collaborazione all’allestimento Maria Rosaria Ponzetta

produzione Cantieri Teatrali Koreja

LEAVE A REPLY