Il Violinista sul tetto

Dal 22 febbraio al 10 marzo al Teartro Nuovo, Milano

0
425
il Violinista sul tetto
Foto di Angela Bartolo

Dopo il successo del 2003 torna al Teatro Nuovo di Milano Il Violinista sul tetto, la commedia musicale tratta da un racconto di Sholem Aleichem, uno dei capolavori assoluti del teatro musicale americano. Il suo carattere di intensa e profonda umanità unitamente alle radici culturali della storia e delle musiche hanno fatto di questo spettacolo un evento tra i più rivoluzionari nel panorama teatrale degli anni sessanta, contribuendo ad aprire insieme a West Side Story, una nuova era per il musical di Broadway.

In scena nei panni del protagonista, torna Moni Ovadia che firma anche la regia.

La vicenda è tratta da una delle storie di Solomon J Rabinowitz, scrittore di origine ebraica nato a Pereyasle in Ucraina nel 1859 divenuto celebre per i racconti umoristici in lingua Yiddish scritti con lo pseudonimo di Sholom Aleichem. Nato in una famiglia di negozianti, Rabinowitz trascorse la propria giovinezza nella vicina città di Voronkov, ricordata in molti suoi futuri racconti. Divenuto Rabbino si dedicò per molti anni allo studio della cultura Yiddish, scrivendo numerosi articoli sul quotidiano ebraico “Hamelitz” e sul primo quotidiano Yiddish pubblicato nel 1883. Successivamente si trasferì a Kiev ma fu costretto ad emigrare negli Stati Uniti per sfuggire alle persecuzioni contro gli ebrei in Russia, i famigerati “pogrom”. Dopo aver tentato senza successo la carriera nel teatro Yiddish americano, girò per tutta l’America divenendo famoso nelle comunità ebraiche per i suoi racconti. Colpito da una malattia passò un periodo di convalescenza in Italia per poi tornare a New York dove si spense nel 1916.

Ricca di elementi autobiografici è la storia di Tevye, il lattaio del piccolo e ridente villaggio di Anatevka nella Russia zarista dei primi del novecento. Personaggio sorprendentemente semplice e saggio, ricco di una sconfinata bontà e fiducia nel genere umano, Tevye alterna rocambolesche situazioni a solitari monologhi con Dio. Intorno a lui la moglie Golde, le figlie in età da marito e tutta una serie di personaggi, gli abitanti del villaggio, creati con una singolare e poetica umanità. Un microcosmo di persone che ruota intorno a precise convenzioni sociali e religiose, quelle della tradizione ebraica, danzando la propria vita tra gioie e preoccupazioni sino alla triste e ingiusta fine con la persecuzione e l’esilio.

La trasposizione dal racconto al musical avviene grazie al lavoro di tre tra i più grandi autori di Broadway: Joseph Stein per l’adattamento teatrale, Sheldon Harnick peri testi delle canzoni e Jerry Bock per le musiche ispirate alle melodie Yiddish. “The Fiddler on the Roof” debutta all’ Imperial Theatre di Broadway il 22 settembre 1964 con un cast che comprendeva il celebre attore comico Zero Mostel. Un successo incredibile di critica e di pubblico che si protrae sino al 2 luglio 1972 data dell’ultima rappresentazione… In totale 3.242 repliche che fanno di questo musical uno dei maggiori successi del teatro americano.

Innumerevoli le edizioni di questo spettacolo in tutto il mondo, tra cui le più celebri quelle al Majesty Theatre di Londra nel 1967 e al Regent Theatre di Melbourne nel 1988, entrambe con protagonista l’attore israeliano Topol con cui è stata prodotta una versione cinematografica nel 1971. Nel ruolo di Tevye si sono cimentati anche astri della musica lirica come il baritono Robert Merrill e il tenore Jan Peerce. Numerose le edizioni discografiche.

L’edizione diretta ed interpretata da Moni Ovadia, prima assoluta in Italia, colma una grande assenza nel panorama teatrale del nostro paese. Con l’ esperienza di una vita dedicata alla cultura musicale e teatrale Yiddish, Ovadia offre un’opportunità unica di lettura dell’opera nel solco della tradizione originale che l’ ha ispirata, alla ricerca delle radici artistiche che hanno generato uno dei capolavori del teatro musicale più significativi degli ultimi 50 anni.


Note di regia 

Il musical è una forma di arte scenica nata e cresciuta negli Stati nel novecento in cui hanno trovato una sintesi americana molte esperienze di teatro con musica e di teatro in musica provenienti dalla vecchia Europa. Uno dei grandi contributi a questa nuova scena germinata nel secolo breve è sicuramente quello del teatro Yiddish. Esso porta con se una rottura dei generi e delle separazioni schematiche di stile o di uso dei mezzi espressivi. 

Testo, musica, recitazione parlata, canto, recitar-cantando, gesto, danza, rito, convivono sul palcoscenico con l’anarchia della pari dignità. “Il violinista sul tetto” è uno dei più celebri musical di Broadway, il numero e le variazioni delle sua messe in scena non si contano e la gran parte di esse sono state un tentativo di sfruttamento di un grande successo per la routine della circolazione commerciale. Il nostro allestimento vorrebbe proporre un’altra prospettiva: ricollocare la storia più rappresentativa della cultura dell’est-Europa, quella di Tevjie il Lattivendolo, uscita dalla geniale penna di Sholem Aleichem e da cui è stato tratto il musical, nel suo contesto originario. 

Il testo e le canzoni verranno rispettate nella loro integrità ma saranno cantate nella lingua Yiddish invece che in inglese e l’impianto di regia si rivolgerà alla lezione stilistica del teatro yiddish. In particolare la costruzione della scrittura scenica si svilupperà secondo le direttrici di una poetica teatrale sperimentate in questi anni. 

Centro di questa poetica è la presenza di musicisti in scena con una funzione drammaturgica e recitante. I musicisti-attori costituiscono una sorta di coro-popolo che interagisce con i personaggi veri e propri sia come personaggio corale che come contrappunto individuale in un continuo rimando di presenze ed emozioni. Nella fattispecie di un musical questo piccolo coro di musicisti-attori intreccerà il proprio movimento scenico In forma di improvvisate danzette con la professionalità del corpo di ballo dando vita a forme coreutiche grottesche e paradossali. Tutto al servizio di uno degli eventi di spettacolo più significativi della seconda metà del ‘900.

Moni Ovadia 

———-

IL VIOLINISTA SUL TETTO

Versione italiana dell’originale di Broadway“Fiddler on the roof”

Liberamente tratto dal racconto “Tevye il lattivendolo”di Sholem Aleichem

Libretto di Joseph Stein

Musiche originali di Jerry Boch

Testi delle canzoni di Sheldon Harnick

Traduzione in yiddish di Marisa Romano

Regia Moni Ovadia 

————–

PERSONAGGI E INTERPRETI

con la partecipazione di Mario Incudine nel ruolo di Percik

Tevye Moni Ovadia

Golde Lee Colbert

Motl Kamzoyl Giampaolo Romania

Leyzer Wolf Giuseppe Ranoia

Fiedka Alberto Malanchino

Yente, Nonna Zeytl, Frume Sore Sabrina Sproviero

Zeytl Chiara Seminara

Hodl Aurora Cimino

Have Graziana Lo Brutto

Ballerini: Luigi Allocca, Vincenzo Castelluccio, Francesco Coccia, Eus Santucci

————

E con la MoniOvadiaStage Orchestra:

Mendicante – Vincenzo Pasquariello- Pianoforte

Rabbino – Janos Hasur- Violino

Oste – Albert Mihai – Fisarmonica

Libraio – Paolo De Ceglie – Tromba

Mendl – Luca Garlaschelli – Contrabbasso

Un Ebreo – Paolo Rocca – Clarinetto

Un Ebreo – Marian Serban -Cymbalon 

Regista collaboratore: Elisa Savi

Coreografie: Elisabeth Boeke

Scene: Gianni Carluccio

Costumi: Elisa Savi

Light designer: Amilcare Canali

Coordinamento musicale: Paolo Rocca e Vincenzo Pasquariello

Direzione vocale: Lee Colbert

Sound designer: Mauro Pagiaro

Scene riallestite da Roberto e Andrea Comotti e realizzate da Laboratorio Scenografia Pesaro di Lidia Trecento 

Decoratori per i costumi: Cristina Protti e Stella Filippone

Fotografie Maurizio Buscarino

Prodotto da Lorenzo Vitali

Produzione e distribuzione: Laura Vitali, Elisabetta Radice

Direzione tecnica: Paolo Dell’Era

Ticketing: Giovanni Ronca

Amministrazione: Maura Pevere, Laura Grambolò, Gloria Vitali

Comunicazione: Rocchina Ceglia

Social: Claudia Grohovaz

Grafica: Federico Banchero

Direttore di scena: Max Merenda

Caposarta: Giusy Mangiacotti

Fonico di palco: Alberto Zavagli

———

BIGLIETTI

Prevendita online: www.teatronuovo.it– www.ticketone.it

Biglietteria Teatro Nuovo
Piazza San Babila
️02.794026
Da lunedì a sabato 10:00/19:00 orario continuato
Domenica 14:00/17:00
prenotazioni@teatronuovo.it

————-

CONTATTI:

Facebook @teatronuovomilano – @IlViolinistaSulTetto

Instagram @teatronuovo_milano

Twitter @TeatroNuovo

www.teatronuovo.it

Pagina Ufficiale Facebook Moni Ovadia @MoniOvadiaPaginaUfficiale 

www.moniovadia.net

#ilviolinistasultetto #teatronuovomilano

LEAVE A REPLY