Accademia Chigiana, “Out of Nature” è il tema della Chigiana International Festival & Summer Academy 2019

La natura come fil rouge della stagione 2019: 60 appuntamenti musicali con star e giovani emergenti, a Siena e nelle Terre Senesi dal 6 luglio al 31 agosto

0
491
Accademia Chigiana
Foto di Michele Monasta

È Out of Nature il tema del Chigiana International Festival & Summer Academy 2019 che indaga sulle infinite possibilità di trasfigurazione della Natura in Musica: formazione artistica, produzione e grande spettacolo si fondono negli oltre 60 concerti ed appuntamenti musicali a Siena e nelle Terre Senesi, dal 6 luglio al 31 agosto 2019. Siena diventa capitale della musica internazionale fra grandi star e giovani emergenti che animeranno una stagione estiva ricca di appuntamenti che spaziano dalla grande tradizione del Rinascimento italiano al XXI secolo con un focus su Iannis Xenakis (1922-2001), pioniere della musica elettronica.

Out of Nature che può significare tanto dalla naturaquanto il più lontano possibile da essa”, è il fil rouge che unisce tutti i concerti e gli eventi in cartellone, e rimanda a unesperienza di scoperta dei più inediti legami tra musica e natura, che hanno assunto molte forme nellarco dei secoli – spiega il direttore artistico Nicola Sani – La stupefacente possibilità di sintesi tra il naturalee l’“artificiale offerta dalla creazione musicale elettronica ha infine aperto il campo sonoro a un universo di nuovi e inaspettati scenari in continua evoluzione”.

La Chigiana, che vanta una base finanziaria particolarmente virtuosa e che accanto alle risorse proprie vede i fondi della Regione, dei Monti dei Paschi di Siena e di privati, costruisce anche quest’anno un programma all’insegna dell’eccellenza dove accanto alle grandi star della musica si affiancano i giovani talenti accompagnati in un percorso di debutto artistico e si conferma come Modello Chigiana, nuovo e vincente esempio della struttura sistemica regionale e come modello produttivo unico fra la più alte istituzioni di perfezionamento e i grandi festival di spettacolo.

Il cartellone del 2019 si apre con l’evento del 6 luglio al Teatro dei Rinnovati di Siena con l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino (dopo 16 anni di assenza) diretta da Fabio Luisi, con un programma omaggio alla natura, la Sinfonia n.6 in fa maggiore op.68, Pastorale di Beethoven e il Concerto n.1 per pianoforte e orchestra in sib minore, op.23 di Čiaikovskij con la solista d’eccezione al pianoforte Lilya Zilberstein.

E se il cartellone verte soprattutto sull’esplorazione del fenomeno sonoro come argomento di una riflessione fondamentale, sulla natura nella musica” ricorda Sani con tante nuove opere in prima esecuzione assoluta a Siena di Mari Kimura, Dai Fujikura, Gene Coleman, Giorgio Nottoli, Nicola Bernardini, Lucio Gregoretti, Bruno Letort e di Kassel Jaeger, il programma viene articolato in sei diversi percorsi tematici con un focus su Xenakis, architetto, sperimentatore, musicista greco, di cui sarà possibile ascoltare 20 fra le sue più importanti opere, fra cui Mikka (1971) per violino solo, Nuits (1967), per 12 voci, Orient-Occident (1960) celebre composizione elettronica.

La sezione Legends propone grandi nomi della scena internazionale: un trio di concerti per Lilya Zilberstein (anche in duo con Antonio Meneses e con i figli al pianoforte, Anton e Daniel Gerzenberg, il 10 luglio), Salvatore Accardo &Friends, tra cui il grande pianista Bruno Canino per Dikhthas, scritta per loro da Xenakis nel 1979 (20 agosto), Boris Belkin per il Concerto per Violino in re minore op.77 di Brahms, David Geringas e Ian Fountain che interpretano un programma da Franck a Xenakis (23 agosto), Monica Bacelli in recital con Pietro De Maria per Wagner, Berg e Debussy (18 luglio), e la formazione all stars di Boris Belkin, Alessandro Carbonare, Antonio Meneses, Pino Ettorre (e non solo) per l’Ottetto op.166 di Schubert (19 luglio).

Particolarmente ricca è Today, la serie di concerti dedicati alla contemporaneità con tanti nomi di primo piano, Mari Kimura (9 luglio) con un programma che spazia dai brani di Xenakis, Risset e sue composizioni, Manu Delago (16 luglio), percussionista collaboratore di Björk, con il suo Parasol Peak, il Quartetto Prometeo (21 luglio) per una prima assoluta di Gene Coleman, il pianista Anton Gerzenberg, con Antonio Caggiano e Alessio Cavaliere alle percussioni tra Xenakis, Scelsi, Haas, Saariaho e Saunders (24 luglio), il Chigiana Percussion Ensemble diretto da Antonio Caggiano con l’oboista Cristian Schmitt per la prima esecuzione di Trama pulsante di Giorgio Nottoli (27 luglio), il concerto di Ivo Nilsson, Monica Bacelli e Roberto Fabbriciani per festeggiare il doppio 70° compleanno di Alvise Vidolin e Fabbriciani, con una prima esecuzione assoluta del Concertino di Nicola Bernardini, il concerto dedicato al compositore francese Bruno Letort con il Quartetto Noûs (12 agosto) per chiudere con la performance live del celebre compositore e sound artist Kassel Jaeger. Off the Wall è invece l’affascinante sezione che invita alla scoperta delle meravigliose Terre Senesi, dall’Abbazia di San Galgano al Chiostro di Torri, dalla Chiesa di San Salvatore di Castellina in Chianti alla Cappella di Vitaleta di San Quirino d’Orcia. Torna anche Lounge, l’appassionante sezione dedicata agli incontri con il pubblico a cura di Stefano Jacoviello con approfondimenti e omaggi musicali.

La Summer Academy, 88° edizione dei celebri corsi estivi di alto perfezionamento musicale si tiene dal 3 luglio al 31 di agosto 2019 nella storica sede dellAccademia Chigiana, Palazzo Chigi Saracini, a Siena. L’offerta didattica propone 22 corsi dedicati ai principali strumenti solisti con insegnanti d’eccellenza, da Daniele Gatti a Salvatore Accardo a Lilya Zilberstein fino alla new entry dell’anno, il violoncellista Clive Greensmith.

E Factor è proprio la sezione dedicata agli allievi della Summer Academy, provenienti da oltre 50 nazioni al loro debutto internazionale: fra gli appuntamenti, i due concerti sinfonici con i giovani direttori allievi e l’Orchestra Giovanile Italiana Daniele Gatti, alla guida del Corso di Direzione d’orchestra, l’opera-laboratorio con un nuovo allestimento de Il barbiere di Siviglia di Giovanni Paisiello per la regia di Cesare Scarton, la collaborazione con il Siena Jazz, con il concerto All Star a due orchestre, dedicato a Frank Zappa e Charlie Mingus e nella creazione del nuovo TABULA RASA. Chigiana Siena Jazz Ensemble diretto da Stefano Battaglia.

Proprio la Chigiana si conferma come l’unica realtà impegnata non solo nel perfezionamento di giovani talenti musicali, ma anche nel loro lancio e nella loro promozione sulla scena nazionale (come accade con Note in Biblioteca organizzata con la IUC e le Biblioteche di Roma) e internazionale. Info e programma dettagliato su www.chigiana.it.

LEAVE A REPLY