Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Ton Koopman dirige la “Grande Messa K 427” di Mozart

Il sacro incompiuto di Mozart e la Jupiter, il 18, 19 e 20 aprile in Sala Santa Cecilia a Roma

0
396

Una serata tutto Mozart con Ton Koopman all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma da giovedì 18 aprile ore 19.30 (Sala Santa Cecilia, repliche venerdì 19 ore 20.30 e sabato 20 ore 18) con la Grande Messa in do minore K427 e la Sinfonia n.41 K551 “Jupiter”.

Fra i migliori interpreti del repertorio antico, l’olandese Koopman, direttore, ma anche organista e clavicembalista, “di casa” a Santa Cecilia, torna a Roma alla guida dellOrchestra e del Coro dellAccademia Nazionale di Santa Cecilia con un capolavoro della musica sacra di Mozart, la Messa in do minore K. 427, incompiuta, esattamente come il Requiem in re minore K. 626.

Ma per cause completamente diverse seppur entrambe legate all’autobiografia del compositore: il Requiem non fu terminato a causa della morte di Mozart, mentre la Grande Messa K 427 fu composta nel 1782-1783, ma per adempiere a un voto. Nessuna committenza per questa messa cattolica, ma la volontà di Mozart di una composizione come voto per la guarigione dell’amata, futura sposa, Constanze allora ammalata.

La donna guarì e le nozze furono celebrate il 4 agosto 1782, ma Mozart non lavorò più alla messa, lasciata incompiuta al Benedictus anche perché nello stesso periodo si stava svincolando proprio dal sistema della committenza musicale: tuttavia, pur se non paragonabile alla grandiosità del Requiem, la Grande Messa, resta una delle maggiori composizioni della musica sacra del secondo Settecento, unendo alla rigorosità di Bach e di Händel, il linguaggio musicale classico.

Voci della Grande Messa, saranno i soprani Maria Grazia Schiavo e Roberta Mameli, il tenore Timan Lichdi e il basso Luca Tittoto.

Koopman, che ha fondato la Amsterdam Baroque Orchestra specializzata nelle esecuzioni filologiche, si misurerà nella seconda parte della serata anche con la Sinfonia n. 41 “Jupiter” K 551, così ribattezzata dall’impresario londinese Johann Peter Salomon per esaltarne la grandiosa solennità.

Composta nellestate 1788, tre anni prima della morte, la Jupiter nasce invece in uno dei momenti più bui della vita di Mozart, ma si presenta come apoteosi della forma sonata rivitalizzata da nuove soluzioni espressive.

Biglietti da 19 a 52 Euro, info tel. 068082058, prevendita telefonica con carta di credito Call Center TicketOne Tel. 892.101, info su www.santacecilia.it.

LEAVE A REPLY