Racconti alla luna. Narratori di pianura

Il 12 aprile, ore 21, al Teatro Crystal, Collecchio (PR)

0
218

Racconti alla luna. Narratori di pianuraMonica Morini e Bernardino Bonzani mettono in scena testi di Cesare Zavattini, Giuseppe Pederiali e Giovanni Guareschi, nell’ambito della ricca rassegna dedicata alla tradizione narrativa emiliana.

Esiste una narrativa tipicamente emiliana? Se sì: quali caratteristiche la contraddistinguono da quella realizzata in altri luoghi? Matti, lunatici, padani, rassegna letteraria organizzata dai cinque Comuni della Pedemontana parmense (Collecchio, Felino, Traversetolo, Sala Baganza e Montechiarugolo) con il contributo della Regione Emilia Romagna, tenta di rispondere a questa domanda.

In tale vivace contesto il Teatro dell’Orsa presenterà, venerdì 12 aprile alle ore 21 al Teatro Crystal di Collecchio, a pochi chilometri da Parma, il divertente e poetico spettacolo per adulti Racconti alla luna. Narratori di pianura.

«Il Po è un fiume di storie e dalla nebbia appaiono fantasmi, bestie fantastiche, maliziose ostesse capaci di sedurci in un solo istante. Chi ricorda le vecchie osterie e le feste sull’aia sa che il tempo si arrende al piacere di stare insieme e raccontarsi la vita» suggeriscono gli interpreti Monica Morini e Bernardino Bonzani.

«La musica accompagna le parole indimenticabili dei racconti di Zavattini, Guareschi, Pederiali e Benni, gustati a piccoli sorsi come il buon vino. Le note ballabili di valzer, tanghi, mazurke aprono al buon umore. L’eco di romanze d’opera riaccende passioni perdute»: lo spettacolo del Teatro dell’Orsa si avvarrà dell‘accompagnamento musicale di Claudia Catellani al pianoforte.

«Le storie ci hanno chiamato» concludono Monica Morini e Bernardino Bonzani «Quelle incise nella terra che abitiamo e non solo. Storie con radici lunghe. Le abbiamo ascoltate e raccolte dalla bocca di testimoni che ne hanno tenuto memoria, dai libri, dai giornali, da ciò che lascia segni. Le parole hanno chiamato la musica, il corpo si è fatto narrante. Veniamo da esperienze che ci hanno addomesticato ad usare le mani, il cuore, la testa, in un fare che si traduce nella conoscenza della macchina teatro».

Info sulla Compagnia: http://www.teatrodellorsa.com/

LEAVE A REPLY