Riccardo Chailly dirige la Filarmonica nella Prova Aperta a favore di L’abilità Onlus

Il 28 aprile, ore 19.30, al Teatro alla Scala, Milano

0
281

Riccardo ChaillyDopo il tutto esaurito registrato nei primi due appuntamenti, proseguono le Prove Aperte della Filarmonica della Scala. È in programma infatti domenica 28 aprile 2019 alle 19.30 al Teatro alla Scala di Milano la terza serata del ciclo benefico realizzato grazie al Main Partner UniCredit con il contributo di UniCredit Foundation e la collaborazione di Esselunga.

La serata, dedicata all’associazione L’abilità Onlus, vedrà sul palco il maestro Riccardo Chailly, accompagnato dal violino solista Emmanuel Tjeknavorian. Il programma prevede l’esecuzione di Finlandia, poema sinfonico op. 26, e del Concerto in re minore op.47 per Violino e Orchestra di Sibelius e della Sinfonia n.1 in do minore op.68 di Brahms.

L’intero ricavato della Prova Aperta andrà a sostegno dello Spazio Gioco de L’abilità, associazione che da vent’anni garantisce il diritto e il piacere del gioco a bambini con disabilità. Lo Spazio Gioco è un servizio diurno educativo rivolto ai piccoli dai 2 agli 11 anni con diverse problematiche, che offre luoghi, tempi, giochi e materiali adatti ai bisogni di ciascuno. Col sostegno dell’iniziativa Prove Aperte, lo spazio, che oggi è frequentato da 65 bambini, sarà accessibile il prossimo anno a 15 bambini in più.

Grazie al coinvolgimento dei musicisti della Filarmonica della Scala, di grandi direttori e solisti ospiti, e del mondo del non profit milanese, le Prove Aperte sono ormai diventate una piccola stagione dedicata che permette al pubblico di assistere alla messa a punto di grandi concerti a prezzi contenuti, ed essere al tempo stesso parte di una grande iniziativa di solidarietà. In dieci anni hanno contribuito a sostenere progetti di utilità sociale e scientifica, coinvolgendo istituzioni che ogni giorno si prendono cura dei bambini e degli anziani, fronteggiano le povertà, aiutano persone con diverse abilità, ricercano nuove terapie mediche e operano tra i bisogni delle periferie e delle aree in difficoltà.

La decima edizione delle Prove Aperte sostiene nel complesso quattro realtà che a Milano si occupano di infanzia in difficoltà. L’ultimo appuntamento, previsto per sabato 12 ottobre, sarà a sostegno di Fondazione L’aliante e vedrà sul podio il maestro Daniel Harding, accompagnato da Isabelle Faust al violino. Anche quest’anno la formula che permette di assistere alla prova musicale si arricchisce in apertura di serata dell’esperienza di una breve guida all’ascolto, in un’atmosfera informale di vicinanza con l’orchestra e il suo direttore.

Il programma completo è disponibile sul sito web filarmonica.it/proveaperte/

#ProveAperte

La stagione è resa possibile dalla collaborazione con il Teatro alla Scala. Media partner sono ViviMilano e Radio Popolare.

——-

Informazioni e prevendita telefonica allo 02 465.467.467 (da lunedì a venerdì – ore 10/13 e 14/17).

Biglietti per i singoli concerti da 5 a 35 euro – esclusi i diritti di prevendita.

Altre prevendite: geticket.it e vivaticket.it

——–

Associazione L’abilità Onlus

L’abilità è un’associazione nata nel 1998 a Milano dall’iniziativa di un gruppo di genitori di bambini con disabilità e di operatori. Da vent’anni lavora a Milano per definire e gestire servizi innovativi e progetti che abbiano al centro il bambino con disabilità, il suo benessere e la sua famiglia, promuovendo il diritto al gioco, una nuova cultura della disabilità e dell’inclusione.

L’associazione si occupa del bambino con disabilità dai primi mesi di vita fino ai 12 anni di età. Ha sviluppato servizi unici e innovativi che partono dai bisogni di bambini e genitori rispondendo alle loro esigenze specifiche e accompagnandoli nella costruzione di un progetto di vita. Ogni giorno l’abilità si prende cura di 160 bambini e delle loro famiglie.

———

Lo Spazio Gioco

Per L’abilità con la disabilità non si scherza, si gioca. Da vent’anni l’associazione garantisce il diritto e il piacere del gioco a bambini con disabilità. Giocare è importante per crescere, stare bene con la mamma e il papà, conoscere il mondo e sperimentare le proprie capacità.

Ai bambini con disabilità occorre molto aiuto per entrare nella dimensione del gioco, divertirsi e stare con gli altri. Per questo è importante creare spazi e tempi adeguati, utilizzando giochi e materiali adatti ai bisogni di ciascuno. Lo Spazio Gioco è un servizio diurno educativo rivolto ai bambini dai 2 agli 11 anni con diverse tipologie di disabilità; attivato nel 2000, ha l’obiettivo di offrire attraverso il gioco a bambini e genitori la possibilità di rafforzare la relazione di piacere e benessere con il proprio bambino.

Grazie al sostegno della Prova Aperta, lo Spazio Gioco, che oggi è frequentato da 65 bambini, sarà accessibile il prossimo anno a 15 bambini in più.

www.labilita.org

———–

Riccardo Chailly

Nato a Milano nel 1953, debutta a Chicago nel 1974 e alla Scala nel 1978. Dirige le principali orchestre internazionali ed è ospite regolare dei Berliner e dei Wiener Philharmoniker oltre che dei Festival di Salisburgo e Lucerna. È stato Direttore Principale del Concertgebouw di Amsterdam e del Gewandhaus di Lipsia. È Direttore Musicale del Teatro alla Scala, della Filarmonica della Scala e dell’Orchestra del Festival di Lucerna. Membro onorario della Royal Academy of Music di Londra e Cavaliere di Gran Croce della Repubblica Italiana. Chailly è artista esclusivo Decca, con cui ha inciso oltre cento registrazioni, due delle quali in uscita con la Filarmonica della Scala.

————

Emmanuel Tjeknavorian

Nato a Vienna nel 1995 in una famiglia di musicisti di origine armena, Emmanuel Tjeknavorian studia sotto la guida di Gerhard Schulz, ex membro del celebre Alban Berg Quartet. Nel 2015, riceve il premio per la migliore interpretazione del Concerto per violino di Sibelius e il secondo premio al concorso omonimo. Lo scorso anno ha partecipato alla serie Rising Stars della European Concert Hall Organisation esibendosi in alcune delle più rinomate sale da concerto d’Europa. Emmanuel Tjeknavorian suona un violino Stradivari del 1698.

LEAVE A REPLY