Milano Arte Musica – Festival internazionale di musica antica (13° edizione)

Dal 15 giugno al 22 agosto a Milano

0
206

Milano Arte MusicaMilano Arte Musica, festival internazionale di musica antica, presenta dal 15 giugno al 22 agosto la sua tredicesima edizione, ricca di appuntamenti e ospiti internazionali, con un’incursione nel mondo di Leonardo da Vinci per la celebrazione del 500° anniversario della sua morte, in un’autentica full immersion nell’Arte e nella Musica.

L’edizione 2019 presenta 23 appuntamenti in 8 diverse sedi, ed è organizzata dall’Associazione Culturale La Cappella Musicale, con il patrocinio del Comune di Milano e della Regione Lombardia, con il contributo di Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Fondazione Cariplo, FNM, Fondazione Fiera Milano, A2A S.p.A., Intesa Sanpaolo e Studio Cernigliaro.

Rai Radio 3, Radio Classica, Radio Marconi, Classic Voice e ViviMilano sono invece i media partner della tredicesima edizione.

Milano Arte Musica si inserisce nel palinsesto di Milano Leonardo ‘500 del Comune di Milano e in quello del Comitato Nazionale per la celebrazione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci per raccontare la figura di Leonardo sotto l’aspetto musicale, sia in quanto egli stesso musicista e forse compositore, sia in relazione agli esponenti più significativi della vita musicale che Leonardo ebbe modo di conoscere nella Milano sforzesca.

Mai come in questa edizione, Milano Arte Musica diventa punto d’incontro tra antico e contemporaneo: prime esecuzioni e opere moderne si alternano con miti intramontabili come Bach o Vivaldi – dichiara il direttore artistico Maurizio Salerno. In questo senso, la celebrazione di Leonardo da Vinci si fa simbolo di un mito senza tempo, com’è pure la musica antica che anche nel 2019 non smette di affascinare e incuriosire nuovi spettatori”.

La rassegna sarà preceduta dunque da una tre giorni di musica dedicata al periodo di vita milanese di Leonardo: sabato 15 e domenica 16 giugno, presso la Sala della Balla del Castello Sforzesco, gli studenti dell’Istituto di Musica Antica della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado saranno impegnati nell’esecuzione di programmi che si ispirano al Bestiario di Leonardo da Vinci e al repertorio profano trasmesso dal Codice Basevi 2441; lunedì 17 giugno, nella Chiesa di San Pietro in Gessate, invece, I Civici Cori della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado omaggeranno i maggiori autori della musica milanese rinascimentale, tra cui Franchino Gaffurio, Maestro di Cappella del Duomo di Milano, nonché probabile protagonista del Ritratto di Musico, attribuito allo stesso Leonardo da Vinci.

Martedì 25 giugno si entra nel vivo della rassegna con il concerto inaugurale affidato a una delle compagnie più osannate dal pubblico: Accademia Bizantina, diretta da Ottavio Dantone, celebra il grande Barocco strumentale attraverso due dei suoi autori più prolifici, Vivaldi e Händel. Del Prete Rosso verranno eseguiti Concerti per archi e Concerti per viola d’amore e archi, mentre di Georg Friedrich Händel ascolteremo una selezione dei Concerti grossi Op.3, prossima uscita discografica dell’orchestra ravennate.

Smessi i panni del direttore d’orchestra – ma solo per Milano Arte Musica – Ottavio Dantone si presenta al pubblico del festival in una veste più intima, quella del clavicembalista. In un doppio appuntamento alle ore 18.30 e alle ore 20.30, mercoledì 26 giugno in S. Sepolcro, propone un confronto tra i tre “mostri sacri” della tastiera: Bach, Händel e Domenico Scarlatti.

Lunedì 1 luglio si ritorna nella Basilica di Santa Maria della Passione per ospitare per la prima volta l’Estonian Philharmonic Chamber Choir, diretto da Kaspars Putniņš. Trascorsi 21 anni dalla prima interpretazione assoluta, il coro ritorna a eseguire il Kanon Pokajanen di Arvo Pärt, il compositore vivente più eseguito al mondo, che decise di destinare la prima esecuzione del brano – basato su un antico canone di penitenza della Chiesa Ortodossa russa – alla celebrazione del 750° anniversario della Cattedrale di Colonia.

Dopo il sold out registrato il giorno di Ferragosto di due anni fa, Il Giardino Armonico diretto da Giovanni Antonini, presenta lunedì 8 luglio, nella Basilica di San Vincenzo in Prato, Il viaggio dei Bassano. Il programma segue le tracce della famiglia Bassano, esecutori e costruttori di strumenti a fiato, emigrati da Venezia in Inghilterra ed esportatori dello stile esecutivo italiano.

Bach a Weimar è il programma con cui il clavicembalista Robert Hill si presenta per la prima volta al pubblico di Milano Arte Musica, giovedì 11 luglio alle ore 18.00 e alle ore 20.30, nella Sala Capitolare del Bergognone. In occasione della riapertura della Sala, chiusa per oltre un anno per interventi di restauro delle “tavole” lignee dipinte dal Bergognone, inoltre tutti gli appuntamenti nella Sala Capitolare del Bergognone saranno accompagnati da una visita guidata a cura di Aster.

Ancora nuovi artisti ospiti a Milano Arte Musica: martedì 16 luglio alle ore 20.30, l’Internationale Bachakademie Stuttgart, diretta da Hans-Christoph Rademann, eseguirà nella Basilica di Santa Maria della Passione una delle pietre miliari della musica barocca, i Mottetti di J. S. Bach.

Leonardo da Vinci progettò anche diversi strumenti, dal più famoso tamburo meccanico alla viola organista, fino all’organetto (foglio 75r del Codice di Madrid II), ricostruito nel 2012 dall’organaro Walter Chinaglia e dal musicista Guillermo Pérez: proprio l’organetto sarà protagonista del doppio appuntamento di domenica 21 luglio (ore 18.00 e ore 20.30), in Sala Capitolare del Bergognone. Guillermo Pérez (organetto di Leonardo), Viva Biancaluna Biffi (viola d’arco e voce) e Angélique Mauillon (arpa e voce) presentano Da Vinci project, un programma cantato di musiche francesi e italiane.

Giovedì 25 luglio, nella chiesa di Santa Maria della Sanità, sarà l’occasione per assistere a un originale confronto tra la produzione di Quartetti per archi di W. A. Mozart (tra cui il celebre Quartetto di Lodi) e quella del milanese Carlo Monza, maestro di Cappella del Duomo di Milano, di cui verrà presentata in anteprima mondiale la prima esecuzione in tempi moderni ad opera di Fabio Biondi e della sua Europa Galante.

Si ritorna nella Chiesa di San Pietro in Gessate, lunedì 29 luglio alle ore 20.30, per ascoltare Ensemble Zefiro in un programma dedicato alle European Baroque Sonatas, ovvero una selezione di musiche di Händel, Pla, Fasch, Vivaldi, Philidor, Fux e Zelenka.

L’ultimo appuntamento dedicato a Leonardo da Vinci è giovedì 1 agosto alle ore 18.00 e alle ore 20.30, nella Sala Capitolare del Bergognone. La figurazione delle cose invisibili è il programma con cui la cantante Renata Fusco e il liutista Massimo Lonardi presentano i Rebus musicali di Leonardo, conservati nella Collezione Windsor, insieme ad altri brani del Rinascimento milanese.

Con Il violoncello napoletano Christophe Coin (violoncello) ed Enrico Baiano (clavicembalo) porteranno il pubblico a rivivere la magia di una delle scuole di maggior importanza per la musica europea in epoca barocca, attraverso l’esecuzione di musiche di Francesco Alborea, Francesco Scipriani, Mattia Vento, Salvatore Lanzetti e Alessandro Scarlatti. L’appuntamento è per lunedì 5 agosto alle ore 20.30 in S. Bernardino alle Monache.

Il clavicembalo ritorna protagonista con Bob van Asperen, che in un doppio concerto lunedì 12 agosto alle ore 18.00 e alle ore 20.30 nella Sala Capitolare del Bergognone, celebra J. S. Bach e i suoi precursori olandesi e tedeschi: Jan Pieterszoon Sweelinck, Heinrich Scheidemann, Johann Jacob Froberger e Jan Adamszoon Reincken.

Il Concerto di Ferragosto, che in entrambi gli anni in cui è stato proposto ha registrato il tutto esaurito, è la perfetta combinazione tra due punti cardine della mission di Milano Arte Musica – il sostegno ai giovani talenti e l’accesso sostenibile alla partecipazione culturale e turistica – attraverso la partecipazione di Orchestra Theresia, un’orchestra internazionale composta da musicisti under 30, provenienti dalle più importanti scuole europee di musica. L’orchestra, diretta da Claudio Astronio, eseguirà musiche di Kraus e Haydn, martedì 15 agosto alle ore 18.30, nella Basilica di Santa Maria della Passione.

Al Ayre Español, diretto da Eduardo López Banzo, per la prima volta ospite del festival, accompagnerà il pubblico all’ascolto delle Sonate op. 2 per due violini e b.c. di G. F. Händel, lunedì 19 agosto alle ore 20.30, presso la Chiesa di Santa Maria della Sanità.

La tredicesima edizione di Milano Arte Musica termina giovedì 22 agosto (ore 20.30). Il canto di Orfeo, sotto la direzione di Gianluca Capuano, fresco di nomina come Direttore Principale dei Musiciens du Prince – Montecarlo, torna nella Basilica di Santa Maria della Passione per un’esemplare esecuzione policorale – in un ambiente che non potrebbe essere più adatto – dello Stabat Mater a 10 voci di Domenico Scarlatti.

——–

BIGLIETTI

15-16 giugno: ingresso libero fino a esaurimento posti

17 giugno e 15 agosto: posto unico 5 euro

Tutte le altre date: posto unico 15 euro

11-21 luglio, 1-12 agosto: i concerti in Sala Capitolare del Bergognone saranno accompagnati da una visita guidata

Giovani fino 26 anni: posto unico 5 euro (disponibilità limitata)

Gruppi: sconto 20% minimo 10 persone (solo acquisto in prevendita)

Abbonamenti: 150 euro

Abbonamenti: 130 euro per abbonati alle stagioni dei Vespri Musicali in San Maurizio e della Società del Quartetto di Milano e per i soci di MaMu Cultura Musicale

Punti vendita: sul posto, secondo disponibilità, 40 minuti prima di ogni concerto; in sede presso la segreteria parrocchiale di S. Maria della Passione (via Conservatorio 16) dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.00; online (con diritto di prevendita): Circuito Vivaticket www.vivaticket.it

——–

SEDI

Sala della Balla Castello Sforzesco

Piazza Castello

MM Cairoli, tram 1, 2, 3, 4, 12, 14, 16, 19, bus 50, 57, 58, 61, 94

Chiesa di San Pietro in Gessate

Piazza San Pietro in Gessate

MM San Babila, tram 9, 12, 19, 27, bus 60, 65, 73, 84, 94

Basilica di Santa Maria della Passione e Sala Capitolare del Bergognone

Via Conservatorio 16

MM San Babila, tram 9, 19, bus 54, 61, 94

Chiesa di San Sepolcro

Piazza San Sepolcro

MM Duomo, tram 2, 3, 12, 14, 15, 16, 19, 24

Basilica di San Vincenzo in Prato

Piazzetta di Beria di Argentine angolo via S. Calocero

MM Sant’Agostino, tram 2, 10, 14, bus 74, 94

Chiesa di Santa Maria della Sanità

Via Durini 20

MM San Babila, tram 12, 19, 24, 27, bus 54, 60, 61, 65, 73, 84, 94

Chiesa di San Bernardino alle Monache

Via Lanzone 13

MM Sant’Ambrogio, tram 2, 3, 14, bus 58, 94

LEAVE A REPLY