Museo di Roma – Palazzo Braschi: apertura straordinaria

Il 29 giugno a Roma

0
385

Museo di RomaIn occasione della Festività dei Santi Pietro e Paolo, Patroni di Roma, domani 29 giugno il Museo di Roma a Palazzo Braschi sarà straordinariamente aperto dalle 19 alle 24 (ultimo ingresso alle 23) con la serata-evento Tuttaltra musica. La marchesa Boccapaduli e il suo Cabinet di storia naturale al Museo di Roma, promossa da Roma CapitaleAssessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali  in collaborazione con la Fondazione Teatro dellOpera di Roma.

La serata inizierà alle 19 con leccezionale esposizione al pubblico, al secondo piano, del dipinto di Laurent PécheuxRitratto della marchesa Margherita Sparapani Gentili Boccapaduli (1735-1820), emblematica celebrazione del collezionismo e del mecenatismo artistico del Settecento. Il dipinto è stato messo a disposizione dagli AMICI DEI MUSEI DI ROMA cui è pervenuto per lascito testamentario della principessa Laudomia del Drago. Per loccasione il Duo violinistico della Youth Orchestra (Florian LekajCezara Georgia Buzila) eseguirà la Sonata in sol maggiore per due violini di Georg Philipp Telemann.

Durante la serata il Museo sarà animato da altre due esibizioni musicali: alle 20 nel Salone donore al primo piano, la Youth Orchestra, la Cantoria e i Solisti della Fabbrica YAP del Teatro dellOpera di Roma, diretti dal Maestro Giuseppe Sabbatini, eseguiranno il Requiem in re minore K 626 di Wolfgang Amadeus Mozart; alle 22 nel Cortile, la Youth Orchestra del Teatro dellOpera Roma diretta dal Maestro Carlo Donadio eseguirà la Sinfonia Classica Op. 25 di Sergej Prokofiev e Ouverture da concerto op. 26 Le Ebrididi Felix Mendelssohn-Bartholdy. 

I visitatori potranno accedere alle sale del museo e alle due mostre in corso Fotografi a Roma. Commissione Roma 2003-2017” e “Roma nella camera oscura. Fotografie della città dallOttocento a oggi, pagando un biglietto pari solo a 1 euroPer i possessori della MIC card lingresso sarà invece totalmente gratuito. 

——-

Il dipinto

Come in una istantanea dei nostri giorni, nel 1777 Laurent Pécheux ritrae la marchesa Margherita Sparapani Gentili nel suo Gabinetto di storia naturale. Abbigliata nella raffinata veste à l’anglaise, la nobildonna accenna con una mano alla collezione di farfalle, mentre con laltra trattiene un tralcio di gelso sul quale si muove un piccolo bruco. Gli arredi in stile egizio e il mobilio con decorazioni desunte da modelli antichi di probabile ideazione piranesiana, le due statue antiche del Sileno Villoso e del Cestiario, la macchina per esperimenti di elettricità e laltra per creare il vuoto pneumatico, restituiscono un ambiente musealenel quale ogni dettaglio parla degli interessi della nobildonna e delinea la sua personalità “intellettualedi certo inconsueta nel panorama romano femminile di fine Settecento.

Il suo salotto fu tra i più importanti luoghi di incontro di intellettuali italiani e stranieri a Roma nella seconda metà del XVIII secolo: un luogo à la page nel quale la Marchesa svolse una funzione intellettualmente autonoma e tanto rilevante da poterne sostanziare lesistenza favorendo in prima persona le relazioni e gli scambi culturali tra i suoi ospiti.

Sposata nel 1753 al nobile romano Giuseppe Boccapaduli, visse separata dal marito nel palazzo Gentili di via in Arcione ereditato dallo zio cardinal Antonio Saverio Gentili, contando sulla costante e affettuosa presenza del letterato milanese Alessandro Verri, fratello del noto economista e scrittore illuminista Pietro Verri. Semira Epicense in Arcadia, studiosa di scienze naturali, di fisica sperimentale e di astronomia, viaggiatrice e autrice di un dettagliato manoscritto che raccoglie le sue memorie periegetiche, fu amatrice delle Belle Arti” – come la definì Giovan Battista Piranesi in una tavola che a lei dedicò nellopera Vasi, Candelabri, Cippi, Sarcofagi e Tripodi (1778). Un gusto per le arti autentico e sempre aggiornato, quello della Marchesa, sostenuto da unattività collezionistica che dalle prime manifestazioni del Rococò e della cultura piranesiana, approdano allinteresse per il neoclassico e, soprattutto, per Antonio Canova. Il rapporto di profonda stima tra la Marchesa e lo scultore iniziato nel salotto e proseguito nello scambio epistolare, accompagnò la nobildonna per tutta la sua esistenza quando alla sua morte, nel 1820, nella sua collezione campeggiava il ritratto in gesso del Greco Scultoreaccanto al proprio autoritratto che si vuole immaginare essere questo del Pécheux.

———

Museo di Roma

Piazza Navona, 2 – Piazza San Pantaleo, 10

Info: 060608 (tutti i giorni ore 9-19)

www.museodiroma.it

 

LEAVE A REPLY