Eneide – Le gare in onore di Anchise

Andato in scena al Teatro Romano di Fiesole (FI) nell’ambito dell’Estate Fiesolana 2019

1134
Eneide
Eneide
Foto di Max Valle

«Dardanidi grandi, stirpe dell’alto sangue di dei,
si compie con mesi esatti il giro d’un anno
da quando coprimmo di terra le reliquie e le ossa
del divino padre, e consacrammo luttuose are».

Con queste parole Enea, nel testo virgiliano qui tradotto da Luca Canali, esorta i troiani a gareggiare in onore di suo padre Anchise a un anno dalla morte. Quel padre che tutti ricordiamo sulla spalle dell’eroe alla partenza da Troia, a fianco del piccolo Ascanio. Tre generazioni per dare origine a una nuova città che conservi le tradizioni di Troia. Il vecchio Anchise però trova la morte durante il viaggio, proprio nel trapanese, dove ora, nel V canto, la flotta troiana è costretta a sbarcare sotto la minaccia di livide nubi che avvolgono il cielo. Nel canto successivo, narrato a Fiesole una settimana fa da Dario Vergassola e David Riondino, Enea scenderà agli Inferi e lì ritroverà il padre. Ma per adesso, è ancora tempo di onorarlo «lietamente» mostrando il valore dei giovani teucri. La gara delle navi, la corsa, il pugilato, il tiro con l’arco. Lo svolgimento dei giochi è descritto nei minimi particolari da Virgilio, come una battaglia della guerra che li ha costretti ad abbandonare la loro patria.

Paolo Rossi è l’aedo d’eccezione che dà voce all’antica radiocronaca – a fine serata, con l’aiuto di un baldo pubblico, tramutata in telecronaca. Il comico friulano sceglie di leggere un brano, non l’intero canto, soffermandosi sulla regata e sulla gara di pugilato. Si riserva così il tempo necessario a cullare lo spettatore, accompagnandolo dentro l’opera senza quasi che se ne accorga: l’introduzione, le diverse digressioni, il bizzarro finale – se ancora si può accostare l’aggettivo a Paolo Rossi – si intrecciano e si accavallano col poema virgiliano. Il teatro d’improvvisazione, la comicità, per così dire, diffusa, Entello e Aceste, la maga Circe, perfino i piccioni. Come è vero che nei classici troviamo tutto e il contrario di tutto, è altrettanto innegabile che Paolo Rossi rielabori a modo suo anche questa peculiarità senza troppa fatica.

Il suo è sicuramente uno dei più riusciti tra gli esperimenti teatrali che Sergio Maifredi ha presentato in questi tre anni a Fiesole. Il testo virgiliano, pur ridotto, è lasciato immutato, trasportato attraverso parentesi e divagazioni nell’attualità di un mondo che non ha imparato abbastanza da Virgilio e compagni. Non ha imparato a chiamare guerra la guerra, vestendola di attributi ogni volta più ridicoli. Non ha imparato a portare con sé la saggezza del vecchio e l’innocenza del fanciullo. E non ha imparato a ridere anche delle tragedie, unendo al rispetto un po’ di sana demistificazione. Un cantore contemporaneo è chiamato a questo: rielaborare l’insegnamento dei grandi in forme e parole nuove, calate sul presente. Quelle di Paolo Rossi, un po’ farfugliate e un po’ lasciate a metà, un po’ roboanti e un po’ ingentilite da un accento straniero, si piegano alle nostre necessità di pubblico e al suo estro di istrione.

Caldamente consigliato ai minori di 18 anni.

Per info: www.estatefiesolana.it