Terme di Caracalla: bilancio straordinario per la stagione estiva 2019 del Teatro dell’Opera di Roma

Gli incassi hanno raggiunto i 7,5 milioni di euro per un totale di 108 mila biglietti venduti

0
281

Terme di CaracallaUn bilancio straordinario ha sigillato ieri sera, con lultima replica de La traviata di Verdi, la stagione estiva del Teatro dellOpera di Roma alle Terme di Caracalla.

L’offerta di trentatré serate, fra opere, balletto e concerti extra, è stata accolta con grande favore dal pubblico e ha permesso così di registrare nuovi record dincasso e di biglietti venduti.

Gli incassi sono stati pari a 7.489.000 euro con un incremento di ben il 26% rispetto ai 5.922.000 allanno precedente (+ 1.567.000 euro).

Gli spettatori sono stati 108.339, con un aumento del 18% rispetto ai 92.220 dello scorso anno (+ 16.119 spettatori).

Questi risultati rappresentano il record assoluto della rassegna estiva alle Terme di Caracalla. Negli ultimi tre anni gli incassi e gli spettatori della rassegna sono più che raddoppiati.

Anche questannoha dichiarato la sindaca Virginia Raggi, presidente della Fondazione Teatro dellOpera di Roma la stagione estiva dell’Opera di Roma alle Terme di Caracalla ha confermato di essere un polo di eccellenza e di attrazione per i romani e per i turisti, un grande successo di pubblico nella variegata offerta culturale dellEstate Romana. L’opera, la musica, il balletto sono forme potenti di cultura e strumenti di comunicazione capaci di abbattere muri rispettando differenze e identità. Ringrazio il sovrintendente Carlo Fuortes per limportante lavoro che sta portando avanti con il Teatro dellOpera e per gli ottimi risultati ottenuti grazie all’impegno di molti”.

L’attenzione che, in questo come negli anni precedenti, abbiamo sempre posto nel considerare in primo luogo la qualità artistica della nostra offerta, ha riscosso ancora una volta il favore di un pubblico numeroso.ha detto il sovrintendente del Teatro dellOpera, Carlo Fuortes L’alternanza di spettacoli (due opere, il balletto Romeo e Giulietta, quindici serate di Extra) testimonia che, al di là dei diversi generi, è la qualità a premiare, sempre. È il punto di riferimento che abbiamo presente sia per gli spettacoli da allestire allinterno del Costanzi, sia quando ci confrontiamo con i numeri molto più ampi di Caracalla, uno spazio capace di 4500 spettatori. Puntiamo su questo scenario affascinante anche perché sia loccasione dincontri vicendevoli, perché chi è venuto per il concerto rock si lasci attrarre dallopera, e viceversa: sarà per noi il risultato migliore”.

Dopo la pausa estiva, il sipario del Teatro Costanzi si alzerà martedì 10 settembre per un doppio appuntamento, speciale e di grande interesse. La serata vedrà la ripresa di Work in progress, uno spettacolo che fu presentato al Costanzi nel 1968. In quelloccasione il grande artista americano Alexander Calder mise in scena i suoi mobiles, proseguendo così una collaborazione che ha caratterizzato la programmazione dellOpera di Roma fin dagli inizi del Novecento. Un filo che il teatro ha proseguito a tessere negli ultimi anni, proponendo a William Kentridge (in occasione della sua Lulu del 2017) di ideare una seconda parte della serata, da unire al lavoro di Calder. In prima assoluta vedremo dunque alla ripresa questa nuovissima creazione del grande artista sudafricano dal titolo Waiting for the Sibyl.

LEAVE A REPLY