La Luna nel pozzo alle prese con i “193 problemi” dei Laden Classe

Giovedì 5 settembre alle 21.30 in Piazza Matteotti a Caorle (VE)

0
139

La compagnia italiano di circo contemporaneo Laden ClasseLa XXIV edizione de “La luna nel pozzo” di Caorle entra nel vivo con lo spettacolo di circo contemporaneo “193 problemi” della compagnia Laden Classe.

Dopo l’inaugurazione di mercoledì 4 settembre, entra nel vivo giovedì 5 settembre, la XXIV edizione de “La luna nel pozzo”, festival internazionale del teatro di strada che, fino a domenica 8 settembre, porterà a Caorle (VE), oltre trenta compagnie provenienti da tutto il mondo.

Grande attesa suscita l’esibizione, giovedì alle 21.30 in Piazza Matteotti, dei Laden Classe, compagnia italiana di circo contemporaneo nata dalla “centrifuga” dei percorsi artistici e di vita dei suoi componenti. Mano a mano, Roue Cyr, trapezio, banchina, palo cinese, musica dal vivo e teatro sono infatti i tasselli con cui il gruppo costruisce il suo linguaggio. Il loro spettacolo, “193 problemi”, si presenta al pubblico come una sorta di esperimento sociale, in cui gli individui selezionati non hanno caratteristiche adatte a creare un progetto comune, ma nel quale, attraverso l’ostinazione, riusciranno comunque a portare avanti l’azione scenica. I 193 problemi a cui il titolo fa riferimento, sono parte di una lista che si ispira in maniera ironica al lavoro della compagnia, raccogliendo imprevisti, disavventure, incidenti, più o meno gravi, accaduti ai componenti durante i due anni di creazione. Le disavventure entrano nella scena e ne diventano il motore, in maniera più o meno esplicita, conferendo alle situazioni un colore tragicomico che vuole allo stesso tempo far sorridere e riflettere.

Gli altri spettacoli

Per tutta la serata, infatti, tutte le piazze e i campielli della città saranno letteralmente invasi dagli artisti.

In Piazza Papa Giovanni XXIII torna ad esibirsi, alle 20.30 e alle 21.45, Brunitus, artista argentino già protagonista all’inaugurazione di mercoledì, con il suo “diablo”, strumento millenario cinese usato per scacciare gli spiriti maligni, per raccontare un viaggio attraverso i sentimenti. Alle 21.15 e alle 22.30 sarà invece in primo piano la musica con il duo di chitarristi Michele Rosati e Rachele Fogu il cui repertorio abbraccia musiche e canzoni senza distinzione di genere e nazionalità, con l’obiettivo di interpretare in un’ottica diversa brani ormai entrati a far parte dell’ascolto collettivo. Le note la fanno da padrona anche sul Lungomare Petronia con la Funkasin Street Band, marching band italiana di 15 elementi, il cui repertorio parte dal funk per fonderlo con il pop, la disco e il rock.

Campo Oriondi (ore 21.00 e 22.15) sarà invece il palcoscenico della Compañía Entropia che con lo spettacolo di circo e danza “Disidentes”, fonderanno in un solo corpo il maschile ed il femminile per ristabilire l’equilibrio perfetto.

Danza e acrobatica anche in Piazza Vescovado (ore 21.30 e 23.00) con il Duo Masawa che in V.O.G.O.T.” intrecciano i cinque sensi, dal primo momento in cui l’uomo scopre se stesso e il mondo che lo circonda fino ad arrivare ad esplorare e fare tesoro delle sensazioni che lasciano impronte indelebili nel percorso di vita. Sempre in Piazza vescovado alle 18.30 aprirà il Ludobus di Spazio Verdeblu, mezzo pensato e organizzato appositamente per allestire uno spazio di gioco che trasforma e cambia completamente l’aspetto dei luoghi abituali, rendendoli allegri, giocosi, movimentati.

Rio Terrà (fronte Bafile) ospita dalle 20.30 il caricaturista Fabio Iuli. Dalle 21.00 (con replica alle 22.45) è il turno della Compagnia Ludilò: due corpi, due persone, due donne. Lo spazio diventa la stanza dei giochi di due bambine, un disegno tridimensionale che si fa e si disfa. La corda è un rompicapo, un mezzo di trasporto per andare e tornare, un legame che diventa visibile e tangibile.

In Campo Pio X (ore 21.30 e 22.45) la Compagnia Samovar sarà al centro di un rocambolesco spettacolo di strada dove clownerie, musica ed acrobatica si uniscono a ritmo di musiche balcaniche e sapori dell’Est.

Piazza Sant’Antonio rivedrà esibirsi alle 20.30 e alle 22.30 il Circo Lumiere. Teatro di figura infine in Campo San Rocco (ore 21.00 e 22.15) con “Ti ricordi” di Teatro Hilaré il cui protagonista è il clown Iaia che ritrova delle scatole con dentro i ricordi del nonno, da una delle quali salterà fuori la marionetta Mr Pepe.

La partecipazione agli spettacoli e agli eventi del festival è libera.
Il programma completo è disponibile sul sito
https://lalunanelpozzofestival.it/

Previous articleGod is Green (2° edizione)
Next articleVissi d’arte, vissi d’amore: i libri Fatatrac
Giuseppe Bettiol
Laureato in filosofia all’Università degli Studi di Padova, collaboro con lo Studio Pierrepi dal 2009. Appassionato comunicazione digitale, ho concentrato la mia attività nelle Digital PR, nei rapporti con le testate e gli influencer digitali, seguendo corsi ad hoc. Dal 2010 sono consulente di media & public relation per la Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari di Padova, per il Circolo Tralaltro Arcigay Padova e la Società Dante Alighieri sezione di Padova. Dal 2011 sono responsabile dell’ufficio stampa della manifestazione “Padova Pride Village” alla Fiera di Padova. Attualmente sto inoltre collaborando con il Teatro de LiNUTILE di Padova, il Padova Pride 2018 e l’agenzia di comunicazione We-Go.

LEAVE A REPLY