Pierino e il lupo secondo la Banda Osiris

Il 12 ottobre, ore 16 e 20.30, all'Auditorium di Milano

0
280
Banda Osiris
Foto di Francesco Fratto

Pierino…e il lupo?!”

Musiche di Prokof’ev

Banda Osiris

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Direttore Andrea Oddone

——–

Prende il via Crescendo in musica, la rassegna di concerti che laVerdi dedica ai più piccoli e alle loro famiglie per invitarli a scoprire, attraverso il meraviglioso linguaggio della musica, i grandi capolavori della letteratura e della musica. Il primo appuntamento della Stagione 2019-20, sabato 12 ottobre alle ore 16.00 vede il graditissimo ritorno sul palco dell’Auditorium di largo Mahler della Banda Osiris, che trascinerà ancora una volta il pubblico nel suo mondo surreale e comico.

Insieme all’Orchestra sinfonica di Milano Giuseppe Verdi diretta per l’occasione dal Maestro Andrea Oddone i quattro musicisti, pionieri della contaminazione sonora, maestri dell’azzardo musicale, racconteranno a modo loro la celebre fiaba musicale di Sergej Prokof’ev, Pierino e il lupo”, la storia di un ragazzo che, con l’aiuto dei suoi inseparabili amici animali, riesce a catturare un ferocissimo lupo. E se nella partitura musicale di Prokof’ev i personaggi sono rappresentati dai vari strumenti dell’orchestra, le incursioni musicali della Banda Osiris promettono di essere decisamente esilaranti.

Gianluigi Carlone (voce, sax) Roberto Carlone (trombone, pianoforte), Sandro Berti (mandolino, violino, trombone) Giancarlo Macrì (percussioni, batteria, bassotuba) con la complicità dell’Orchestra Verdi e del Maestro Oddone daranno così vita a un concerto-spettacolo ad alto potenziale comico con tante sorprese e trovate comiche a partire dal titolo: “Pierino … e il lupo?!”

Ma non è tutto. Per accontentare anche il loro appassionato e fedele pubblico adulto i quattro musicisti di Vercelli che nel 2010 festeggiano i 40 anni di carriera, saranno protagonisti del concerto straordinario in programma nella serata di sabato 12 ottobre (ore 20.30). Se nella versione pomeridiana la Banda Osiris si sarà mostrata attenta alle esigenze dei piccoli spettatori (coinvolti attivamente nello spettacolo-concerto come sempre accade il sabato pomeriggio) la sera possiamo essere certi che i quattro attori-musicisti si scateneranno senza freni trascinando il pubblico e i professori d’orchestra nel loro personale e geniale mondo fatto di fantasia musicale e comiche invenzioni. Un mondo dove tutto è diverso da come appare e gli strumenti musicali, grazie alla straordinaria abilità tecnica dei quattro musicisti, diventano elementi fantastici dotati di vita propria.

——–

Sabato 12 ottobre 2019, ore 16.00 (Crescendo in musica)

Sabato 12 ottobre 2019, ore 20.30 (Concerto straordinario)

Auditorium di Milano, largo Mahler

——–

Biglietti:

spettacolo ore 16.00 (Crescendo in musica): Adulti €15.00 – Bambini under 14 €7,50

spettacolo ore 20.30 (Concerto straordinario): da €15.00 a €36.00

Info e prenotazioni: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, largo Mahler; orari apertura: mar/dom, ore 10.00/ 19.00. Tel. 02.83389401/2/3, www.laverdi.org www.vivaticket.it.

——–

Biografie

La Banda Osiris nasce nel 1980 a Vercelli. Nei primi anni di attività si dedica prevalentemente a spettacoli di strada. L’originalità della proposta che fonde musica, teatro e comicità riscuote un immediato successo. Dalla strada il passo successivo è il teatro. Nascono diversi spettacoli: da Storia della Musica vol. 1 e 2 (regia di Gabriele Salvatores) a Le Quattro Stagioni da Vivaldi (regia di Gabriele Vacis), da Sinfonia Fantastica (regia di Maurizio Nichetti) a Roll Over Beethoven con il Quartetto Euphoria, Guarda che Luna con Enrico Rava, Gianmaria Testa e Stefano Bollani, protagonista quest’ultimo anche di Primo Piano, Diabolus in musica con l’orchestra metropolitana di Lisboa, Banda.25, Italiani, Italieni, Italioti con Ugo Dighero e scritto da Michele Serra, un dissacrante Pierino e il Lupo gravemente contaminato. Oltre ad aver partecipato a numerose trasmissioni televisive in Italia e all’estero (DOC, Pista!, Maurizio Costanzo Show, Per un pugno di libri solo per citarne alcune), il gruppo ha scritto diretto e realizzato per Rai3 lo special Musica coi fiocchi con la Demo Morselli Band e l’ironico Concerto di Capodanno 2005 con l’Orchestra del Conservatorio di Genova. Nelle ultime stagioni ha partecipato alla trasmissione Parla con me con Serena Dandini e Dario Vergassola, occupandosi della realizzazione ed esecuzione di una stralunata colonna sonora live. Proficuo anche il rapporto con i tre canali radiofonici della Rai che ha visto la Banda impegnata nel doppio ruolo di autori e conduttori in diverse trasmissioni, e in quello di compositori di sigle per trasmissioni quali Caterpillar, Catersport, Sumo, Un giorno da pecora e altre ancora. La Banda ha inoltre scritto ed eseguito colonne sonore per il teatro, per documentari e per il cinema tra cui Anche libero va bene di Kim Rossi Stuart, L’imbalsamatore e Primo amore di Matteo Garrone con cui ha meritato nel 2004 l’Orso d’argento al Festival di Berlino e il David di Donatello, e l’ultimissimo Qualunquemente con Antonio Albanese. L’ultimo lavoro della versatile band è un Cd per Radio Fandango dal titolo Banda.25, che ha dato origine a un DVD e a una divertente mostra sulla musica, ulteriore tassello di una continua ricerca su nuovi e fantastici mondi sonori.

——–

La Banda Osiris è composta da:

Sandro Berti (mandolino, violino, trombone)

Gianluigi Carlone (voce, sax)

Roberto Carlone (trombone, pianoforte)

Giancarlo Macrì (percussioni, batteria, bassotuba)

Andrea Oddone direttore.

Ha studiato pianoforte sotto la guida di Giorgio Vercillo e poi di Giuseppe Binasco (già allievo di Arturo Benedetti Michelangeli e Alfred Certot) presso il Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria e si è diplomato in seguito presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino in Direzione d’Orchestra, Composizione, Strumentazione per Banda e Trombone. Ha debuttato come direttore d’orchestra a soli quattordici anni alla guida di formazioni studentesche e amatoriali e poi si è poi dedicato al grande repertorio sinfonico e operistico. I suoi impegni concertistici includono inviti con orchestre in Italia e in Europa, tra cui l’Orchestra Sinfonica di Milano “Giuseppe Verdi”; Orchestra Sinfonica Abruzzese; Orchestra Sinfonica di Sanremo; Donetsk National Philarmonic Orchestra “S. Prokofiev”; Orchestra Sinfonica “B. Bruni” di Cuneo; Orchestra “Sinfolario” di Lecco; Orchestra Sinfonica Nazionale Rumena; Orchestra Sinfonica di Asti; Orchestra Sinfonica di Oradea; Orchestra Classica di Alessandria; Orchestra Sinfonica Giovanile del Piemonte; Orchestra Sinfonica di Bordighera e Ensemble Nuove Musiche. Presente nei programmi dei maggiori festival e di varie stagioni musicali, ha diretto più volte concerti trasmessi dalla RAI Radio Televisione Italiana. Il suo repertorio spazia dal Classicismo al Novecento storico, ma non mancano prime esecuzioni assolute o italiane di nuovi lavori. Ha collaborato con innumerevoli solisti e cantanti tra cui: Luca Fanfoni, Silvia Chiesa, Alessandro Marangoni, Luca Santaniello, Marton Kiss, Michele D’Ascenzo, Adele Viglietti, Stefano Cerrato, Chiara Bertoglio, Nikolay Shugaev, Ermir Abeshi, Leonardo Pierdomenico, Filippo Mineccia, Natalia Roman, Elena Bakanova, Marta Mari. Felici anche le collaborazioni con attori quali Antonio Carli, Nicola Olivieri e David Riondino. Attento ai linguaggi “extracolti”, ha collaborato con jazzisti del calibro di Scott Hamilton, Antonio Marangolo, Bobby Dhuram, Gianni Basso. Ha scritto e diretto per esponenti del rock di fama mondiale come Geoff Whitehorn (Procol Harum), Martin Barre e Clive Bunker (Jethro Tull). Apprezzato comunicatore, è spesso chiamato a tenere lezioni/concerto e seminari presso le istituzioni pubbliche e private in merito alla direzione d’orchestra e, più in generale, sulla cultura musicale (ultimo in ordine cronologico l’invito presso il Conservatorio di Santa Cecilia in Roma). È altrettanto richiesto come membro di giuria in occasione di concorsi di esecuzione e come relatore nell’ambito di convegni di studio. Ha studiato presso il conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino diplomandosi col massimo dei voti in composizione e in direzione d’orchestra. Si è perfezionato in Italia e all’estero seguendo numerose master class e innumerevoli produzioni quale assistente.

LEAVE A REPLY