Festival Milano Musica 2019: Brad Lubman dirige Leila Josefowicz

Il 27 ottobre, ore 20, al Teatro alla Scala, Milano

0
475

Leila JosefowiczPer l’appuntamento scaligero del Festival Milano Musica in programma  domenica 27 ottobre alle ore 20, la Filarmonica della Scala ospita due artisti di riferimento nel panorama musicale contemporaneo: il direttore statunitense Brad Lubman dirige l’orchestra nel concerto per violino di Luca Francesconi  Duende. The Dark Notes, accostandolo al  Sacre du printemps di Stravinskij.

Solista è la violinista  Leila Josefowicz, straordinaria interprete e collaboratrice di autori quali Oliver Knussen, John Adams, Esa-Pekka Salonen, Colin Matthews e Steven Mackey. Tra le sue prime esecuzioni assolute si annovera la Sinfonia drammatica  Scheherazade.2 di Adams nel 2015. Nel 2013 Luca Francesconi l’ha scelta come interprete del suo concerto per violino e orchestra eseguito per la prima volta a Stoccolma con la direzione di Susanna Mälkki e premiato con il Royal Philharmonic Society Award ai Proms nel 2016. Di lunga data è anche l’amicizia che lega il compositore milanese a  Brad Lubman, che ha diretto la prima esecuzione di  Trauma Études a Washington nel marzo 2019 e tre produzioni dell’opera  Quartett, ripresa alla Scala proprio in queste settimane.

Il Concerto per violino di Francesconi sembra trarre ispirazione dal termine spagnolo che si riferisce all’estro creativo, a una forza sotterranea che sfugge al controllo razionale, al demone del flamenco e del  cante hondo. In un testo del 1930,  Il duende. Teoria e gioco, Federico García Lorca definisce il  duende come un’inquietudine, un’energia oscura che è insieme il motore dell’esperienza del vivere e l’essenza dell’arte. «Il  duende è storicamente il demone del flamenco» – dice Luca Francesconi – «Come ci spiega García Lorca, è una forza sotterranea d’inaudita potenza che sfugge al controllo razionale. Per ritrovare una forza primigenia nello strumento forse più carico di storia dell’Occidente, è necessaria una perigliosa discesa negli inferi delle note nere, o un volo fuori dall’orbita terrestre. Che è lo stesso. Difficilissimo. Ma senza  duende si resta inchiodati al suolo. Lorca ci avverte: Manuel Torres, grande artista del popolo andaluso, diceva a uno che cantava: Hai voce, conosci gli stili, ma non ce la farai mai, perché non hai  duende».

La spinta generatrice di una forza arcaica, che viene dal profondo, lega  Duende al  Sacre du printemps di Stravinskij, e per questo accostato al concerto per violino: anche qui la dimensione ancestrale dei ritmi della terra genera una energia dirompente. L’istinto della vita stessa è la chiave di una delle partiture che più hanno segnato il Novecento musicale. Non a caso Igor Stravinskij è tra i compositori più amati da Luca Francesconi: «ha capito come si poteva entrare dentro quel famoso “atomo” e sviluppare, ed è stata una rivelazione».


Teatro alla Scala

Filarmonica della Scala
Brad Lubman, direttore
Leila Josefowicz, violino

Luca Francesconi (1956)
Duende. The Dark Notes (2013) — 26′
per violino e orchestra

Igor Stravinskij (1882-1971)
Le Sacre du Printemps (1911/1913) — 35′

Per ricordare Luciana Pestalozza e Claudio Abbado

———-

Biglietti: € 40/20/10/5

Biglietteria Festival Milano Musica
Abbonamenti e biglietti per tutti i concerti sono in vendita nella biglietteria di Milano Musica presso la biglietteria del Teatro alla Scala, largo Ghiringhelli, da lunedì a sabato (ore 10.30-18), e inoltre domenica 27 ottobre, dalle 12 all’inizio del concerto.
+39.02.861147, ore 10.30-18 (nei periodi di apertura)
biglietteria@milanomusica.org

LEAVE A REPLY