“Peccati immortali” di Aldo Cazzullo e Fabrizio Roncone

La presentazione del libro è in programma il 7 ottobre, ore 18.30, al Piccolo Eliseo, Roma

1
819

Peccati immortaliIntervengono gli autori, conduce Pierluigi Pardo. Con la partecipazione di Filippo Ceccarelli, Roberto D’Agostino, Marco Follini, Giampiero Mughini, Barbara Palombelli, Adriano Panatta, Walter Veltroni. Letture di Claudia Gerini

——

Roma. Tra qualche anno. Salvini è caduto, dopo che un barcone di migranti è affondato davanti a un porto chiuso. Ora al governo ci sono il Pd e il Popolo dell’Onestà. Ma il premier è debole e il nuovo ministro dell’Interno prepara un piano per prendere il potere. Su questo scenario si apre il giallo. Il cardinale Michelangelo Aldrovandi, l’unico conservatore a essersi conquistato la fiducia del Papa, viene trovato morto in circostanze oscure. Lo scandalo è messo a tacere. Ma Remedios, la suora che lo accudiva, ritrova un telefonino con quattro foto. Che compromettono – per un curioso dettaglio – il leader emergente del Popolo dell’Onestà. Il telefonino viene rubato. E lo cercano in molti. Per quelle foto, che possono far saltare il governo e il Vaticano, si tenta di uccidere. Si uccide. Ci si uccide. Sulla scena compaiono i servizi, i gendarmi del Papa, un vecchio senatore che sa tutto di tutti, un killer con uno strano vizio e un peso sulla coscienza. E compare una ex spia, Leone Di Castro detto Gricia per la sua voracità, che con suor Remedios forma una coppia di investigatori sottovalutata e quindi sorprendente. In un vortice di colpi di scena, delitti e situazioni grottesche, drammi e farse, Aldo Cazzullo e Fabrizio Roncone portano il lettore nei bassifondi e nell’empireo della capitale, nei campi della mafia nigeriana e nelle feste dei padroni di Roma, sino alle stanze segrete del potere e in fondo agli abissi dell’animo umano. Il racconto, tra personaggi reali e altri immaginari, consegna il ritratto del nostro Paese, del nostro popolo, del nostro tempo. E quando tutti i nodi sembrano sciogliersi, ecco che si profila la vera minaccia che incombe sulla cristianità.

——-

Aldo Cazzullo (Alba, 1966) è inviato speciale del Corriere della Sera. I suoi saggi sulla storia e l’identità italiana hanno venduto oltre un milione di copie. Nel 2011 ha pubblicato da Mondadori il romanzo La mia anima è ovunque tu sia.

Fabrizio Roncone (Roma, 1963) è inviato speciale del Corriere della Sera. Con Rizzoli, nel 2016, ha pubblicato il noir La paura ti trova.

1 COMMENT

  1. Sono un lettore accanito di saggistica ed ho letto i libri di Aldo Cazzullo: Le donne erediteranno la terra, L’intervista, Spegni quel cellulare,Giuro che non avrò più fame. In questi libri Cazzullo dà il meglio di sé coniugando la professione di giornalista (stile fluido e coinvolgente) con quello dello scrittore attento osservatore del mondo che ci circonda. Il romanzo “Peccati immortali”è senza dubbio un bel giallo ed avrà successo proprio per quelli che a me ( non sono davvero un moralista) sembrano difetti: il linguaggio “pesante”( che non mi meraviglia dato che moltissime ragazze di oggi intercalano continuamente con “cazzo”) e situazioni pruriginose. Inoltre il racconto vaga sempre tra il surreale, il reale e l’allusivo.
    Insomma il romanzo non mi è piaciuto. Mi attendevo invece che uscisse il secondo libro di interviste nel quale Cazzullo ha promesso (v, L’intervista) di dare maggiore spazio ai personaggi femminili. Quei personaggi che sono i protagonisti di “Le donne erediteranno la terra”.
    La mia non vuole essere una critica e spero che il cortesissimo Cazzullo non se ne abbia. D’altro canto
    un parere di un estimatore serve a vedere le cose con gli occhi di un altro. Mi è successo con Augias che ha accettato le mie critiche per alcuni suoi atteggiamenti per la ” mia specchiata buona fede”ed ha augurato a me ed a se stesso di trascorrere con dignità il tempo che ci è stato assegnato (siamo quasi coetanei).

LEAVE A REPLY