Il centro della Terra come crocevia delle meraviglie culturali

L’omaggio a Jules Verne nella coreografia di Roseland Musical

0
250

Viaggio al centro della TerraLa frontiera ottocentesca dipinta da Jules Verne, padre della fantascienza moderna, si consacrata nella grande forza evocatrice di immagini: altri luoghi, altre destinazioni da raggiungere, altri modi di pensare. Una frontiera di stampo fisico, materiale, ben lontana dalla frontiera affrontata dalla compagnia di Barcellona Roseland Musical, quella dell’incontro cibernetico tra corpi e proiezioni video.

All’apertura della stagione 2019-2020 della Casa Teatro Ragazzi di Torino – in sinergia con Torinodanza Festival – l’omaggio scenico a Jules Verne si sdoppia: nella matericità della coreografia e nel discorso drammaturgico. Perché se l’interpretazione danzata del Viaggio al centro della Terra arriva a toccare la “digitalità” evocata da due schermi in profondità, l’adattamento drammaturgico di Manuel Veiga ne traspone non tanto la trama, quanto la meraviglia per una frontiera impossibile, o per lo meno improbabile.

Si assiste a una drammaturgia che, citando altri immortali romanzi di Verne come Il giro del mondo in 80 giorni e 20.000 leghe sotto i mari, assume le fattezze della valorizzazione delle differenze biologiche e culturali. Una lettura quasi obbligata, in tempi in cui le possibilità offerte dalla tecnologia digitale minacciano di banalizzare l’immaginazione, riportandola semplicemente all’evidenza dell’illusione ottica o dell’effetto speciale; un’eventualità sfatata, in ogni caso, dall’intervento fisico e corporeo di Cristina Miralles, Amanda Rubio, Mariona Camelia e Marcos Elvira, che riesce a scremare l’uso massiccio della tecnologia (di proiezioni, effetti e musiche immancabilmente “digitali”) lasciando immutata l’originale meraviglia per la scoperta. Con l’aggiunta di una dose non indifferente di ironia e divertimento.

———

Viaggio al centro della Terra

Roseland Musical – Barcellona

direzione artistica Marta Almirall

effetti audio visivi Franc Aleu

direzione coreografica Anna Planas

drammaturgia Manuel Veiga

ballerini Marcos Elvira, Cristina Miralles e Amanda Rubio / Mariona Camelia

produzione artistica Ester Rodriguez

diffusione e comunicazione Silvia Framis

tecnico video Marcel Bagó

tecnico luci Gonzalo Colosía

Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus in collaborazione con Torinodanza Festival

con il patrocinio dell’Ufficio Culturale dell’Ambasciata di Spagna in Italia

LEAVE A REPLY