Progetto Shakespeare (10° edizione)

Dal 15 febbraio al 31 maggio a Milano

0
428

Progetto ShakespeareVisti i successi delle precedenti nove edizioni ottenuti in Lombardia, Marche ed Emilia Romagna, il Progetto Shakespeare, ideato dalla regista e coreografa professionista Valentina Escobar, tornerà anche a Milano a partire da febbraio 2020 con un nuovo laboratorio spettacolo per giovani allievi attori di tutta Italia.

I giovani selezionati e interessati avranno l’occasione per studiare con lei e la Dottoressa Federica Calvi esperta in vocalità artistica, specializzata nel lavoro vocale con attori e cantanti nonché docente in importanti scuole di Teatro e collaboratrice del Dottor Franco Fussi, uno dei massimi esperti nel settore.

Sono già aperte le iscrizioni a prezzi scontati fino al 31 dicembre ma i posti sono limitati per garantire ulteriormente qualità ed efficacia del progetto stesso.

———

LA STORIA DEL PROGETTO SHAKESPEARE

Il Progetto Shakespeare di Valentina Escobar giunge alla sua decima edizione, si è sempre distinto per serietà professionale, utilità, efficacia e prezzi molto convenienti nonostante la riconosciuta e apprezzata qualità.

Nel corso degli anni ha collaborato con importanti realtà teatrali come Teatro Gioco Vita- Stabile di Innovazione di Piacenza e il Teatro Litta – Mtmt – Teatro Stabile di Innovazione di Milano.

Progetto Shakespeare…teatro con te si rivolge a giovani allievi attori di tutta Italia realmente interessati a partecipare accuratamente selezionati per garantire ulteriormente la qualità e l’efficacia del Progetto!

Non intende in alcun modo sostituirsi alle accademie o scuole teatrali, ma è un’occasione in più che Valentina Escobar vuole dare ai giovani allievi per perfezionarsi, inserire un ulteriore, utile, serio ed efficace tassello nel proprio percorso teatrale guidati da professionisti sempre attivi nell’ambito teatrale e formativo.

Proprio per questo tra i numerosi partecipanti alle scorse edizioni si ricordano con immenso piacere e grande soddisfazione allievi attori di importanti scuole come la Scuola di Teatro Aelssandra Galante Garrone di Bologna, la Scuola d’ arte drammatica Paolo Grassi di Milano, L’accademia Teatrale Veneta, La Scuola Internazionale di Teatro di Roma, La Scuola di Teatro Nico Pepe di Udine e molte altre.

——-

I DOCENTI DELLA NUOVA EDIZIONE

Docenti della nuove edizione saranno Valentina Escobar apprezzata regista e coreografa per spettacoli di prosa e lirica in Italia e all’estero, vincitrice del primo premio per il Teatro Internazionale Arlex 2016, (premio assegnatole da una giuria di epserti quali Ferruccio Soleri, Dolres Puthod e Carla Fracci) con quasi 20 anni di esperienza professionale e la Dottoressa Federica Calvi che oltre ad essere logopedista e collaboratrice del Dottor Franco Fussi (due dei massimi riferimenti in Italia per attori e cantanti nell’ambito della cura e del funzionamento della voce), esperta in vocalità artistica, nel training vocale finalizzato al riscaldamento , raffreddamento e uso corretto – espressivo, è stata docente in importanti accademie teatrali quali la Scuola del Piccolo Teatro di Milano, La Scuola D’ Arte Drammatica e molte altre.

———

ATTIVITA’

  • Training fisico per potenziare la propria presenza scenica ed espressivita’ corporea
  • Training vocale: riscaldamento e raffreddamento vocale

  • Uso corretto della voce
  • Espressione vocale
  • Analisi dei temi drammaturgici e del Teatro Shakespeariano
  • Studio e creazione dei personaggi
  • Studio di monologhi e dialoghi
  • Regia
  • Recitazione
  • Preparazione della performance finale

——–

VALENTINA ESCOBAR : REGISTA E COREOGRAFA

Vincitrice del Primo Premio Arlex per il Teatro 2016 (concorso internazionale nell’ambito di Expo dedicato a giovani talenti europei presieduto da Carla Fracci, Dolores Puthod, Ferruccio Soleri, il Maestro Enrico Intra e altri ambasciatori della cultura italiana nel mondo), nata a Milano, dopo aver studiato pianoforte per dieci anni, danza, recitazione e mimo con Narcisa Bonati (storica attrice di Giorgio Strehler), dopo la Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi e le Masterclass del Piccolo Teatro di Milano con Peter Brook, Peter Stein e altri importanti registi del panorama teatrale europeo, inizia la sua intensa, riconosciuta e apprezzata attività professionale ccupandosi della regia, delle coreografie per spettacoli di lirica e prosa, frutto di quasi 20 anni di intenso lavoro durante i quali ha collaborato per la regia di molti spettacoli anche con grandi Maestri quali Henning Brockhaus, Walter Pagliaro, Carlo Battistoni, Marise Flach, Robert Carsen, con memorabili interpreti come il M° Zubin Mehta, il M° Daniel Oren, il M° Donato Renzetti, il M° Stefan Anton Reck, il M° John Neschling, il M° Ottavio Dantone, Tiziana Fabbricini, Mariella Devia, Maria Guleghina, Dimitra Theodossiou, Sonia Ganassi, Desiree Rancatore, Eva Mei, Leo Nucci, Silvano Caroli, Carlo Guelfi, Gregory Kunde, Francesco Meli, Roberto Frontali, Roberto Scandiuzzi, Elena Ghiaurov, Andrea Jonasson, Massimo De Francovich, Valeria Morriconi, Giulia Lazzarini, Laura Marinoni, Ilaria Occhini, Fausto Russo Alesi, Maddalena Crippa, Giovanni Crippa, Francesco Colella, Massimo Castri, Luciano Virgilio ( solo per citarne alcuni) in importanti Istituzioni Teatrali e Musicali tra le quali il Teatro Stabile Metastasio di Prato, il Teatro Quirino Vittorio Gassman di Roma, Valle di Roma, il Teatro Carcano di Milano, il Piccolo Teatro di Milano, il Teatro Litta-Stabile di Innovazione di Milano, Teatro Gioco Vita- Stabile di Innovazione di Piacenza, L’Accademia del Teatro alla Scala di Milano, il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, La Fondazione Arena di Verona, il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, il Teatro Verdi di Trieste, Il Teatro Massimo di Palermo,il Teato Biondo di Palermo, Il Teatro Petruzzelli di Bari, Il Teatro Carlo Felice di Genova, il Teatro Lirico di Cagliari, La Fondazione Toscanini di Parma, il Teatro Comunale di Bologna, Il Teatro Regio di Parma, Il Festival Verdi di Busseto, il Teatro San Carlo di Napoli, la Victorian Opera di Melbourne, La Royal Opera House di Muscat, Il Teatro d’Opera e Balletto di Astana, il Teatro Municipal di Sao Paulo del Brasil, Il Teatro La Maestranza di Siviglia, il Festival della Valle D’Itria di Martina Franca e il Macerata Opera Festival Arena Sferisterio, Il TeatroPavarotti di Modena, Il Teatro Alighieri di Ravenna, il Teatro Municipale di Piacenza , Il Teatro Comunale di Ferrara, Il Teatro Verdi di Salerno, il Teatro Verdi di Busseto, il Teatro dell’Opera Giocosa di Savona, il Circuito Lirico Lombardo e Toscano, il Teatro dell’Opera di Toulon, l’Operà Royal de Wallonie di Liegi, nuove istituzioni musicali in Korea, Cina e Messico, il Teatro Regio di Torino, il Festival di Lubiana, il Raro Festival di Arezzo etc.

I suoi spettacoli, le sue regie e le sue coreografie sono state apprezzate dal pubblico, dalla critica e dagli operatori teatrali italiani e internazionali; sono stati definiti: “eleganti e a tono, dinamici, molto piacevoli, sagaci, divertenti, adrenalinici, filologici, vivaci e a caccia di nuovi spunti, ironici, corposi e suggestivi, brillanti e nel contempo capaci di far riflettere, ottime meravigliose, eccellenti” (vedi sito https://www.valentinaescobar.org)

Tra i numerosi spettacoli per i quali ha lavorato, ricorda con particolare piacere Antonio e Cleopatra… passioni e poesie, La Dodicesima notte…amori e sogni, Le allegre comari di Windsor e Falstaff…..teatro, musica e poesia da lei creato in occasione dell’anno verdiano e Sogno di una notte di mezza estate …incanti amorosi, poetici e musicali da Shakespeare e Mendelssohn alla commedia musicale prodotti con la collaborazione di Teatro Gioco Vita – Stabile di Innovazione di Piacenza e del Piccolo Teatro di Milano, il suo Progetto Aristofane: Le rane e il teatro….una città da salvare prodotto dalla Nuova Accademia del Teatro Menotti – Teatro Stabile di Innovazione di Milano, Sognando Shakespeare, Romeo e Giulietta, Otello, Amleto, Come vi piace, Molto rumore per nulla, Re Lear dei quali cura regia, drammaturgia e coreografie, il Così fan tutte di Mozart, Strehler con la regia di Carlo Battistoni ripresa nel 2003 al Teatro Verdi di Trieste, La Clemenza di Tito, Gianni Schicchi, la Voix humain, Walküre, Siegfried e Götterdämmerung (Teatro Petruzzelli di Bari) e Romeo e Giulietta… l’eternità di un amore passionale, poetico, teatrale e musicale da Shakespeare a Bellini e Gounod con musiche dal vivo al Teatro Litta-Stabile di Innovazione di Milano, particolarmente piaciuto al caloroso ed eterogeneo pubblico (il teatro era tutto esaurito con tanto di lista d’attesa) ed elogiato dal Maestro Aldo Bernardi, Presidente, Direttore Artistico e d’Orchestra dell’Associazione Mozart Italia gemellata con il Stiftung Mozarteum di Salisburgo, così: “Una lettura del mito collettivo di Romeo e Giulietta di Shakespeare, una granata professionale non priva di momenti di alto teatro con tante idee registiche ben espresse e lo spettacolo appartiene a un teatro fresco, leggero e profondo nello stesso tempo regalandoci dei momenti di verità senza mai tradire l’autore, anzi gli autori (Shakespeare, Bellini e Gounod). Anche la scelta per nulla facile e scontata delle musiche mi ha addirittura entusiasmato. I giovani e , quasi tutti , bravissimi attori erano più che adeguati e assolutamente in parte, senza mai sbavare, proprio perché ottimamente condotti e, tutto sommato, anche i cantanti non sfiguravano, anzi. La giovane regista ha centrato il bersaglio con una nuova forma di Teatro a 360° fatto di prosa e musica, il moderno singspiele.”

Con questo spettacolo inoltre ha vinto il primo premio internazionale Arlex per il Teatro.

Molto intensa anche la sua attività di docente per cantanti lirici e attori; direttrice artistica, fondatrice, regista e docente del Progetto Shakespeare per giovani allievi attori e cantanti che giunge alla sua decima edizione ed è stato realizzato con la collaborazione di Teatro Gioco Vita – Stabile di Innovazione di Piacenza, il Teatro Litta di Milano, il Teatro Verdi di Milano, ha lavorato anche con la Scuola dell’Opera del Teatro Comunale di Bologna, la Scuola di Teatro Galante Garrone di Bologna, L’Accademia dell’ Arte dello Spettacolo, la Scuola del Teatro Stabile delle Marche, il ConservatorioGiuseppe Verdi di Milano, il Maestro Luigi Marzola (docente di ruolo del medesimo conservatorio) e ha collaborato con il Piccolo Teatro di Milano per alcuni laboratori teatrali al Teatro Persiani di Recanti per 4 anni consecutivi.

Particolarmente felice la sua collaborazione con Henning Brockhaus in qualità di regista collaboratrice e coreografa per molti spettacoli come La serva padrona e atto senza parole , Traviata con le scene di Josef Svoboda di cui cura attualmente le coreografie (Teatro Massimo di Palermo, Macerata Opera Festival, Royal Opera House di Muscat, Teatro Verdi di Trieste, il Festival Verdi di Busseto, Teatro Comunale di Bologna, Teatro Regio di Parma, Teatro Verdi di Busseto, Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Teatro Filarmonico di Verona e il Teatro del’Opera di Toulon, Seijong Art Center di Seoul, Teatro Regio di Torino etc), Lucia di Lammermoor, Macbeth di cui riprende anche le coreografie (Teatro Carlo Felice di Genova, Teatro Verdi Trieste), Rigoletto (Teatro Massimo di Palermo), Let’s make an opera di Britten, Carmen con le scene di Margherita Palli diretta da Speranza Scappucci (spettacolo prodotto dall’Opera Royal della Wallony di Liegi), di cui ha creato le coreografie (la rivista internazionale L’Opera ha definito “eccezionali le esibizioni di flamenco”), Lohengrin al Teatro Municipal di San Paolo del Brasile (coreografa) con le scene di Yannis Kounellis, Otello che ha ripreso personalmente al Teatro San Carlo di Napoli coprodotto con il Massimo di Palermo e trasmesso oltre che da RAI 5 in oltre 1000 cinema di tutta Italia), Don Carlo (il giornale della musica ha definito eleganti le sue coreografie).

Nell’autunno 2015 ha creato le coreografie di Lohengrin prodotto dal Teatro Municipale di Sao Paulo del Brasil con la regia di Henning Brockhaus e la direzione musicale di John Neschling, le nuove coreografie di Otello al Teatro della Maestranza di Siviglia con protagonista Gregory Kunde.

Nel corso della stagione teatrale 2015/2016 ha curato le sue nuove coreografie di Lucia di Lammermoor coprodotta dal Teatro Comnale Pavarotti di Modena, dal Teatro Municipale di Piacenza, dal Teatro Regio di Parma, dal Teatro di Reggio Emilia e dal Teatro dell’Opera Giacosa di Savona, le coreografie di Traviata al Teatro dell’Opera di Toulon.

Inoltre nel giugno 2016 ha ritirato dalla Signora Carla Fracci Gboscar, il Premio Oscar della Lirica per la Traviata come miglior spettacolo di cui ha curato e creato le coreografie con la regia di Henning Brockhaus e le scene di Josef Svoboda che ha conquistato anche il pubblico Coreano con ovazioni e oltre 18.000 spettatori entusiasti.

Nel 2017 ha curato la regia, drammaturgia, coreografie e costumi di Sognando Shakespeare (spettacolo che è stato elogiato pubblicamente da Wally Santarcangelo Direttore Artistico del Concorso Internazionale Ottavio Ziino e dal Professor Alberto Bentoglio – Direttore del Dipartimento della Facoltà dei Beni Culturali e Ambientali dell’Università Statale di Milano e Storico Teatrale), Otello, Romeo e Giulietta, Re Lear, Molto rumore per nulla, Come vi piace, Amleto, Falstaff e le allegre comari di Windsor.

Nel 2018-2019 ha ripreso le sue coreografie della storica “Traviata degli specchi” con la regia di Henning Brockhaus e le scene di Josef Svoboda al Macerata Opera Festival (Arena Sferisterio di Macerata), al Teatro Regio di Torino, al Raro Festival di Arezzo e ha creato le coreografie e i movimenti de L’Elisir d’amore al Rapallo Opera Festival, ha curato regia e coreografie de La dodicesima notte di Shakespeare.

Attualmente sta preparando altri importanti progetti teatrali per l’ Italia e l’estero (Francia e altri Stati in via di definizione) tra i quali anche la ripresa di Carmen, la nuova edizione rinnovata del suo Progetto Shakespeare, Romeo et Juliette di Charles Gounod con la sua regia, le scene di Tiziano Santi e i costumi di Giuseppe Palella, il progetto Opera for you dedicato al Romeo et Juliette di Gounod ealla musica contemporanea, Il contrabbasso di Suskind al Teatro Biondo di Palermo (costumi) con Nello Mascia e la regia di Brockhaus, e le coreografie di Ascesa e caduta della città di Mahagonny al Teatro Regio di Parma (coreografie) con regia Brockhaus e le scene di Margherita Palli che debutterà nel 2020 coprodotto con il Teatro Valli di Reggio Emilia e altri teatri. Nel 2020 inoltre curerà le coreografie di Traviata al Festival di Lugano.

Tra gli altri spettacoli di lirica ricorda i due allestimenti di Tosca al Teatro Petruzzelli di Bari, Idomeneo, Semiramide di Meyerbeer, Salomé, Re Lear di Piccinni, Iphigenie auf Tauris di Gluck-Strauss, Napoli Milionaria di Rota di cui è stato realizzato il dvd in commercio, Rodelinda regina dei Longobardi (Festival della Valle D’Itria di Martina Franca), La cambiale di Matrimonio di Rossini, Giulio Cesare di Haendel diretta da Ottavio Dantone, Pagliacci e Cavalleria Rusticana, Il Viaggio a Reims che ha ripreso personalmente al Teatro Verdi di Busseto, Elisir d’amore e Norma diretta da Daniel Oren al Teatro Verdi di Salerno.

Tra gli spettacoli di prosa: Giorni Felici di Beckett con Giulia Lazzarini con la regia di Strehler, Spettri con la regia di Massimo Castri, il Gatto con gli stivali di Tieck Ludwig con Elena Ghiaurov, Spettri, Madre coraggio e i suoi figli, La Storia della Bambola abbandonata di Giorgio Strehler, Guardia alla luna di Massimo Bontempelli da un’idea di Luca Ronconi con Laura Marinoni, Il Giuoco delle parti di Luigi Pirandello prodotto dal Teatro Quirino di Roma, Amleto di William Shakespeare, La cantatrice calva di Ionesco, L’Aggancio del Premio Nobel per la letteratura Nadine Gordimer, Atto senza parole di Beckett, Qui città di M. di Pietro Colaprico, Alice nel paese delle meraviglie di L.Carroll e Darwin tra le nuvole prodotto dal Piccolo Teatro di Milano (lo spettacolo dedicato al grande scienziato che ha ripreso personalmente in Italia e ha conquistato anche il pubblico del Teatro Na Strasnom di Mosca e del Teatro Nacional Dona Maria II di Lisbona).

———-

PER ULTERIORI DETTAGLI E PARTECIPARE

Inviare foto recente, breve curriculum a valeteatro@hotmail.it oppure a valeteatro@virgilio.it

NB! Per partecipare non è necessario essere diplomati in Accademie Teatrali, ma avere precedenti esperienze formative teatrali.

INFO: www.valentinaescobar.org

valeteatro@hotmail.it

valeteatro@virigilio.it

LEAVE A REPLY