13 a tavola

In scena fino al 22 dicembre al Teatro di Cestello, Firenze

0
187

Di: Marc-Gilbert Sauvajon

Produzione: Teatro di Cestello e CdG

Con: Marco Predieri, Maria Rita Scibetta, Martina Tarducci, Graziano Dei, Camilla Lippi, Sergio Biagini e Duccio Cirri

Scene e costumi: Marcello Ancillotti

Regia: Marco Predieri

———-

Pare che i romani ritenessero superstizioso quell’uomo che “di continuo con voti e sacrifizi stancava gli dei, acciocché serbassero superstiti, cioè sani, salvi e lungamente in vita i propri figliuoli”.

Ma la superstizione ha fatto di più; è stata triste materia protagonista dell’inquisizione, come anche strumento manipolatorio di astuti truffatori, mietendo vittime in ogni luogo e paese, così alimentata da una sempreverde paura delle incognite e delle avversità che attraversano la vita e certamente, anche, dal desiderio di prevenire le sciagure grazie a rituali esorcizzanti.

Lo sanno bene i protagonisti di questa commedia che il regista, Marco Predieri, ha definito “frizzantina […] nella sua brillante semplicità” riuscendo a cogliere pienamente lo spirito vivace di questa pièce che ricorda da vicino le atmosfere almodovariane e intrattiene piacevolmente.

Il pubblico raccolto nella preziosa sala del Teatro di Cestello non può che sorridere nel condividere un divertente e caloroso momento di teatralità tipica in questo spazio a cui i fiorentini si dimostrano profondamente affezionati.

Per chi vorrà approfittare di questo leggero clima natalizio, la risata è assicurata!

Ines Arsì

LEAVE A REPLY