Il Piccolo Ludwig

Il 25 gennaio, ore 16, all'Auditorium di Milano

0
270
Il Piccolo Ludwig
Foto di Primo studio

Musiche di Beethoven

In collaborazione con la Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi

Attori Giulia Amato, Maria Bacci Pasello, Gerardo Benedetti, Fabrizio Calfapietra

Testo e regia Andrea Piazza

Tutor regia Manuel Renga

Consulenza musicale Silvia Girardi

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Direttore Giordano Ferranti

———

Il quarto appuntamento della rassegna Crescendo in musica, la speciale programmazione de laVerdi dedicata ai più piccoli, ha come protagoniste la vita e la musica di Ludwig Van Beethoven, di cui nel 2020 ricorre il 250° anniversario della nascita.

Sabato 25 gennaio 2020 alle ore 16.00, presso l’Auditorium di Milano, largo Mahler, va in scena Il Piccolo Ludwig, il primo dei tre spettacoli frutto della collaborazione tra laVerdi e la Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi. Un’occasione unica, per i giovani registi di questa prestigiosa istituzione milanese, per misurarsi con la messa in scena di uno spettacolo da pensare ex novo.

E così è il turno di Andrea Piazza, giovane regista che, sotto la supervisione di Manuel Renga, docente di drammaturgia del video nella scena contemporanea alla Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, e grazie alla consulenza musicale di Silvia Girardi, propone uno spettacolo sui generis, un’originale chiave di lettura per la scoperta della Quinta Sinfonia di Ludwig van Beethoven.

Basato sulla storia vera dell’infanzia del compositore, lo spettacolo si muove tra scene recitate e momenti musicali senza soluzione di continuità. Giulia Amato, Maria Bacci Pasello, Gerardo Benedetti e Fabrizio Calfapietra sono gli interpreti del testo di Andrea Piazza, e, portando avanti il racconto, incarnano i temi musicali e danno corpo alle melodie dei diversi strumenti diventando così essi stessi una guida all’ascolto per gli spettatori fin dal primo movimento, famoso con il suo motivo ritmico iniziale e arricchito da un’inarrestabile scena di clownerie. L’Andante, con il dolce tema cantabile e la sua fanfara piena di energia, è seguito dal terzo movimento, una scena rocambolesca in cui Johann, il padre di Ludwig, irrompe nella stanza del figlio: comincia un concitato inseguimento, che culmina nella scoperta scopre potere della bacchetta, che, se agitata con passione, dà vita a infinite melodie, si giunge così al quarto movimento, il trionfale AllegroPresto finale.

I talentuosi allievi della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, guidati dalla regia di Andrea Piazza, ci porteranno alla scoperta di questo capolavoro sinfonico di Ludwig van Beethoven insieme all’Orchestra sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, diretta per l’occasione dal Maestro Giordano Ferranti.

———-

Sabato 25 gennaio 2020, ore 16.00

Auditorium di Milano, largo Mahler

Biglietti: euro 12.50/15.00 adulti – euro 7.50 bambini under 14 anni; Info e prenotazioni: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, largo Mahler; orari di apertura: mar/dom,

ore 10.00/ 19.00. Tel. 02.83389401/2, www.laverdi.org / www.vivaticket.it.

———–

Biografie

Giordano Ferranti, direttore

Giordano Ferranti, classe 1992, inizia la seconda stagione come Direttore Principale di Orchestra presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e come Maestro Collaboratore dell’orchestra giovanile della stessa istituzione ceciliana.

Giordano si è diplomato in direzione d’orchestra con il massimo dei voti e la menzione d’onore presso il conservatorio di Musica “A. Casella” de L’Aquila, sotto la guida di Marcello Bufalini. Ha poi proseguito i suoi studi presso l’Accademia Chigiana di Siena, nel 2016, sotto l’egida di Daniele Gatti. Su invito dello stesso, ha diretto l’Orchestra Giovanile Italiana e l’Orchestra Sinfonica di San Remo.

Giordano Ferranti collabora regolarmente con orchestre quali La Toscanini di Parma e l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, dirigendo presso il Teatro Comunale de L’Aquila, IUC La Sapienza – Roma, Reate Festival al Teatro Vespasiano di Rieti, il Teatro Sperimentale “Giansanti” di Pesaro and l’Estate Musicale Frentana

A soli 19 anni, Giordano ha debuttato come direttore presso la Cattedrale di Salisburgo, dirigendo l’Orchestra Giovanile Papillon. Ed ha partecipato a masterclass con Ulrich Windfuhr e Donato Renzetti.

Nel 2012, ha fondato l’orchestra da camera Prometheus, con la quale si è esibito in importanti palcoscenici nazionali tra cui il Teatro Quirino, Teatro Eliseo, Rome Summer Festival e presso la Stagione dei Concerti B. Barattelli de L’Aquila.

Questa stagione 2019/20, Giordano debutterà alla guida de l’Orchestra La Verdi di Milano e dell’Orchestra Nazionale della RAI.

LEAVE A REPLY