Conta che ti conto nella Notte del Racconto

Il 21 febbraio, ore 21, alla Casa delle Storie, Reggio Emilia

0
344

Conta che ti conto nella Notte del RaccontoTorna, come prologo a Reggionarra, la coinvolgente esperienza a cura del Teatro dell’Orsa. Titolo dell’edizione 2020: Storie in cielo e in terra.

Prosegue a pieno ritmo, alla Casa delle Storie di Reggio Emilia, la partecipatissima prima edizione del progetto SHOW – SaveHumanityOpenWor(l)d a cura del Teatro dell’Orsa. Il prossimo appuntamento, che funge anche da prologo a Reggionarra, è la Notte dei Racconti, in programma venerdì 21 febbraio alle ore 21 con un evento di narrazione intitolato Conta che ti conto nella Notte del Racconto: nell’anno del centenario di Loris Malaguzzi e di Gianni Rodari parte da Reggio Emilia un invito e un ascolto all’Italia, all’Europa, al mondo per riscoprire il valore e la magia del racconto. 

«C’è una scintilla antica che si accende ogni volta che si racconta una storia, che la si legge con qualcuno, che le si dà corpo con la voce. Questo accadrà a partire da Reggio Emilia, nello spazio intimo di ogni casa, e negli spazi pubblici di alcune scuole e biblioteche e alla Casa delle Storie» suggerisce l’ideatrice del progetto Monica Morini «Abbiamo tutti bisogno di ritrovarci sotto un tetto di storie, di allenare la nostra umanità, dentro la relazione d’ascolto. Ogni azione culturale è una piccola rivoluzione. Abbiamo bisogno di rivoluzioni che aprano pacificamente i confini delle case. Lo spazio sacro, dalla notte dei tempi, si accende intorno a un fuoco di storie».

«Le storie tessono ponti tra cielo e terra, sono binocoli che fanno intravedere l’invisibile, chiamano mondo, riuniscono i vivi, ci allenano al tutto possibile» continua Monica Morini «Le storie vogliono attenzione, si aprono nel buio dell’ascolto, generano meraviglia, sono semi di “fantastica” e crescono solo se annaffiate in un terreno libero dalle potenti interferenze di cellulari, computer e televisori. Per questa notte, in ogni casa, ogni schermo si spegnerà, si farà muto: un rito nuovo, disobbediente ci chiama a invitare amici nel cerchio dell’ascolto, saremo connessi ma con i serbatoi di memoria e immaginazione di cui siamo fatti. Tutti possono raccontare, attingendo al patrimonio orale che abbiamo ereditato. Ci vuole “l’orecchio acerbo” per ascoltare, un orecchio che si fa stupire dal suono delle parole. Uno sguardo che abbraccia il nostro pianeta, le storie di terra, di alberi, di stelle. Un ronzare di parole che ci fa vivi. Quale memoria vi lega alla Terra? La memoria condivisa è parte della magia di questa notte. Alla Casa delle storie useremo un antico gioco dell’oca in caselle di vita per aprire alla partecipazione di tutti i presenti: Conta che ti conto nella Notte del Racconto. Molte città stanno aderendo in Italia e all’estero, è potente e ricostituente ristabilire la rete del racconto: non virtuale, ma tra esseri umani che si riconoscono, si ascoltano e si accendono di storie».

Chiamata pubblica: ciascuno può partecipare registrando un messaggio vocale con una filastrocca nella lingua che preferisce (italiano, dialetto, lingua inventata, inglese, russo, cinese, esperanto…) specificando alla fine il proprio nome e la città di provenienza. Si potrà così  contribuire a creare il Golden Record per orecchio acerbo. Occorre inviare il messaggio audio con Whatsapp al 320 7681111 oppure via mail a laboratorio.rodari@comune.re.it.

Info, bibliografia consigliata e altri materiali utili: https://www.reggionarra.it/notte-dei-racconti/notte-dei-racconti-2020/. 

Il progetto SHOW – SaveHumanityOpenWor(l)d è realizzato, nell’ambito del Bando Europeo Shaping Fair Cities, dal Teatro dell’Orsa con la collaborazione di ReMidaDimora D’AbramoReggio Film Festival e Istoreco. 

La Casa delle Storie si trova in via Sergio Beretti 24/D, Quartiere Gattaglio, Reggio Emilia.

Info sul progetto SHOW: http://www.teatrodellorsa.com/progetti-speciali/show-save-humanity-open-world/.
Prenotazioni: 
orsa@teatrodellorsa.com, 351 5482101.

LEAVE A REPLY