Girotondo. Riffa d’amore per otto personaggi

Dal 27 al 29 febbraio al Teatro Trastevere, Roma

0
823

Presentato da LA CORPORAZIONE

in collaborazione con L’Associazione Culturale Teatro Trastevere

Regia: Flaminio Perez

Ispirato all’opera dello scrittore e drammaturgo austriaco Arthur Schnitzler

Con: Giulio Bellotto Emanuele Galluccio Michela Giudici Alice Guarente

—–

È impossibile dire cosa sia l’amore. Noi ci giriamo solo attorno. Giro giro tondo. Casca il mondo. Com’è l’amore oggi, qui, per tutti quelli che ci sono intorno? Cosa fanno quando vivono l’amore?

Giro giro tondo. Casca la Terra. Tutti giù per terra.

Prima di sdraiarsi gli uni tra le braccia degli altri, come si comportano uomini e donne?

Arthur Schnitzler ce ne ha dato una versione Vienna fin de siècle. Noi parliamo per il 2020.

Quattro uomini e quattro donne colti sul punto di accoppiarsi ci rendono un’istantanea del nostro modo di amare, o forse della nostra incapacità a farlo. Sono quattro corteggiamenti nelle loro varie sfumature: erotico, queer, impacciato, osceno e tante altre situazioni che avete già immaginato, o magari, vissuto. Gira e rigira, sempre di amore parliamo. Una storia circolare per girarci intorno. Girotondo.

Lo spettacolo parla di relazioni amorose con un occhio all’approccio sistemico-relazionale e alle teorie di co-costruzione delle relazioni di Gregory Bateson. Nelle scene di coppia che presentiamo sono altrettanto protagonisti gli osservatori esterni e gli attori interni, e le relazioni vengono ridefinite ogni volta a partire dal contesto e dai ruoli sociali in gioco. Ruoli sociali che si ispirano a quelli che Schnitzler scrisse nel 1900, qui adattati alla contemporaneità: un politico, una segretaria, un rampollo, moglie e marito, un ragazzino, una cantante ed una prostituta si inseguono, si cercano, si intrecciano, si confondono, si innamorano e si disamorano. La scelta di soli quattro attori in scena (anziché i 10 della scrittura originale), di elementi scenografici e di costume essenziali, di momenti di autoriflessione dei personaggi in forma di monologhi originali (ed assenti dal testo di Schnitzler) prende le distanze dai facili ammiccamenti in favore di una ricerca individuale e collettiva sulle possibili declinazioni non solo delle relazioni sentimentali, ma anche delle dinamiche potere, dell’ambiguità dei ruoli, degli stereotipi di genere.


Teatro Trastevere

via Jacopa de’Settesoli 3, 00153 Roma

prevista tessera associativa

Orari: da giovedì a sabato ore 21 (esclusivamente domenica alle 17:30)

Contatti: 065814004 info@teatrotrastevere.it www.teatrotrastevere.it #ilpostodelleidee

https://www.facebook.com/teatrotrastevere/#

LEAVE A REPLY