IUC all’Eliseo: omaggio a Vienna

Il 9 febbraio, ore 11.30, al Piccolo Eliseo, Roma

0
315

IUC all’EliseoSecondo appuntamento per Musica a Teatro, la serie di cinque concerti – quattro matinée e un concerto serale – nati dalla collaborazione tra la IUC – Istituzione Universitaria dei Concerti e il Teatro Eliseo, che spaziano dal classicismo mozartiano al jazz più sofisticato.

Il concerto al Piccolo Eliseo di domenica 9 febbraio alle 11.30 sarà un omaggio al classicismo viennese, che impagina due capolavori assoluti del repertorio cameristico, composti tra la fine del diciottesimo secolo e l’inizio del diciannovesimo, quando la capitale degli Asburgo era anche la capitale indiscussa della musica.

Ad eseguirli, tre dei migliori musicisti italiani nel campo degli strumenti ad arco: Carlo Maria Parazzoli e Gabriele Geminiani, che sono rispettivamente primo violino e primo violoncello dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e svolgono anche un’importante attività di solisti, e il violista Luca Sanzò, regolarmente ospite di prestigiose sale da concerto e festival di musica da camera in Italia e all’estero.

Di Franz Schubert si ascolterà il Trio per archi n. 1 in si bemolle maggiore D. 471, scritto nel 1816 a soli diciannove anni d’età, quando già aveva al suo attivo brani rimasti tra le massime espressioni della musica romantica. Non si conoscono i motivi per cui lo lasciò incompiuto, fermandosi alle prime battute del secondo movimento, ma pur nella sua brevità è un piccolo capolavoro.

Il musicologo Alfred Einstein, un’autorità in campo sia mozartiano che schubertiano, lo ha definito «molto grazioso, mozartiano, fluente e melodico»; avviene quindi in modo naturale il passaggio al secondo brano in programma, che è proprio di Mozart, sebbene si faccia un salto indietro di quasi trent’anni. Il Divertimento in mi bemolle maggiore K 563 appartiene all’ultimo periodo della breve vita di Mozart, quello dei suoi supremi capolavori, in miracoloso equilibrio tra briosa leggerezza (d’altronde i Divertimenti, come dice chiaramente il nome, servivano ad allietare feste e banchetti dell’alta società) e sublime perfezione, che dischiude mondi di ultraterrena bellezza.

cinque appuntamenti, quattro matinée la domenica e un concerto serale fino al 18 maggio 2020

——-

Piccolo Eliseo

Domenica 9 febbraio 2020 ore 11.30

Omaggio a Vienna

Carlo Maria Parazzoli violino

Luca Sanzò viola

Gabriele Geminiani violoncello

Franz Schubert Trio in si bemolle maggiore D 471

Wolfgang Amadeus Mozart Divertimento in mi bemolle maggiore K 563

———-

Prossimi appuntamenti

Domenica 8 marzo 2020 ore 11.30

Premio Franco Abbiati 2019

Caravaggio Piano Quartet

Gustav Mahler Quartettsatz in la minore

Alfred Schnittke Quartetto in la minore

Johannes Brahms Quartetto in sol minore op. 25

Appena insignito del Premio ‘Franco Abbiati’ assegnato dai critici musicali italiani come migliore formazione cameristica giovanile dell’anno, il Quartetto Caravaggio si è costituito ufficialmente nel dicembre 2017 per iniziativa di giovanissimi talenti (Federico Piccotti al violino, Matteo Mizera alla viola, Daniel Mizera al violoncello e Bernat Català Rams al pianoforte), ciascuno con doti di eccellenza derivata da percorsi formativi superiori all’estero presso Royal Academy of Music, Guidlhall School of Music and Drama, Universität Mozarteum e la Haute École de Musique di Ginevra.

———

Domenica 5 aprile 2020 ore 11.30

Pictures

Sun Hee You pianoforte

Claude Debussy Images (Prèmiere Série)

Maurice Ravel La valse

Modest Petrovič Musorgskij Quadri di un’esposizione

Tra i più interessanti talenti emergenti, la pianista coreana Sun Hee You sta raccogliendo successi e consensi sia dalla critica che dalle giurie dei concorsi. Sin dal suo debutto con l’orchestra Yangeum di Seoul è riuscita a unire le doti da enfant prodige con la maturità espressiva e tecnica di un’artista completa.

——

Lunedì 18 maggio 2020 ore 20.00

The Encounter

Ada Montellanico voce

Ialsax Quartet

Gianni Oddi, Filiberto Palermini, Alessandro Tomei, Marco Guidolotti

Cantante mediterranea capace di interpretazioni intense e ricche di sfumature, Ada Montellanico è una delle voci jazz che superano il ruolo di cantante di repertori standard, alla ricerca di un modo di rendere più personale il suo percorso artistico. The Encounter segna il suo incontro con il quartetto di sassofoni capitanato da Gianni Oddi per un progetto assolutamente originale nel quale la fusione tra la voce umana e un quartetto di ance dà luogo a una “sezione d’orchestra” dalla sonorità innovativa. Il repertorio, interamente ideato e arrangiato su misura per il quintetto, va dalle atmosfere di Thelonious Monk a quelle di Chick Corea, dai classici della canzone d’autore italiana ai brani scritti appositamente per il gruppo.

———

PICCOLO ELISEO

Via Nazionale 183 – 00184 Roma

Domenica 9 febbraio ore 11.30

Domenica 8 marzo ore 11.30

Domenica 5 aprile ore 11.30

Lunedì 18 maggio ore 20.00

Biglietti 10 €

Ridotti 8 €

LEAVE A REPLY