Alla ricerca di Orfeo

Il 5 marzo, ore 21, al Teatro Argentina, Roma

0
471

Alla ricerca di Orfeo La serata è registrata da Rai Radio 3 per successive trasmissioni

Musica e parola insieme, nella serata che lAccademia Filarmonica Romana presenta al Teatro Argentina giovedì 5 marzo (ore 21). Alla ricerca di Orfeoquesto il titolo – prende spunto dal mito di Orfeo, che nel corso di secoli ha ispirato la fantasia di artisti e letterati, musicisti e drammaturghi, dallantichità ai giorni nostri. Un Mito è come un piccolo specchio: possiamo estrarlo dalla tasca e interrogarlo in ogni epoca, e fino a quando avrà qualcosa da dirci vorrà dire che la sua forza vitale non si è esaurita, o forse fino a quando siamo capaci di interrogarlo e dargli un nuovo senso, siamo noi ad essere ancora vivi. Ne sono convinti lattrice Laura Torelli, voce recitante sul palco dellArgentina, e Giorgio Tabacco alla guida dellensemble L’Astrée, formazione torinese che nel 2021 festeggia trentanni di attività, specializzata nel repertorio sei-settecentesco che impiega strumenti antichi originali o copie ad essi conformi. 

La figura di Orfeo evoca immediatamente il legame tra parola, musica, amore e morte, e con la poesia ha un rapporto esclusivo testimoniato da innumerevoli opere letterarie dallantichità sino allepoca contemporanea. Ma Orfeo è anche uno dei padri della musica; i suoni emanati dalla sua lira potenziano il canto poetico della sua voce e creano un effetto di grande suggestione su chi li ascolta congiuntamente. Moltissimi sono gli artisti che si sono ispirati al mito di Orfeo: da Monteverdi a Gluck, da Haydn a Roberto Vecchioni, da Poliziano a Rilke, da Pavese a Carol Ann Duffy, da Bufalino al Buzzati di Poema a fumetti. Numerose sono poi le trasposizioni pittoriche e scultoree, tra le tante: il Paesaggio con Orfeo ed Euridice di Nicolas Poussin, le due statue di Orfeo ed Euridice scolpite da Antonio Canova, lo straordinario quadro di Gustave Moreau Orfeo sulla tomba di Euridice, il capolavoro di John William Watherhouse Le Ninfe ritrovano la testa di Orfeo

Con questo lavoro spiega Giorgio Tabacco – abbiamo dunque voluto provare a restituire parte delle trasformazioni, degli echi, delle domande che il mito di Orfeo ha saputo suscitare nelle diverse epoche e per farlo abbiamo scelto quelle musiche e quelle parole che raccontano la storia, rendendola ogni volta nuova, grazie alla bellezza e alla capacità di evocazione”. Nellarco della serata, ampia la varietà di riproposizioni e stati danimo, attraverso un percorso che partendo dalla classicità (con letture da Ovidio, Angelo Poliziano, Alessandro Striggio e Giovan Battista Marino, alternate e sovrapposte a musiche di Claudio Monteverdi e Arcangelo Corelli), approda a un vasto territorio moderno e contemporaneo (da Rainer Maria Rilke a Carol Ann Duffy passando per Cesare Pavese con musiche di Antonio Vivaldi, Christoph W. Gluck e Luciano Berio), dove la favola di Orfeo ed Euridice riesce ancora a sorprendere e a emozionare lo spettatore di oggi per la sua attualità che sfocia a tratti (come nel caso del testo della poetessa e drammaturga scozzese Duffy) in illuminante e graffiante ironia.

Il concerto si inserisce nel ciclo di concerti della Filarmonica Romana La musica da camera dal barocco alla contemporaneapromosso dalla Regione Lazio.

——–  

LA SETTIMANA DELLA FILARMONICA PROSEGUE CON I CONCERTI IN SALA CASELLA

Venerdì 6 marzo un nuovo appuntamento della rassegna Assoli, dedicato al virtuosismo e alla musica doggi. Protagoniste le percussioni, in cui si confronteranno quelle a suono determinato e indeterminato. Alle 19.30 toccherà alle percussioni determinate con Domiziana Del Mastro e Luca Caliciotti in un programma con musica di Frederic Rzewski, Elliot Cole, Alyssa Weinberg. Alle 20.30 per le percussioni indeterminate, ancora con Domiziana Del Maestro affiancata da Luca Giacobbe, in programma musica di David Lang, Georges Aperghis e Andrea Mazzariello.

Domenica 8 marzo (ore 17.30) la seconda Lezione di musica di Giovanni Bietti dedicata a Beethoven, in collaborazione con Rai Radio3. Si esplorerà un problema cruciale della ricezione beethoveniana, ovvero il rapporto con il Romanticismo, con le idee e le opere della nuova generazione di musicisti che si affaccia sulla scena a partire dal secondo decennio dellOttocento. I fermenti romanticiche attraversano la musica di Beethoven in questo periodo sono esaminati in un capolavoro cameristico, il Trio op. 97 (il cosiddetto Arciduca), eseguito dal Trio Metamorphosi

——–

Biglietti Teatro Argentina: da 25 a 16 euro, ragazzi fino a 14 anni 9 euro.

Biglietti Sala Casella: 10 euro.

Info: tel. 06 3201752, email promozione@filarmonicaromana.org

Programma sul sito www.filarmonicaromana.org

———

TEATRO ARGENTINA (largo di Torre Argentina 52)

giovedì 5 marzo ore 21

ALLA RICERCA DI ORFEO

 

Laura Torelli voce recitante

L’ASTREE ensemble

Francesco DOrazio violino

Paola Nervi violino

Elena Saccomandi viola

Nicola Brovelli violoncello

Marta Graziolino arpa

Riccardo Balbinutti percussioni

 

Giorgio Tabacco clavicembalo e direzione

 

letture tratte da

Angelo Poliziano La Fabula di Orfeo

Alessandro Striggio Orfeo

Ovidio Le Metamorfosi

Giovan Battista Marino La Sampogna

Rainer Maria Rilke Orfeo, Euridice, Hermes

Cesare Pavese Dialoghi con Leucò

Carol Ann Duffy Eurydice

 

Musiche:

Claudio Monteverdi                  Estratti da L’Orfeo e Il ballo delle ingrate

Arcangelo Corelli                     Ciaccona in sol min. per due violini e continuo op. 2 n. 12

Christoph W. Gluck                  Che farò senza Euridice da Orphée et Euridice

(versione per violino, archi e continuo)

Luciano Berio                          da Duetti per due violini:

n. 13 Jeanne

n. 34 Lele

n. 8 Peppino

n. 24 Aldo

François Couperin                    Les Ombres Errantes per clavicembalo

Johann Sebastian Bach            Adagio dalla Sonata n. 4 in do min. per violino e

clavicembalo BWV 1017

Antonio Vivaldi                        La Folliaper due violini e b.c. op. 1 n. 12 RV 63

LEAVE A REPLY