Il sacro. Rituel // rassegna di teatro sperimentale sul rito

Dal 6 marzo al 3 maggio presso lo Spazio Recherche, Roma

0
273
Il sacro
Foto di Francesco Pititto

L’intenzione è di approfondire l’indagine sul SACRO, quale chiave per vivere e far vivere un’esperienza che non muova soltanto la mente ma le viscere tutte; seguendo il percorso inaugurato con RITUEL, la stagione invernale di teatro sperimentale che ha raccolto attorno allo Spazio Recherche il suo primo pubblico teatrale. Ecco perché l’elemento ritualistico non scompare, meglio, viene messo in luce attr​​averso le metafore della sacralità.

Con una call ricca di suggestioni più che di regole, ho chiamato artisti e compagnie che stessero affrontando la sacralità, con una particolare lettura. Le risposte sono state tante e da ogni parte di Italia, e non solo. Fra queste ne abbiamo scelte SETTE assolutamente in sintonia con i presupposti di Recherche”dichiara la direttrice artistica Vittoria Faro.

​​Gli spettacoli proposti hanno tutti un’impronta rituale, una concezione originale e sacra dello spazio, alcuni lavorano sui sensi offrendoci dei percorsi personalizzati, altri creano delle vere e proprie celebrazioni, delle liturgie, perfino ingiurie e, da un collettivo spagnolo, la sorpresa di uno spettacolo a metà tra porno, tecnologia e temi sociali.  E’ nato così il programma della rassegna primaverile di Recherche che proporrà, nella sua prima Quaresima, due mesi – i prossimi marzo e aprile -, di programmazione fitta e ricca di approfondimenti e di suggestioni.

Apre la rassegna LENZ Fondazione di Padova, il 6 e 7 Marzo con il dittico JUAN DE LA CRUZ, due atti performativi, Fabrica Negra e Canciones dell’Alma, potenti e di grande impatto scenico. A seguire, il 13 e 14 marzo, uno “spettacolo di Gestuazione”, CORPUS, improvvisazione sacra, corpo e gesto sui riti della Processione e del Ragno, di Alessia D’Errigo e il Centro Cineteatro di Ricerca di Roma. Il 27,28,29 marzo in esclusiva A NIGHT WITH RAMONA, un rituale contemporaneo sul desiderio e sulla manipolazione tecnologica, di Raffaella Menchetti e il suo collettivo dalla Spagna.  Aprile inizia con la prima produzione di Recherche, dal 3 al 5 con un progetto firmato Vittoria Faro per il Collettivo Recherche, di cui anticipo solo il titolo, LA VERGINE BAMBINA. Dal 17 al 19 aprile è la volta di IN ARBERIA, letteralmente “nazione sparsa” secondo gli albanesi di Italia, è uno spettacolo-rituale del Collettivo Romano Radio noMade, estraniante, labirintico, esperienziale per un solo partecipante alla volta e alla cieca.  Il 24,25 e 26 Pietro Faiella ci inviterà a sospendere il giudizio, con EPOCHE’, in due confessioni: SECONDO GIUDA, versione dei fatti cruda e dura dell’Iscariota, il secondo, L’IMPERDONABILE con Marco Feroci, ci costringerà ad affrontare un pedofilo come mostro -o solo vittima di un destino terribile? Per concludere il 2 e 3 Maggio ospitiamo il collettivo veneziano Farmacia ZOO:E’ e il loro  Concerto per Parole, METAMORFOSI DELL’ASSENZA, per la regia di Gianmarco Busetto che indaga in un’atmosfera da rituale il divenire da assenza a presenza, da invisibile a visibile.

 Fino a metà giugno, intanto quattro artisti romani proseguiranno l’indagine sul SACRO, con linguaggi ed espressioni artistiche diverse. Da metà maggio a metà giugno, quattro settimane per quattro prospettive diverse: Alessandro Calizza, Davide Dormino, Franco Lo Svizzero, Mariapia Picozza si confronteranno con la sacralità, con progetti immersivi, installativi, sonori e performativi.

——-

PROGRAMMA:

6 / 7 marzo 2020 h 21.00 

JUAN DE LA CRUZ // (FABRICA NEGRA) (CANCIONES DELL’ALMA) 
LENZ FONDAZIONE da Juan de La Cruz. Traduzione e regia: Francesco PitittoInterprete: Sandra SonciniProduzione: Lenz Fondazione

13 marzo h 21.00 / 15 marzo h 18.00
CORPUS (RITO DELLA PROCESSIONE // RITO DEL RAGNO)
Spettacolo di Gestuazione (improvvisazione sacra corpo/gesto)
di e con: Alessia D’Errigo (gestuante), con la partecipazione di: Angela Botta, Magda Saba, Ortensia Macioci. Coro di sostegno al Rito: Mimosa Maniàci, Gloria Iaia, Giulia Pomarici, Ilaria Delmonaco, Silvia Pegah Scaglione (eventuale partecipazione di altre donne)

27-28 marzo h 21.00 / 29 marzo h 18.00
A NIGHT WITH RAMONA 3.0
Direction and performer: Raffaella MenchettiPerformer and creation: Ilaria Vergani Bassi
Multimedia creator and performer: Joaquín DíazDirection and dramaturgy assistance: José Miguel Neira. Collaborators and interpreters live or online: Susanne Grau, Jimena Perez Salerno, Paloma Bianchi, Marina Suarez Ortiz, Nina Horowitz.

17-18 aprile h 21.00 / 19 aprile h 18.00
In ARBERIA
Radio No Made
Drammaturgia e paesaggio olfattivo: Lea WalterScenografia: Fabio Pennacchia
Paesaggio sonoro: Max WayneGrafica: Alice RuzzettuIstallazione Video: Edoardo Gino.

24-25 aprile h 21.00 / 26 aprile h 18.00
EPOCHE’ Sospensioni del Giudizio
SECONDO GIUDA
con Pietro Faiella
L’IMPERDONABILE con Marco Feroci

2 – 3 maggio h 21.00
METAMORFOSI DALL’ASSENZA
Concerto per Parole

FABBRICA ZOOE’
Poesie di: Carola Minincleri ColussiMusiche originali: Brixhilda Shqalsi. Regia: Gianmarco BusettoIn scena: Carola Minincleri Colussi e Brixhilda Shqalsi, Luci: Marco DuseOrganizzazione: Innocenzo Capriuoli.

https://www.spaziorecherche.com/2020/02/22/il-sacro/

——–

Recherche:
Nata da un’idea di Vittoria Faro, RECHERCHE è una produzione di TestaccioLab, associazione culturale (affiliata ENAC) che dal 2005 ha realizzato e prodotto numerose iniziative culturali ed artistiche, mettendo in rete risorse ed operatori culturali e soffermandosi in ogni occasione sulla necessità di coniugare l’arte con le economie necessarie a produrne. Recherche esiste grazie al percorso di esperienze maturate in seno a TestaccioLab, di cui Antonio Pizzola è presidente, Vittoria Faro responsabile della produzione artistica.

———-
Biglietto euro 10 + 5 di tesseramento obbligatorio.
Per info e prenotazioni: spaziorecherche@gmail.com tel
0689024414

Recherche – viale dell’Acquedotto Alessandrino, 42
Come raggiungerci: METRO A- Arco di Travertino | Bus 409 fermata ANGELI
In Auto- parcheggio su via Pietro Silva ci troviamo a pochi passi da lì.

LEAVE A REPLY