Nasce Nexus Factory

Organismo di sostegno alla danza contemporanea

310
Nexus Factory
Foto di Gus Bo

Nel 2020 la Factory accompagnerà alcuni percorsi creativi di Alice Bariselli, Giuseppe Vincent Giampino, Lucia Guarino, Donatella Morrone, Giulio Petrucci e Jari Boldrini, Arianna Rodeghiero, Daniele Salvitto e Stefania Tansini.

L’associazione culturale Nexus, fondata e diretta dalla coreografa e danzatrice Simona Bertozzi, da diversi anni investe nel sostegno di  autori con esperienza consolidata (tra cui la stessa Bertozzi) e di coreografi emergenti e giovani collaboratori,  al fine di costituire una piccola comunità di soggetti attivi nella comprensione e nella divulgazione dei linguaggi del corpo e delle sue risonanze artistiche e sceniche, nella crescita culturale, sociale ed etico/estetica: è in questo orizzonte progettuale che si consolida e definisce l’attività di Nexus Factory, organismo di sostegno alla danza che nel 2020 accoglie i progetti artistici di Simona Bertozzi, Alice Bariselli, Giuseppe Vincent Giampino (con gli spettacoli Extended Symmetry e Virtual2), Lucia Guarino, Donatella Morrone, Giulio Petrucci e Jari Boldrini, Arianna Rodeghiero, Daniele Salvitto e Stefania Tansini.

«Da diversi anni Nexus sostiene il lavoro di coreografi emergenti e di consolidata esperienza, con plurime azioni di collaborazione e mentoring, di sostegno, di organizzazione e di coproduzione» spiega Simona Bertozzi «Nel 2020 questa parte sostanziale delle attività di Nexus si consolida nella nascita di Nexus Factory, un organismo polifonico di presenze e di sfaccettate autorialità che orientano il loro percorso nell’ambito della danza e della performance contemporanea di ricerca. Pur nella grande diversità di segni e poetiche di questi autori, tutti sono accomunati da una dimensione di pensiero e da una volontà di aderenza all’orizzonte creativo contemporaneo che ne accoglie la complessità e la sempre diversa dimensione attribuita al corpo».

«La scelta dei coreografi di Nexus Factory» conclude la coreografa «non è operata in base a parametri anagrafici, ma sulla condivisione di intenti, sull’aderenza progettuale. Per questo motivo sono presenti autori under 35 così come emergenti più maturi e percorsi già consolidati. È proprio questa attenzione  al processo di interlocuzione e di intenzione artistica, in consonanza con aperture e criticità del linguaggio performativo attuale, che contraddistingue la comunità raccolta intorno al territorio di Nexus, al suo farsi azione multiforme nel panorama della danza nazionale e internazionale».

——-

Info su Nexus Factory:

sito http://associazioneculturalenexus.org/nexusfactory

FB https://www.facebook.com/nexusfactorydanza/

IG https://www.instagram.com/nexus.factory/