Il gatto

Questa poesia di Emanuele Martinuzzi parla del nostro amato amico a quattro zampe, il gatto, animale sacro in molte culture del passato come nell'antico Egitto, venerato nell'antica Roma

0
465
Il gatto
Nella foto: “Gatto e uccello” di Paul Klee

Questa poesia di Emanuele Martinuzzi parla del nostro amato amico a quattro zampe, il gatto, animale sacro in molte culture del passato come nell’antico Egitto, venerato nell’antica Roma. Amico delle streghe o animale del demonio quando la sua fama positiva venne oscurata, simbolo del legame tra mondo umano e mondo spirituale, dai più conosciuto come buffo predatore e astuto coccolone, contraddistinto dal suo spirito fiero e indipendente. Animale guida e meditativo per il suo essere silenzioso e per la sua capacità di vedere nel buio, quindi oltre le apparenze. 

****

Il gatto

Imperatore sinuoso

che si cura del mondo

come di un gomitolo

in discesa verso l’abisso

dei suoi sanguinari

occhi di pace,

verso l’ignoto

dei suoi baffi elettrici,

verso la sacralità

delle sue unghie di luna.

LEAVE A REPLY