Festival Teatro & Letteratura 2020

Dal 25 luglio al 15 agosto principalmente presso Forte di Exilles (Alta Valle di Susa) e Forte di Fenestrelle (Val Chisone), in Piemonte

0
758

Festival Teatro & Letteratura 2020IL PROGETTO

Festival Teatro & Letteratura 2020 nasce da un rapporto di venticinque anni tra Tangram Teatro e il territorio dell’Alta Valle di Susa.

Dal 1995 Il Festival è un appuntamento atteso che integra le bellezze del paesaggio di questi luoghi e la vocazione sportiva al teatro e alla cultura. In un contesto estivo di vacanza Tangram Teatro ha sempre voluto scommettere sulla possibilità di intrattenere il pubblico con proposte culturali a volte anche impegnative ma sempre di grande richiamo e coinvolgendo personaggi di primo piano del teatro e della cultura italiana e non solo. Giancarlo Giannini, Arturo Brachetto, Roberto Vecchioni, Neri Marcoré, Ascanio Celestini, Massimo Dapporto, Dacia Maraini solo alcuni che hanno attraversato la nostra programmazione recente e che hanno lasciato un segno importante in questi luoghi

In conseguenza del successo del Festival degli ultimi anni, il 2020 è l’anno di apertura ad un nuovo territorio. “Colleghiamo attraverso una programmazione di qualità due strutture architettoniche che rappresentano una straordinaria opportunità per la Val Chisone e l’Alta Valle di usa. Due location che custodiscono la storia e l’anima di queste valli”

Nasce così la versione FESTIVAL DEI DUE FORTI dove il teatro e la letteratura uniscono con un ponte ideale il Forte di Exilles al Forte di Fenestrelle.

E’ nostra convinzione, e lo facciamo da anni, che con il pubblico si debba instaurare un dialogo, sviluppare attraverso il divertimento, l’ironia e la poesia ragionamenti e riflessioni.

E se lo scorso anno gli spettacoli parlavano di “radici” quest’anno andiamo un po’ più in là e cerchiamo di capire cosa succede all’interno dei passaggi di generazioni. Tra passato e presente, tra padri e figli, tra riferimenti vecchi e nuovi.

———-

IL PROGRAMMA

Festival Teatro & Letteratura 2020 presenta 11 appuntamenti in un periodo compreso tra il 25 luglio e il 15 agosto. Il Forte di Fenestrelle e il Forte di Exilles saranno le location principali.

In apertura (sabato 25 luglio ore 21), al Forte di Fenestrelle, un esilarante spettacolo di Paolo Hendel per la regìa di Gioele Dix: LA GIOVINEZZA E’ SOPRAVVALUTATA. Si entra quindi subito, di prepotenza e a gamba tesa, sul tema del conflitto e del contrasto generazionale. E lo si fa con l’ironia, l’arguzia e … la cattiveria del comico toscano. Uno spettacolo per alcuni versi politicamente scorretto ma terribilmente vero soprattutto se giudicato da chi ha una certa età. Il giorno seguente (domenica 26 luglio ore 18) Michele Serra è protagonista di un incontro-spettacolo dal titolo  A PROPOSITO DEGLI SDRAIATI. Essendo diventato un’autentica autorità in materia dopo aver scritto il best seller Gli sdraiati, qui Serra dialoga con Bruno Maria Ferraro. Tra letture e canzoni di Giorgio Gaber lo spettacolo è una divertente e arguta passeggiata nelle nostre contraddizioni e nei luoghi comuni da cui non riusciamo a fuggire. Il Festival si sposta poi nella seconda sede, ad Exilles (sabato 1° agosto ore 21), dove troviamo Lucilla Giagnoni che affrontando il capolavoro dei capolavori della letteratura italiana La Divina Commedia, costruisce una storia bellissima ricamata sui versi di Dante Alighieri. VERGINE MADRE è un’anticipazione delle celebrazioni  del 2021 per i 700 anni dalla morte del poeta con uno spettacolo che è diventato un vero e proprio cult. Gianni Oliva ci riporta poi con decisione al tempo presente. VERRANNO A CHIEDERTI…(domenica  2 agosto ore 18) è il titolo di una nota canzone che qui viene riferito all’anniversario di un avvenimento che è ancora una ferita aperta in tutti noi. Il 2 agosto 1980 esplodeva la bomba alla stazione di Bologna. Tra letture e canzoni, ma soprattutto attraverso la capacità di Oliva di riannodare fili, si ripercorre il periodo delle bombe, delle stragi di stato. Anni che non sono più attualità ma faticano ad entrare nella storia e di cui è bene non si perda la memoria.  Una breve pausa e poi il Festival ricomincia a macinare strada e argomenti. (venerdì  7 agosto ore 18)  Grazie al sostegno della Camera di commercio di Torino viene proposto ad Exilles lo spettacolo-evento ODE AL VINO. Siamo in montagna, accanto a vitigni che crescono su un terreno aspro e difficile; viticoltura eroica l’hanno chiamata. E’ il vino che nasce dalla fatica e dalla passione di chi continua a crederci; un’eccellenza del territorio che racchiude in sé tanti valori. La simpatia di Bruno Gambarotta e la competenza di Donato Lanati, fondatore del Centro Enosis e tra i massimi esperti a livello internazionale di viticoltura, si fondono con le più belle pagine della letteratura sul vino da Pessoa a Neruda , da Saffo …. al “Barbera e Champagne” di gaberiana memoria. Si volta pagina e si racconta il giorno seguente (sabato  8 agosto ore 21) una storia lunga più di 100 anni. E’ la storia di Susanna, scritta e diretta da Ivana Ferri, bambina del 1914. La sua è una vita semplice, quella della gente comune. In MA SONO MILLE PAPAVERI ROSSI la “piccola storia” delle persone semplici si innesta nella “grande” storia degli Stati, degli avvenimento epocali, dei grandi conflitti. Susanna attraversa due guerre mondiali, un boom economico, gli anni di piombo, le Tv di Berlusconi e infine questi, ancora indecifrabili, primi anni del nuovo millennio portandosi dietro un segreto. A raccontare insieme a lei il ‘900, un percorso tra bellissime e poco note canzoni d’autore firmate da Vecchioni, Dalla, De Gregori. Poi sul palcoscenico di Exilles arriva Stefano Dell’Accio (domenica 9 agosto ore 18) con il suo BLISTER, spettacolo comico dove si raccontano e si inventano i più straordinari e incredibili testamenti di personaggi conosciuti e amati da tutti. Penelope, Biancaneve, Minnie , solo per citarne alcuni, cosa lasciano ai loro eredi? Dell’Accio ce lo racconta con la complicità di un bravissimo Matteo Castellan alla fisarmonica.  Poi il ritorno al Forte di Fenestrelle (mercoledì  12 agosto ore 21) per una novità assoluta, uno spettacolo che ha appena visto la luce ad Agrigento ed è stato ospite a Milano nella rassegna estiva del Piccolo Teatro. Lella Costa porta in scena LA VEDOVA SOCRATE, scritto da Franca Valeri di cui abbiamo da poco festeggiato i 100 anni. E’ il passaggio di testimone tra due generazioni di straordinarie donne di spettacolo con un lavoro divertente e graffiante allo stesso trempo. A seguire Ivana Ferri porta in scena ATTENTI AL LUPO (giovedì  13 agosto ore 21) spettacolo prodotto da Tangram Teatro per Agroinnova Centro di Competenza dell’Università di Torino e che affronta in modo delicato e poetico il tema della salvaguardia del pianeta su cui tutti noi viviamo.  Celeste Gugliandolo, Patrizia Pozzi e Bruno Maria Ferraro accompagnati dalle musiche eseguite dal Maestro Massimo Germini affrontano testi di Padre Bianchi, Mariangela Gualtieri e Giuliano Scabia. Un viaggio che ci porta fino al punto dove scienza e poesia si incontrano, dove uomo e natura si confondono e dove prosa e musica diventano un “canto” unico che culla la parte più profonda e limpida di noi, quella bambina. A proposito di generazioni e di passaggi di testimone. Quello tra Dario Fo e il giovane Matthias Martelli ci dice che il MISTERO BUFFO (venerdì  14 agosto ore 21), capolavoro assoluto della letteratura italiana premiato con il Nobel all’artista milanese, continuerà a vivere ben oltre al suo straordinario autore. Martelli ha un talento e una forza eccezionali e fa zampillare in scena i personaggi del Mistero. Il primo Miracolo di Gesù Bambini, le Nozze di Cana e la resurrezione di Lazzaro offrono al pubblico una serata di assoluto divertimento e di rara intelligenza. E  per finire (sabato  15 agosto ore 21), per dare al pubblico un arrivederci al prossimo anno (che speriamo migliore di questo) Gigi Venegoni e Bruno Maria Ferraro portano in scena Fabrizio De André. HO VISTO NINA VOLARE è un viaggio fatto di racconti e canzoni nei “suoi” luoghi che sono geografici ma soprattutto dell’anima. Genova, il Mediterraneo, la Sardegna. Ma anche, e in questo caso soprattutto, le radici piemontesi di Fabrizio, legate alla Cascina dei nonni nell’astigiano, dove nasce l’amore e il rispetto per il mondo contadino, per i valori più autentici dell’uomo e  dove vive ancora Nina che Fabrizio fa volare in una delle sue ultime e più belle canzoni.

Questa è un’edizione del Festival che abbiamo fortemente voluto e difeso.  Un programma nato quando tutto sembrava non essere possibile. E come tutto ciò che si conquista con fatica, sofferenza e apprensione,  alla fine è un programma “amato”. Finora da noi e da tutti coloro che ci hanno accompagnato in questo percorso complicato e tra poco speriamo anche da un pubblico che abbiamo fretta e urgenza di rivedere a teatro.

Anche per questo l’accesso al pubblico sarà totalmente gratuito.

——-
MODALITA’ DI ACCESSO DEL PUBBLICO AGLI SPETTACOLI

Festival Teatro & Letteratura si adegua alle prescrizioni e agli obblighi che consentono di accogliere il pubblico agli spettacoli in sicurezza. Data la rapida evoluzione delle disposizioni si comunica che quanto qui riportato è soggetto a variazioni. Faranno quindi inderogabilmente fede gli avvisi e le modalità indicate nei luoghi di spettacolo e comunicati simultaneamente sul sito internet e sui social e chiediamo al gentile pubblico di collaborare in base alle indicazione che verranno fornite dalla Protezione Civile. L’accesso ai luoghi di spettacolo avverrà un’ora prima dell’inizio della rappresentazione.

A titolo indicativo si comunica che lo spazio esterno sarà controllato dalla Protezione Civile al fine di evitare assembramenti. All’ingresso dello spazio delimitato il pubblico dovrà indossare mascherine protettive e rispettare rigorosamente le distanze di sicurezza e le disposizioni dei responsabili dell’area.

Quanto esposto vale solo a titolo indicativo. Data la possibilità che le disposizioni subiscano variazioni vi invitiamo a fare riferimento:

– alla cartellonistica presente nei luoghi di spettacolo – alle indicazioni del personale preposto alla gestione del pubblico

– Nella sezione dedicata sul sito www.tangramteatro.it che conterrà tutte le informazioni aggiornate in tempo reale

———

TANGRAM TEATRO TORINO

VIA DON ORIONE, 5   10141 TORINO | TEL/FAX 011.338698
torino@tangramteatro.it    www.tangramteatro.it

LEAVE A REPLY