Borgo Sonoro 2020

Dall'8 al 23 agosto nei comuni di Borghi, Cesena, Longiano, Mercato Saraceno, Roncofreddo, Savignano sul Rubicone e Sogliano sul Rubicone

0
874
Borgo Sonoro
Foto di Jason Bach

Nelle Terre del Rubicone la parola estate è associata al Festival Borgo Sonoro che per questo anno “abbandona” l’edizione tradizionale e si trasforma in Essenza.

Un cartellone in rete tra i più seguiti e amati dal pubblico romagnolo, che proprio per la sua conformazione rischiava di rimanere schiacciato ed invece grazie alla tenacia, alla passione e alla voglia di esserci saranno nove gli appuntamenti in sette comuni nel mese di agosto, con una formula appunto essenziale: solo musica! 

Nove imperdibili concerti dal doveroso omaggio a Federico Fellini nel centenario della nascita con la strampalata BandaStorta che inaugura il Festival sabato 8 agosto a San Romano di Mercato Saraceno, alle famose colonne sonore di Ennio Morricone eseguite dall’Ensemble Mariani in piazza Borghesi a Savignano s/R il 17 Agosto, ma anche la musica classica nel tradizionale concerto di Ferragosto a Monteleone con l’insostituibile Sebastiano Severi insieme ad Elicia Silverstein e Valentino Corvino.

Una chicca veramente preziosa a Cesena, comune ospite del Borgo di questa edizione, sarà la serata di venerdì 21 agosto a Villa Silvia: il pubblico assisterà ad un programma operistico che vede il ritorno dell’amatissimo arpista Davide Burani che ha ideato un concerto per due Arpe, soprano e tenore per una serata che si preannuncia unica.

Spazio anche al grande Jazz con nomi d’eccezione come Gabriele Mirabassi, Cristina Renzetti e Giancarlo Bianchetti che a Longiano il 13 agosto proporranno un repertorio di musica dell’entroterra del Brasile.

Il Festival in questi anni ha abituato il pubblico a serate spensierate, festose e giocose come quella della Ziganoff Jazzmer Band che proporrà il 9 agosto a Borghi un repertorio di klezmer e jazz, o il concerto degli Amarcorda con le loro spumeggianti canzonette l’11 agosto a Santa Paola di Roncofreddo, mentre a Sogliano al Rubicone il 18 agosto sarà possibile ascoltare i giochi musicali degli Archimia.

Il Festival si conclude il 23 agosto a San Giovanni in Galilea con Elisa Ridolfi, il suo fado e qualche sorpresa.  

Queste le parole del direttore Artistico Valeria Mordenti: “Da vent’anni ormai, tante persone seguono con curiosità e passione la piccola carovana di BORGO SONORO, per vivere l’estate all’insegna dell’entroterra, della musica e dei buoni sapori. Quest’anno proponiamo una edizione ridotta, nel numero di appuntamenti, e al solo concerto. Da ciò nasce il sottotitolo, L’ESSENZA, che intende riportare BORGO SONORO al suo cuore, che è la musica, ma che è anche il profumo dell’atmosfera che lo pervade. L’essenza, appunto. Abbandoneremo per qualche tappa i piccoli borghi, andando ad occupare spazi più ampi e più sicuri. Abbiamo anche introdotto l’ingresso a pagamento, certi che il sensibile pubblico apprezzerà e capirà la scelta. Sono state decisioni difficili da prendere, ma dettate dall’impegno etico, prima ancora che normativo, della tutela degli spettatori e dei lavoratori. La rete di comuni che abbraccia BORGO SONORO, che ringraziamo di cuore per la tenacia e la disponibilità, ha voluto fortemente dare un segnale positivo in questo particolare periodo. Per questo ci saremo, comunque, e nel rispetto delle norme. E rimanderemo alla prossima edizione la celebrazione del ventennale”.

Ogni anno l’immagine guida di Borgo Sonoro è affidata a un’opera di Ilario Fioravanti e quest’anno è la volta di “Il profumo del fiore”, del 2003, statua in terracotta policroma con inserti in vetro; è anche conosciuta come “La bambina che annusa il fiore” e “Didi” dal nome impresso sulla maglietta. 

INGRESSO A PAGAMENTO BIGLIETTO UNICO NON NUMERATO € 5,00, PIÙ DIRITTO DI PREVENDITA

È possibile acquistare i biglietti sul circuito vivaticket.it e nelle rivendite autorizzate Vivaticket entro le ore 16 del giorno di spettacolo. I biglietti eventualmente disponibili saranno messi in vendita direttamente sul luogo di spettacolo, previa prenotazione telefonica obbligatoria da effettuarsi il pomeriggio stesso di ogni concerto, telefonando al numero 351 791 7480 dalle ore 17.

Il Festival si svolge nei comuni di Roncofreddo (comune capofila) Borghi, Longiano, Mercato Saraceno, Savignano sul Rubicone, Sogliano al Rubicone e Cesena Con il sostegno dalla Regione Emilia Romagna attraverso il patrocinio e con il contributo previsto dalla Legge regionale 37 /1994.

——

Di seguito il programma completo:

INAUGURAZIONE SABATO 8 AGOSTO SAN ROMANO, MERCATO SARACENO PRATO PALATENDA BAND SELVAGGIA

BANDASTORTA “SOGNANDO FELLINI”
Fiorenzo Zeni saxofono soprano, Emiliano Tamanini tromba, Fabrizio Carlin trombone, Giorgio Beberi saxofono, baritono, Filippo Tonini batteria, percussioni

BandaStorta è un rocambolesco ensemble di musicisti nel quale prende vita la creatività artistica dei singoli elementi. Con il programma Sognando Fellini il gruppo rende omaggio al grande Maestro nella ricorrenza dei cento anni dalla nascita. La banda propone alcune fra le più celebri pagine musicali scritte per i suoi film, brani dell’epoca e composizioni originali.

Come la meraviglia di un funambolo in alta quota, BandaStorta coinvolge il pubblico in peripezie musicali e gag incalzanti che fanno del suo concerto un vero e proprio show

 

DOMENICA 9 AGOSTO-BORGHI- PARCO PASOLINI

ZIGANOFF JAZZMER BAND “DAL KLEZMER AL JAZZ LUNGO LA ROUTE TZIGANE”

Rossana Caldini violino Renato Morelli fisarmonica, chitarra Michele Ometto chitarra Luigi Grata tuba, sousafono Christian Stanchina tromba, flicorno soprano Fiorenzo Zeni saxofono soprano, clarinetto

Gli Ziganoff sono una delle poche formazioni a livello internazionale che si dedica sistematicamente alla ricerca dei legami perduti fra la musica klezmer, il primo jazz, e lo swing zingaro manouche, attraverso arrangiamenti originali.

La band prende il nome da Mishka Ziganoff, fisarmonicista zingaro, cristiano, di lingua yiddish, nato a Odessa, emigrato all’inizio del ‘900 a New York dove lavorò come musicista jazz e klezmer. Oltre che per il suo virtuosismo Ziganoff è noto per la sua incisione nel 1919 del brano “Koilen”, considerato un prototipo melodico di “Bella ciao”.

Un concerto coinvolgente, pieno di energia mista a liricità per un viaggio musicale nel tempo e nella storia, che arricchisce la riflessione sulla varietà e complessità delle nostre radici.

 

LUNEDÌ 11 AGOSTO- SANTA PAOLA, RONCOFREDDO- PRATO DELLA PIEVE

AMARCORDA IN CONCERTO

Tosca Zampini voce-Tolga During chitarra-Matteo Zucconi contrabbasso- Riccardo Frisari batteria

Un repertorio che spazia dai grandi classici dell’era dello swing italiano, resi famosi nel mondo da artisti come Mina, Carosone, Buscaglione e tanti altri, fino ad arrivare ai giorni nostri, rivisitando brani di autori contemporanei e presentazione di composizioni originali. Non solo un omaggio ai grandi, ma anche una lettura personale che riflette varie influenze stilistiche che hanno caratterizzato l’evoluzione del jazz, dallo swing ad atmosfere più latine come la Bossa nova ed il Bolero. Tutti i brani sono riarrangiati appositamente per la formazione e, grazie all’ampio spazio lasciato all’improvvisazione, ogni concerto risulterà unico e coinvolgente.

 

GIOVEDÌ 13 AGOSTO- LONGIANO -ARENA VIA CIRCONVALLAZIONE

TRIO MIRABASSI, RENZETTI, BIANCHETTI “AGRESTE”

Gabriele Mirabassi clarinetto, Cristina Renzetti voce. Giancarlo Bianchetti chitarra

La contaminazione tra jazz e musica brasiliana sarà il filo conduttore del concerto che svela il volto agreste della musica del grande paese sudamericano, lontano quindi da coste e spiagge, senza dimenticare la nostra bella Italia con sonorità che arrivano dall’Abruzzo e dalla Sardegna.

I tre musicisti, con il loro inconfondibile stile musicale derivato dalla comune provenienza jazzistica, trattano questo materiale con lo stesso atteggiamento estetico imparato dalla lunga convivenza con la musica jobiniana, mettendo al centro di questi repertori i valori del camerismo e della cura del suono. Agreste è il diario di un viaggio musicale e non solo, alla ricerca delle radici profonde, delle necessità ultime, con i piedi nel fango rosso del Minas Gerais e l’odore del mirto sardo nel naso.

 

SABATO 15 AGOSTO -MONTELEONE, RONCOFREDDO- PIAZZA BYRON

FONTANA MIX STRING TRIO “LEGGEREZZA”

Elicia Silverstein violino. Valentino Corvino viola. Sebastiano Severi violoncello

 

I trii di Mozart e Schubert, pur cercando una perfezione formale assoluta, non trasmettono nulla di cerebrale, non conoscono freddezza, ma trasmettono un’emozione semplice e cristallina, che solleva la nostra anima verso la pura leggerezza, cui è dedicata la composizione di Valentino Corvino su testo del poeta bolognese Gabriele Via.

 

LUNEDÌ 17 AGOSTO- SAVIGNANO SUL RUBICONE PIAZZA BORGHESI

ENSEMBLE MARIANI “OMAGGIO A ENNIO MORRICONE E NINO ROTA”

Stefano Nanni pianoforte, Luciano Zadro chitarra. Matteo Salerno flauto, Stefano Travaglini contrabbasso, Gianluca Nanni batteria

 

Il concerto è un omaggio ad Ennio Morricone e Nino Rota, due tra i più grandi compositori della musica da film a livello internazionale che con le loro opere hanno contribuito a rendere il grande cinema italiano famoso in tutto il mondo. Una serata straordinaria tra melodie di Nuovo cinema Paradiso, Le notti di Cabiria, The Mission, La strada e tante altre sonorità che fanno parte del nostro bagaglio culturale.

Gli arrangiamenti sono stati curati dal maestro Stefano Nanni, che ha rivisitato le musiche cucendole su misura per questo ensemble, sfruttando le potenzialità di ogni strumento e musicista e strizzando l’occhio a vari stili e ritmi tra cui lo swing, il blues, il latin, fino al jazz ed al rock.

Il concerto è arricchito dalla proiezione su grande schermo di alcune scene dei film per cui le musiche furono composte.

MARTEDÌ 18 AGOSTO – SOGLIANO AL RUBICONE ARENA PIAZZA MATTEOTTI

ARCHIMIA STRING QUARTET VIVALDI ON THE ROCK”

Serafino Tedesi violino, Paolo Costanzo violino, Matteo Del Soldà viola, Andrea Anzalone violoncello

Il quartetto Archimia, alla ricerca nuove sonorità e possibilità acustiche//con un processo alchemico musicale, presenta, rielabora, stravolge, oltre tre secoli di musica.
Brani del Settecento sono resi incredibilmente moderni dal fraseggio non classico e dagli effetti percussivi del quartetto, mentre celebri brani della musica internazionale moderna sono rivisitati, e a volte nobilitati, dagli strumenti ad arco. Un percorso di contaminazione tra generi, stili, epoche diverse tra loro. Da Vivaldi ai Pink Floyd, da Mozart a Michael Jackson, il tutto proposto con contaminazioni jazz, swing, rock e pop.

 

FUORI BORGO- BORGO SONORO ospita fuori rassegna VENERDÌ 21 AGOSTO

LIZZANO, CESENA- ARENA VILLA SILVIA CARDUCCI

SANGUINETTI, MENINI, DOMENÈ, BURANI “UNA SERA ALL’OPERA”

Paola Sanguinetti soprano, Domenico Menini tenore, José Antonio Domené arpa, Davide Burani arpa

 

Due voci liriche duettano accompagnate da due arpe: uno scenario incredibile, che trasuda storia e poesia. Arie, duetti, brani strumentali per assaporare le pagine più celebri del melodramma e della musica da camera tra Ottocento e Novecento. Con la complicità del suono magnetico delle arpe, i due cantanti sveleranno al pubblico storie fatte di sguardi, sentimenti, emozioni ed equivoci. Il tutto a debita distanza… l’emozione, invece, sulla pelle.

DOMENICA 23 AGOSTO- SAN GIOVANNI IN GALILEA, BORGHI- PIAZZALE DELLA ROCCA

RIDOLFI- BERTOZZINI-BARTOLUCCI “CONVERSAZIONI SONORE”

Elisa Ridolfi voce, Riccardo Bertozzini chitarra -Fabrizio Bartolucci voce recitante

Elisa Ridolfi torna a Borgo Sonoro con un nuovo progetto, che ondeggia sinuoso tra fado, repertorio popolare e canzone d’autore, pensato per traghettare le parole dentro una musicalità personale e introspettiva. Una chitarra, una voce che narra, una voce che quel narrato canta. Un viaggio fatto di improvvisazione e solidità, un aprirsi alla ricerca di che cosa era l’arte e che cosa è oggi, nel privato e nella società. Un attore, un chitarrista e una cantante sul filo della ricerca. Non solo sul come dire le cose ma anche su che cosa dire, un necessario ritorno ai contenuti

LEAVE A REPLY