Festival internazionale Italian Brass Week (21° edizione)

Dal 19 al 26 luglio sui canali social del Festival e sulla piattaforma Zoom

0
532

Festival internazionale Italian Brass WeekSi apre il sipario per la 21esima edizione del Festival internazionale Italian Brass Week che si svolgerà interamente online, dal 19 al 26 luglio 2020. La cabina di regia avrà sede a Firenze presso il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e sarà guidata dal M° Luca Benucci, direttore artistico primo corno dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, docente della Scuola di Musica di Fiesole e del Conservatorio di Musica ‘C. Monteverdi’ di Bolzano.

La piattaforma utilizzata per masterclasses e concerti sarà Zoom oltre ai canali social del Festival: Facebook, Twitter, Instagram e Youtube.

Il Festival è realizzato in partnership con il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, ANBIMA, la Fondazione Scuola di Musica di Fiesole onlus, le istituzioni Comune di Firenze, Città metropolitana di Firenze e Regione Toscana, le Ambasciate dell’Argentina, dell’Australia, del Brasile, del Belgio, del Canada, della Spagna, del Regno dei Paesi Bassi, della Norvegia, del Portogallo, della Svizzera, della Repubblica Federale di Germania, della Repubblica Ceca, della Repubblica Federale Russa, della Repubblica Bolivariana del Venezuela, della Svezia – con sede in Roma –, il Consolato onorario degli Stati Uniti, il Consolato Onorario della Svezia, il Consolato Onorario di Francia e il Consolato onorario di Ungheria – con sede a Firenze –, il Consolato Generale della Repubblica Federale di Germania – con sede a Milano –, il Consolato Onorario della Federazione Russa – con sede a Pisa –, così come l’Istituto Polacco di Roma, la Fundamusical Simón Bolívar, l’International Women’s Brass Conference, la Spanish Association of Tubas and Eupnoiums e l’International Trombone Association.

Ogni angolo del mondo parlerà Italian Brass Week; ognuna delle 80 stars mondiali aprirà la loro casa per lasciar uscire quel soffio vitale, quel ‘Cosmic Breath’ che potrà raggiungere migliaia, milioni di giovani e appassionati della Musica. Padrino dell’Italian Brass Week 2020 è il Maestro Zubin Mehta..

La nuova edizione ha titolo ‘A Cosmic Breath: a virtual Festival with real Musicians’.

Fulcro della settimana sarà l’Aria in tutte le sue sfaccettature. L’Aria è uno dei quattro elementi vitali della natura, intangibile come la musica. È l’invisibile energia che respiriamo, è il respiro vitale, il respiro cosmico, l’anima universale. È l’elemento sinonimo di fantasia, immaginazione, spiritualità. Ed è nelle molteplici accezioni dell’Aria, in questo Cosmic Breath, che si realizzerà il nostro Festival, perché l’aria è vibrante, come diceva il grande compositore tedesco Johannes Brahms «ci sono tante melodie che vagano nell’aria che devo far attenzione a non calpestarle».

Come ogni precedente edizione del Festival, le giornate della settimana saranno scandite dalle Masterclass. Quest’anno saranno aperte a tutti, senza limiti di numero di partecipanti, e gratuite. Basteranno solo una buona connessione e uno smartphone, Iphone, Ipad, pc.

Per ogni giornata avremo 8 docenti – didatti, professori d’orchestra e solisti internazionali – che, nella fascia oraria 8.30-12.30 e 15.30-18.30 – doneranno le proprie lezioni al mondo dei Brass e a tutti gli appassionati, educheranno le generazioni al Bello, con una modalità, finora insolita, ma necessaria, capace di farci rimanere uniti nonostante l’emergenza sanitaria planetaria.

Ecco gli oltre 90 maestri della 21esima edizione.

Per i corni: Luca Benucci – Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Scuola di Musica di Fiesole, Conservatorio di musica ‘C. Monteverdi’ di Bolzano (Italia), Dale Clevenger – ex Chicago Symphony Orchestra e Indiana University (USA), Stefan Dohr – Berliner Philharmoniker (Germania), Sarah Willis – Berliner Philharmoniker (USA), Eric Terwilliger – Symphonieorchester Bayerischen Rundfunks (USA), David Pyatt – London Symphony Orchestra e Guildhall School of Music & Dramma di Londra (Inghilterra), Jeff Nelsen – Canadian Brass e Jacobs School of Music Indiana University (Canada), Stefan de Leval Jezierski – Berliner Philharmoniker e Shanghai Conservatory (USA), Han Xiao-Ming – Deutsche Radio Philharmonie (Cina), Ab Koster – NDR Symphony Orchestra di Amburgo (Germania), Rodolfo Epelde – Spanish National Orchestra e Escuela Superior de Musica Reina Sofia di Madrid (Spagna), Frøydis Ree Wekre – ex Oslo Philharmonic Orchestra e Norwegian Academy of Music (Norvegia), Giovanni Hoffer – International Jazz soloist (Italia), Erik Ralske – Metropolitan New York & Juillard school (USA), Andrew Bain – Los Angeles Philarmonic & Colburn School of Los Angeles (Australia), Guglielmo Pellarin – Accademia Nazionale di Santa Cecilia (Italia), Yoel Abadi – Israel Philharmonic & Buchmann-Mehta University Tel Aviv (Israele), Luiz Garcia – São Paulo Symphony Orchestra (Brasile), Anneke Scott (natural horn) – Royal Welsh College of Music and Drama, University of Birmingham, University of Kent, Trinity Laban Conservatory & Royal Academy of Music (Inghilterra).

Per le Trombe: Allen Vizzutti – International soloist (USA), Andrea Dell’Ira – Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino (Italia), Francisco ‘Pacho’ Flores – International soloist (Venezuela), Rex Richardson – International soloist (USA), Marco Pierobon – Gomalan Brass, Conservatorio di musica ‘C. Monteverdi’ di Bolzano & International soloist (Italia), Ruben Simeo – International soloist (Spagna), Omar Tomasoni – Royal Concertgebouw Orchestra (Italia), Giuliano Sommerhalder – Rotterdam Philharmonic (Italia), Andrea Tofanelli – International Jazz soloist (Italia), Francesco Tamiati – Orchestra del Teatro alla Scala (Italia), Joe Burgstaller – International soloist (USA), Jens Lindemann – International soloist, ex Canadian Brass & Artistic Director of the Banff Centre International Summer Brass Festival (Canada/Germania), Fábio Brum – Orquestra Sinfónica Brasileira, Royal Brass Quintet of España & International soloist (Brasile), Claudio Quintavalla – Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino (Italia), Esteban Batallán – Chicago Symphony Orchestra (Spagna), Mary Elisabeth Bowden – Artosphere Festival Orchestra, Iris Orchestra & Seraph Brass (USA), Yigal Meltzer – Israel Philharmonic & Buchmann-Mehta University Tel Aviv (Israele), Leonardo Mendez – Ensemble de Metales de Venezuela, Venezuela Brass Ensemble Sistema Nacional de Metales della Sede Nacional de Metales y Coros Juveniles e Infantiles de Venezuela Fundación Musical Simón Bolivar (Venezuela), Mireia Farrés Bosch – Barcelona Symphony and Catalonia National Orchestra & Escola Superior de Música de Catalunya (Spagna).

Per i Tromboni tenori: Joseph “Jo” Alessi – New York Philharmonic & Juilliard School of New York (USA), Enzo Turriziani – Wiener Philharmoniker (Italia), Alain Trudel – International soloist (Canada), Daniele Morandini – Orchestra del Teatro alla Scala (Italia), Antonio Sicoli – Opera di Roma & Scuola di Musica di Fiesole (Italia), Vincenzo Paratore – Orchestra del Teatro Massimo ‘V. Bellini’ di Catania & International soloist (Italia), Zoltan Kiss – Mnozil Brass & Royal Northern College of Music in Manchester (Ungheria), Jonathan Reith – Orchestre de Paris (Francia), Jamie Williams – Deutsche Oper Berlin & Hochschule für Musik und Theater Rostock (USA), Jörgen van Rijen – Royal Concertgebouw Orchestra & Amsterdam Conservatory (Paesi Bassi), Elias Faingersh – International soloist (Svezia), Hiroyuki Kurogane – International soloist (Giappone), Ximo Vicedo – Spanish Radio Television Symphony Orchestra, Escuela Superior de Musica Katarina Gurska in Madrid, Alicante Brass Academy & International soloist (Spagna), Vanessa Fralick – Toronto Symphony Orchestra (Canada), Jack Chou – International soloist, Metropolis Trombone Quartet & Taiwan Connection Chamber Orchestra (Taiwan), David Bruchez-Lalli – Tonhalle Orchestra Zurich, University of the Arts in Zurich & Director of Youth Symphony Orchestra in Zurich (Svizzera), Katy Jones – Hallé Orchestra & Royal Northern College of Music (USA), Achilles Liarmakopoulos – Canadian Brass, Greek Radio Symphony Orchestra, Malaysian Philharmonic & European Union Youth Orchestra (Grecia), Abbie Conant – International soloist & Trossinger University (USA), Fabrice Millischer – Conservatoire National Supérieur de Musique et de Danse de Paris & Musichochschule Freiburg (Francia).

Per i Tromboni bassi: Gabriele Malloggi – Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino (Italia), Charlie Vernon – Chicago Symphony Orchestra & DePaul University of Chicago (USA), Stefan Schulz – Berliner Philharmoniker & Berlin University of the Arts (Germania), Ben van Dijk – Rotterdam Philarmonic (Paesi Bassi), Steve Norrel – Metropolitan Opera Orchestra of New York (USA), José Ángel Isla – Orchestre de Paris Conservatoire National Supérier de Musique de Lyon & Conservatoire National Supérieur de Musique et de Danse de Paris (Spagna), Matyas Veer – Staatsorchester Stuttgart (Germania), Christian Jones – Opera North Yorkshire & Royal Northern College of Music (Inghilterra), Gabriel Langfur – Boston University, Rhode Island Philharmonic & Vermont Symphony Orchestra (USA).

Per le Tube: Roger Bobo – Tuba Legend, ex Los Angeles Philharmonic, Scuola di Musica di Fiesole & Musashino Academy of Music (USA), Dan Perantoni – Indiana University Jacobs School of Music & International soloist (USA), Øystein Baadsvik – International soloist (Norvegia), Alessandro Fossi – Conservatorio di musica ‘ C. Monteverdi’ di Bolzano, Gomalan Brass & International soloist (Italia), Jens Bjørn Larsen – Danish National Radio Symphony Orchestra, Hochschule für Musik Hannover & International soloist (Danimarca), Roland Szentpali – International soloist (Ungheria), Sérgio Carolino – International soloist (Portogallo), Mike Forbes – La Crosse Symphony and Manitowoc Symphony Orchestras, University of Wisconsin-La Crosse & International soloist (USA), Mike Roylance – Boston Symphony Orchestra, New England Conservatory (USA), Derek Fenstermacher – St. Louis Symphony Orchestra, New Jersey Symphony Orchestra, Albany Symphony Orchestra, Montclair State University & Kean University (USA), Patrick Sheridan – International soloist (USA), Perry Hoogendijk – Royal Concertgebouw Orchestra & Amsterdam Conservatorium (Paesi Bassi), David Muñoz – Conservatorio Profesional de Música de Gijón dell’Universidad de Oviedo (Spagna), Aaron Tindal – Sarasota Orchestra & University of Miami (USA), Michael Grose – University of Oregon, Eugene Symphony & Oregon Brass Quintet (USA), Joanne Ross Hersey – University of North Carolina at Pembroke & President of International Women’s Brass Conference (USA), Eduardo Nogueroles – Conservatorio Profesional de Música de Valencia, Director de la Banda Sinfónica de la Societat Musical d’Alboraya, Presidente de la Asociación de Tubas y Bombardinos & Rapresentante internacional de la International Tuba and Euphonium Association (Spagna), Albert Savino Khattar – International soloist & Universidade Federal do Rio de Janeiro (Brasile).

Per gli Euphonium: Luciano De Luca – Italian Brass Band & Banda Nazionale della Polizia di Stato (Italia), Bastien Baumet – Paris Brass Band, National French Police Orchestra & Conservatoire National Supérieur de Musique et de Danse de Paris (Francia), Fernando Deddos – Panama Brass Orchesta, International soloist, Federal University Rio Grande do Norte States & President of the Brasilian Euphonium and Tuba Association (Brasile), Kang Chun Meng – Singapore Armed Forced Central Band & Lion City Brass Band (Singapore), Josep Burguera Riera – Palma de Mallorca Windband & Balearic Islands Superior Conservatory (Spagna).

Personal Coachs: Gabriella Rania – Mental Coach della Roberto Re Leadership School (Italia), Elies Monxolí Cerveró – Docente di yoga, meditazione e Tecnica Alexander, PluralEnsemble & Conservatorio Superior de Música de Madrid and Castelló de la Plana (Spagna)

Tra le due sessioni delle masterclasses ci saranno concerti in streaming, talk show, meeting e happening ai quali prenderanno parte 20 Brass Ensemble del pianeta, così come esperti d’arte, chef e sommelier di livello internazionale quali la Dr. Antonella Lombardi per il patrimonio artistico-culturale, lo Chef internazionale ‘showman della ciccia’ Dario Cecchini, la cuoca di Rai Uno e scrittrice Luisanna Messeri per l’ambito enogastronomico, Paola Mencarelli giornalista e direttrice della Florence Coktail Week, solo per citarne alcuni.

Il Festival 2020 ha una mission che si fonda su tre pilastri: ‘Wings to Talent’, ‘Italian Brass Week for Youth’ e ‘Music to People’, pilastri che si fanno portavoce di Bellezza, Fantasia, Internazionalità, Talento, Ingegno e Passione.

L’edizione ‘Wings to Talent’, quest’anno sarà online e non seguirà il modello del Concorso internazionale, come per le precedenti edizioni in presenza, bensì, nella giornata conclusiva del Festival, i migliori giovani musicisti e professionisti italiani, vincitori dei precedenti Concorsi internazionali del nostro Festival, premiati con le borse di studio offerte da ANBIMA, si presenteranno al grande pubblico ed eseguiranno dei brani scelti al fine di mettere in primo piano i loro talenti.

Consolideremo, seppur online, la nostra missione, mettendo le ali alle giovani promesse musicali, valorizzando e incrementando la collaborazione con prestigiose istituzioni e organizzazioni formative, quali El Sistema Abreu nel Venezuela, l’Istituto Bacarelli di San Paolo in Brasile, l’Ensemble Nifo Band dal Gambia in Africa, al fine di garantire una formazione diffusa e capillare con accesso libero e gratuito per tutti. Una mission allargata: ‘Italian Brass Week for Youth’. Crediamo, come già sostenuto da José Antonio Abreu, che l’educazione musicale sia un modo di organizzare e sviluppare la comunità. Abbiamo la responsabilità sociale di professionalizzare i giovani, trasferendo quelle conoscenze millenarie che la Musica ha, quell’integrazione cosmica che è Vita, non solo musicale.

È grazie a questa missione che abbiamo ricevuto la Medaglia di Bronzo del Presidente della Repubblica.

E, infine, ‘Music to People’. Ogni giorno ospiteremo molte formazioni Brass connesse con noi dai cinque continenti e musica elettronica. Gli appuntamenti pomeridiani saranno due, scanditi negli orari 14.30 e 14.45, quelli serali saranno tre, suddivisi negli orari 21.00, 21.45 e 22.30. Hanno già aderito al nostro progetto ‘A Cosmic Breath’: il Quartetto di corni del Maggio Musicale Fiorentino (Italia), i Russian Horns (Russia), i Bayres Horns (Argentina), BrassUka (Brasile), il Shofar Horn Quartet (Brasile), i Seraph Brass (USA), l’American Brass Quintet (USA), il Siete Quartos 7/4 Brass Ensemble (Venezuela), il Venezuelan Horn Ensemble (Venezuela), il 8 Buglers of Japan (Giappone), il Mascoulisse Quartet (Italia), i South Brass (Italia), la Nifo Band (Gambia), Son De Tikizia (Costa Rica), i Melos Brass (Grecia), l’Iran Brass Ensemble (Iran), il Quinteto de Bronces ‘Embajador’ (Guatemala), i Belgian Brass (Belgio), il Kortenhoef Brass Quintet (Paesi Bassi), l’M5 Mexican Brass (Messico), i Gomalan Brass (Italia).

La chiusura di ogni serata spetta alla perfomance di musica elettronica e Brass curata dal produttore e sound designer Alberto Tucci di ‘Elastica Records’, storica etichetta discografica indipendente che, dal Chianti è, ad oggi, il punto di riferimento della scena elettronica internazionale.

Anche per il Main Show sarà l’aria, quella calda dell’aerostato dei fratelli Montgolfier a portare in alto, nei cieli di Firenze, per la giornata conclusiva del Festival, gli Ottoni del Maggio Musicale Fiorentino.. A bordo del globo aerostatico, quale omaggio a Firenze in un arrivederci al 2021, si ripercorrerà l’impresa di Giovanni Luder, il primo, nel Granducato di Toscana, a spiccare il volo in una sera d’estate – era il 16 luglio 1795 – nei cieli della città del Giglio, per esser promosso dal Granduca Ferdinando III ‘fontaniere regio’ ed ottenere ben 24 zecchini d’oro. Come Luder, gli Ottoni del Maggio Musicale Fiorentino «saliranno nell’aria e si confideranno ai venti», unendosi al respiro cosmico dell’universo con la loro energia, anima dell’Italian Brass Week.

La penna di Francesco Traversi – pluripremiato con Bronze, Silver e Gold Medals ai Global Music Awards di Los Angeles quale Miglior Compositore e Miglior compositore contemporaneo di musica classica nel 2014, 2016 e 2018 – autograferà la partitura della nostra prima mondiale assoluta. Colonna sonora del Main Show sarà la celebre romanza del Principe Calaf dalla Turandot del compositore toscano Giacomo Puccini, Nessun dorma. L’aria del Principe ignoto giungerà fino a quelle stelle che tremano di speranza che lasceranno il posto alla luce dell’alba. Dalle tenebre dell’emergenza della pandemia Covid-19 torneremo alla luce e «all’alba vincer[emo]!».

——–

Info, iscrizioni e contatti: segreteria@italianbrass.com, www.italianbrass.com – Pagina Facebook: Italian Brass Week

LEAVE A REPLY