Di là dal fiume (3° edizione)

Dal 23 agosto al 6 settembre a Roma

0
186

Di là dal fiumeIl progetto è vincitore dellAvviso Pubblico Estate Romana 2020 – 2021 – 2022, fa parte di Romarama 2020, il palinsesto culturale promosso da Roma Capitale, ed è realizzato in collaborazione con SIAE 

Porta Portese: anche una strada può diventare un mercatoe un palcoscenico

A seguito di profondi cambiamenti sociali, economici e urbani si assiste, a partire dal XIX secolo, ad una mutazione nel carattere percettivo e funzionale della strada, oramai occupata prevalentemente da veicoli e in forte opposizione con una misura umana della città. Il mercato di Porta Portese, a Roma, trasforma la strada in mercato. Nato intorno alla metà del Novecento, e tuttavia ancora vivace, ci dimostra come lo spazio del mercato sia effettivamente fondante la città, che nasce e vive grazie agli scambi commerciali, culturali, sociali.   Nella proposta di Teatroinscatola, Porta Portese indossa e vive una seconda pelle, c’è un secondo atto: terminati gli affari, i piccoli commerci, le sorprese di cose ritrovate, ecco che lo spazio si anima di nuova vita. Musica, performance, incontri … il momento della confusione e delle mille parole diviene un luogo di ascolto e meraviglia, nasce un nuovo mondo dalle ceneri (cartoni) di Porta Portese …

Quale rivelazione, quale scoperta sono queste strade svuotate. Adesso lo sguardo può sollevarsi e guardare, compaiono i palazzi, le loro misure, le loro proporzioni …

Si crea un nuovo paesaggio urbano nel vuoto del mercato-assente.

Arch. Massimo Alessandrini

—–

Dal 23 agosto al 6 settembre torna il festival curato dallAssociazione Culturale Teatroinscatola, Di là dal fiume, con il suo programma di esperienze culturaliinsolite, diffuse gratuitamente in luoghi ogni volta differenti del XII Municipio di Roma, tra Porta Portese e il suo mercato domenicale, Ponte Testaccio, e con deviazioni verso Trastevere e Piazza Sonnino.

In questi anni il festival ha portato straordinari artisti legati al mondo della sperimentazione, come Nanni Balestrini, Antonello Neri, Mike Cooper, Alvin Curran, Carlo Quartucci, Pippo Di Marca su autobus, battelli, piscine, stazioni dei treni, gallerie darte, studi dartista, centri sportivi, mercati o semplici caffetterie.  Tutto questo, nellidea di fondo che il riuso di strade, piazze e aree della città mediante linterazione con le arti può creare inediti luoghi di relazione, esaltando il carattere stesso di questi interventi, fondati sul temporaneo, sulleffimero, sullelemento programmaticamente limitato nel tempo e nello spazio. 

Il festival, giunto alla sua terza edizione, rende omaggio allartista e fotografo Franco Vaccari (alla sua opera presentata alla Biennale darte di Venezia del 1972: Esposizione in tempo reale N. 4. Lascia sulle pareti una traccia fotografica del tuo passaggio). Sua è l’immagine in bianco e nero del poster, quei mosaici di volti sul muro della Biennale sono improvvisamente diventati attuali e familiari: rimandano alle videochiamate, alle videolezioni, alle videoconferenze.

La proposta del festival, che spazia tra teatro, poesia, installazioni sonore, proiezioni, passeggiate culturali e biciclettate lungo il Tevere, si articola in momenti, scanditi da luoghi/itinerari.

——–

Porta Portese > Via Angelo Bargoni è una delle vie utilizzate la domenica per il mercato. La via è riconoscibile per la presenza di un edificio che occupa tutta la lunghezza della strada, un edificio degli anni Settanta, progettato dallarchitetto Venturino Ventura (collaboratore di Libera). Schermi a led (con una differente disposizione per ogni incontro) saranno posizionati in strada per rendere possibili i seguenti eventi: 

domenica 23 Earthset – “L’Uomo Meccanico il primo film muto di fantascienza/horror prodotto in Italia nel 1921, perso, poi ritrovato e restaurato dalla Cineteca di Bologna, con le sonorizzazioni dal vivo della rock band bolognese Earthset (sei schermi);

domenica 30 il documentario ambientalista francese Domani, di Mélanie Laurent e Cyril Dion (doppio schermo e doppia platea);

domenica 6 Ecologia, follia e dintorni, monologo scritto e detto sul palco da Jacopo Fo (schermo unico e platea unica).

Porta Portese è anche il luogo dove il festival domenica 6 renderà disponibile gratuitamente, prima dellinizio dello spettacolo, una macchina per fototessera vintage (fornita dalla ditta DEDEM che è la stessa che da 50 anni collabora con Franco Vaccari e che realizza e gestisce tutte le cabine per fototessere italiane e non solo): il pubblico potrà lasciare una traccia della sua partecipazione al festival. 

——-

A Trastevere > Piazza Sonnino, per due sabati consecutivi, 29 agosto e 5 settembre, una edicola dismessa, che occupa quasi il centro della piazza, sarà trasformata in una vera e propria scatola sonora, interamente vibrante di materiali testuali letti e registrati da alcuni autori di scritture di ricerca, legati al sito gammm.org. Per amplificare la voce dei poeti, si userà l’edicola stessa come diffusore/risuonatore. La tecnica in questione fu utilizzata in modo significativo da David Tudor nel suo lavoro Rain forest, dove diversi oggetti vennero trasformati in diffusori/risuonatori.

Alcuni luoghi del XII Municipio che sono stati set di film saranno loccasione per due passeggiate sabato 29 agosto e sabato 5 settembre, in collaborazione con lassociazione Lost in location, che porterà gruppi di cittadini nei luoghi dove alcuni celebri film sono stati, in piccola o gran parte, girati. Il cine turismo è un termine ideato in Italia nel 2003 ed è un fenomeno che può costituire unopportunità di valorizzazione e promozione del territorio.

Sabato 5 sarà possibile prenotare una biciclettata lungo il fiume in compagnia del geologo Umberto Pessolano.

Il festival si avvale della collaborazione di: Quaderni del Silenzio, GAMMM, TiconZero, Lost in location, Cineteca di Bologna, DEDEM, Cinemaitaliano.info

LEAVE A REPLY