Festival delle Nazioni (53° edizione)

Dal 22 al 29 agosto a Città di Castello e nell’Alta Valle del Tevere

0
467

Festival delle NazioniSilvio Orlando con la Filarmonica Gioachino Rossini, il Quartetto Werther, il pianista Dmitry Shishkin, il duo Troussov-Troussova, il soprano Maria Komarova con la pianista Svetlana Makedon una conferenza musicale per conoscere Nikolai Medtner, Omar Zoboli e Giorgio Cerasoli in un omaggio a Beethoven e un progetto originale con musiche in prima assoluta di Daniele Furlati

La musica post-romantica di Rachmaninov, il simbolismo di Skrjabin e Medtner, il modernismo di Prokof’ev. Sono solo alcune delle proposte musicali del cinquantatreesimo Festival delle Nazioni: un omaggio alla Russia, che si svolgerà a Città di Castello e nellAlta Valle del Tevere dal 22 al 29 agosto 2020. Forte di un management rinnovato ai suoi vertici con Leonardo Salcerini neoeletto presidente e Pier Giorgio Lignani vicepresidente – l’associazione tifernate conferma la sua presenza e la sua vitalità e propone una programmazione di alto livello, seppur limitata a una settimana di eventi (otto spettacoli spalmati su altrettanti giorni più diversi eventi collaterali) e nel pieno rispetto delle norme anti-Covid.

«L’edizione di questanno spiega il direttore artistico Aldo Sisilloprenderà in particolare considerazione il periodo della cosiddetta dell’età d’argento della Russia che comprende circa trentanni a cavallo fra Ottocento e Novecento; anni formidabili per i fermenti culturali e artistici che si verificarono in Russia, così come nel resto dEuropa, dove ribollivano le premesse che porteranno alla grande tragedia della prima guerra mondiale che metteranno fine allordine politico ottocentesco.  

In una scorsa edizione dedicata alla Russia continua il direttore artistico abbiamo esplorato la formazione della scuola nazionale, delle istanze culturali che portarono alla creazione di unidentità nazionale, a partire dalla nascita della capitale Pietroburgo, di questo grande e complesso Paese che nel suo periodo di massima espansione toccò tre continenti. Abbiamo accennato poi alla straordinaria e importante presenza di musicisti italiani fino ad arrivare a Čajkovskij, massima espressione del percorso di creazione di un linguaggio, che pur non rifiutando forme e stilemi dellesperienza sinfonica europea, si caratterizza per un uso del timbro e del ritmo assolutamente legati alla tradizione russa.

Questanno conclude Sisillo – ‘viaggeremonelle correnti musicali che si svilupparono tra la fine dellOttocento e i primi ventanni del Novecento: i cosiddetti post-romantici come Rachmaninov a Mosca, i simbolisti come Skrjabin o Medtner e il modernismo che vide protagonisti Prokof’ev e altri compositori a Pietroburgo».

A inaugurare la rassegna sarà Dmitry Shishkin, uno dei pianisti più apprezzati della sua generazione. Lartista ci farà immergere subito nelle sonorità e negli stili musicali che caratterizzeranno questa edizione del Festival, eseguendo lo Scherzo à la russe op. 1 di Čajkovskij, una selezione di Motivi dimenticati di Nicolai Medtner, la Sonata n. 7 in si bemolle maggiore op. 83 di Prokofev, la Sonata n. 2 in sol diesis minore op. 19 Sonate-Fantaisie di Skrjabin e la Sonata n. 2 in mi bemolle minore op. 36 di Rachmaninov (sabato 22 agosto ore 21.00, Città di Castello, Teatro degli Illuminati). 

Un progetto speciale vedrà poi lesecuzione del famosissimo Pierino e il lupo di Prokofev: la fiaba popolare per voce recitante e orchestra sarà raccontata dal popolare attore Silvio Orlando e accostata al Carnevale degli animali di Saint-Saëns; il tutto nellesecuzione musicale della Filarmonica Gioachino Rossini di Pesaro diretta dalla giovane Alicia Galli (domenica 23 agosto ore 21.00, Città di Castello, Teatro degli Illuminati).

Un cuore irrequieto batte è l’eloquente titolo del recital lirico che vedrà protagoniste il soprano Maria Komarova e la pianista Svetlana Makedon: un concerto di liriche e arie dopera russe che proporrà appassionanti pagine di Rachmaninov, Cezar’ Kjui, Anton Arenskij, con estratti dalle opere Iolanta di Čajkovskij e Fanciulla di neve di Rimskij-Korsakov (lunedì 24 agosto ore 18.00 e ore 21.00, Città di Castello, Teatro degli Illuminati).

C’è grande attesa per il ritorno a Città di Castello del Quartetto Werther, il gruppo vincitore del Concorso nazionale Alberto Burri 2019. Per il secondo anno consecutivo, la formazione vincitrice del concorso tifernate si è aggiudicata anche il prestigioso Premio Piero Farulli nellambito del Premio della critica musicale Franco Abbiati e come da tradizione tornerà a esibirsi nella cittadina umbra nellambito del cartellone principale del Festival delle Nazioni. Il quartetto composto da Misia Iannoni Sebastianini al violino, Martina Santarone alla viola, Vladimir Bogdanović al violoncello e Antonino Fiumara al pianoforte eseguirà in particolare il Quartetto in la minore (dal Quartettsatz di Gustav Mahler) di Alfred Schnittke, il Quartetto per pianoforte e archi di Aaron Copland e il Quartetto per pianoforte e archi in do minore op. 60 n. 3 denominato Wertherdi Johannes Brahms (martedì 25 agosto ore 21.00, San Giustino, Cortile del Castello Bufalini).

Come di consueto, il Festival delle Nazioni non dimenticherà di omaggiare i gigantidella musica di tutti i tempi e di tutti Paesi celebrando gli anniversari più significativi. Questanno sarà la volta di Ludwig van Beethoven, di cui nel 2020 ricorre il duecentocinquantesimo anniversario della nascita: al grande musicista di Bonn sarà dedicato un originale concerto dal titolo … e nel salottino di Beethoven apparve un oboe!, nel quale l’oboista Omar Zoboli e il fortepianista Giorgio Cerasoli eseguiranno rarità originali e trascrizioni di musiche di Beethoven e di compositori a lui vicinicome Donizetti e Widerkehr (mercoledì 26 agosto ore 18.00, Citerna, Chiesa di San Francesco). 

Attraverso il racconto di Luigi Ferrari e gli esempi musicali eseguiti dalla pianista Costanza Principe, si farà luce su un compositore ancora troppo poco conosciuto in Italia e che invece merita una considerazione ben più alta per la sua produzione che, non scevra di riferimenti romantici e di grande cantabilità ‘alla Chopin, si muove tra simbolismo e tardo-romanticismo: Motivi dimenticati, Nikolai Medtner 1880 -1951 è il titolo della conferenza musicale che includerà anche la presentazione del successo letterario Triade minore (Ponte alle Grazie, 2018) di cui è autore lo stesso Ferrari (giovedì 27 agosto ore 18.00, Città di Castello, Pinacoteca Comunale, Manica lunga). 

Forti del successo della scorsa edizione, continua la collaborazione con lAssociazione Culturale Laboratori Permanenti di Sansepolcro nella produzione di uno spettacolo di teatro musicale. Il lavoro di questanno si intitola Realtà, sogno e delirio nella letteratura russa: è un progetto artistico basato su testi di vari autori e autrici russi da Majakovskij a Charms, dalla Višneveckaja a Tarkovskij, da Puškin a Teffi e alla Cvetaeva elaborati da Caterina Casini con le musiche in prima esecuzione assoluta commissionate dal Festival delle Nazioni a Daniele Furlati, compositore particolarmente versato per la musica per il teatro e il cinema (venerdì 28 agosto ore 21.00, Sansepolcro, Cortile del Teatro della Misericordia).

A chiudere la 53a edizione del Festival delle Nazioni sarà il duo composto dalla giovane stella del violinismo russo Kirill Troussov e dalla pianista Alexandra Troussova: i due fratelli proporranno un variegato programma che si muoverà tra i linguaggi di Čajkovskij e Schnittke fino alla celeberrima Sonata in re maggiore di Prokofev. Merita una menzione speciale il violino di Kirill Troussov: è il famoso Stradivari Brodsky, sul quale fu eseguito per la prima volta il Concerto per violino di Čajkovskij (sabato 29 agosto ore 21.00, Città di Castello, Teatro degli Illuminati).

I biglietti per i concerti saranno in vendita a partire dal 17 agosto. Per ulteriori informazioni, 075 8521142, ticket@festivalnazioni.com, www.festivalnazioni.com.

——–

DICHIARAZIONI

«Un programma ricco di eventi di grande spessore artistico è la risposta che il Festival delle Nazioni di Città di Castello ha deciso di dare alle difficoltà che stiamo attraversando. Lemergenza sanitaria ha messo a dura prova tutto il Paese, e gli organizzatori di eventi si sono trovati a fare i conti con le nuove norme anti Covid. Il Festival delle Nazioni, al pari di altri festival che si tengono in Umbria, non ha voluto arrendersi, anzi ha deciso di mettere in campo un cartellone di alto livello con uno sforzo organizzativo notevole. A loro va il ringraziamento, e ove possibile lapporto, della Regione, anche per il messaggio positivo che viene lanciato da Città di Castello. Questo è senza dubbio un periodo in cui dobbiamo avere la capacità di fare squadra, di non arrenderci e di sapere gestire le situazioni per quanto appiano complicate. LEnte, nonostante la fase complessa, ha puntato sul turismo, anche attraverso mirate campagne di comunicazione. I risultati ci stanno dando ragione e manifestazioni come quella tifernate sono un tassello fondamentale nel panorama di unUmbria che si apre anche ai turisti mostrandosi, bella, sicura e culturalmente attrattiva».

Donatella Tesei, presidente della Regione Umbria

«La fase3 della cultura, arte e musica allinsegna di una delle manifestazioni più longeve e prestigiose del panorama nazionale ed internazionale. Il Festival delle Nazioni che ha raggiunto quota 53, seppur in versione temporale ridotta rispetto alle tradizionali edizioni a causa dellemergenza Covid, si presenta comunque di grande spessore qualitativo con proposte inedite e anteprime. Ledizione 2020 dedicata alla Russia messa a punto ancora una volta con grande professionalità e competenza dal direttore artistico, il maestro Aldo Sisillo, con il coinvolgimento del nuovo Consiglio di Amministrazione, è senza dubbio di grande qualità nella programmazione ricca anche di eventi collaterali. Lappuntamento di fine agosto si preannuncia interessante anche sotto il profilo della promozione delle bellezze culturali, artistico, storiche della città e del comprensorio con i suoi contenitori di pregio e suggestione che ospiteranno i concerti e gli spettacoli del festival. Un segnale incoraggiante da cui poter ripartire in sicurezza e speranza».

Luca Secondi, vicesindaco di Città di Castello

«Un tratto distintivo del DNA di noi italiani è la capacità di affrontare i momenti di difficoltà con spirito di iniziativa, traendo ispirazione e forza dai nostri valori e dalla nostra cultura, di cui la musica è espressione fondamentale. Lisolamento ha cambiato le nostre abitudini, e ancora oggi viviamo un momento di grande incertezza, ma dobbiamo guardare avanti con lottimismo e la resilienza che ci appartengono. Molte sono le imprese, le associazioni, le attività che in questi mesi hanno reagito e non hanno rinunciato alla propria identità. Il Festival delle Nazioni di Città di Castello, con il suo considerevole programma di eventi, ne è un esempio concreto, una testimonianza positiva per il settore dello spettacolo e dellintrattenimento, tra i più colpiti dallemergenza sanitaria. La musica rappresenta un bene irrinunciabile, di forte aggregazione, uno strumento che con la propria vitalità riesce a rompere il silenzio e destare normalità».

Leonardo Salcerini, presidente del Festival delle Nazioni

LEAVE A REPLY